The Last Dance (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Last Dance
The Last Dance (serie televisiva).jpg
Screenshot del trailer della serie televisiva
Titolo originaleThe Last Dance
PaeseStati Uniti d'America
Anno2020
Generedocumentario, sportivo
Puntate10
Durata48-50 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Crediti
IdeatoreMichael Tollin
RegiaJason Hehir
Casa di produzioneNBA Entertainment, Mandalay Sports Media, Jump23, ESPN, Netflix
Rete televisivaESPN
Distributore
(ed. italiana)
Netflix

The Last Dance è una serie tv creata da ESPN e Netflix che racconta la carriera di Michael Jordan partendo dalla stagione dell’ultimo anello, con continui flashback sugli anni passati.

La serie è uscita in streaming sulla piattaforma Netflix il 19 Aprile 2020 con il rilascio dei primi due episodi, e si è conclusa il 17 Maggio dello stesso anno, con un totale di 10 episodi e 8 ore di durata complessiva.

La serie raccoglie recensioni estremamente positive e diventa immediatamente un fenomeno mediatico, chiudendo con un totale di 23.8 milioni di spettatori a livello globale e diventando il documentario ESPN più visto della storia[1].

L'uscita della serie è stata anticipata a causa del periodo di lockdown causato dal Covid-19, in un periodo in cui il campionato NBA era stato sospeso: questo ha certamente contribuito all'enorme successo della serie, diventando il principale intrattenimento per gli appassionati di basket in tutto il mondo[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie racconta i sei titoli NBA ottenuti dai Chicago Bulls tra il 1991 e il 1998, con un particolare focus sulla stagione 1997-98 (ultimo campionato disputato da Jordan con la franchigia) e sulla carriera della loro stella Michael Jordan. La serie contiene anche numerosi contributi da parte di altri elementi centrali del gruppo, come Scottie Pippen, Phil Jackson e Dennis Rodman, e svariate personalità di spicco della storia dell'NBA come Magic Johnson e Kobe Bryant.

Michael Jordan e il coach Phil Jackson durante la stagione 97-98.

La serie utilizza una serie di immagini e riprese inedite, girate da una troupe cinematografica della NBA Entertainment, che ha avuto la possibilità di seguire tutte le attività dei Bulls nell'arco dell'intero torneo. Queste immagini sono intervallate da approfondimenti sulle varie personalità intervistate e sulla vita di Jordan in particolare.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il rilascio della serie, Scottie Pippen rilascia alcune dichiarazioni riguardo l'autenticità del prodotto, definendolo l'ennesimo tentativo di Jordan di ricordare alle nuove generazioni il suo talento e lascito sportivo, e in particolare la sua superiorità a Lebron James.[3]

(EN)

«"Michael in realtà voleva solo dimostrare alla generazione attuale dei fan NBA quanto in quel periodo storico fosse un qualcosa di fuori dall’ordinario e comunque un giocatore migliore di LeBron James, che molti considerano del suo stesso livello, se non superiore. Con questo documentario ha quindi presentato la sua storia, non quella di “The Last Dance” ..»

(IT)

«"Except Michael Jordan was determined to prove to the current generation of fans that he was larger-than-life during his day—and still larger than LeBron James, the player many consider his equal, if not superior. So Michael presented his story, not the story of the “Last Dance”.»

Pippen ha aggiunto che racconterà la sua versione dei fatti nella sua biografia inedita, dal titolo "Unguarded"

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 10 2020 2020

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Last Dance scores 23.8m viewers globally on Netflix, su SportsPro, 21 maggio 2020. URL consultato il 17 marzo 2022.
  2. ^ The Last Dance, la serie tv su Michael Jordan diventa la più vista di sempre su Netflix in Italia, su Il Fatto Quotidiano, 15 maggio 2020. URL consultato il 17 marzo 2022.
  3. ^ (EN) R. P. Salao, Scottie Pippen's Wild LeBron James Accusation Tt Michael Jordan Over 'Last Dance', su ClutchPoints, 2 novembre 2021. URL consultato il 17 marzo 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]