The Kids Aren't Alright

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Kids Aren't Alright
The Offspring - The Kids Aren't Alright.png
Screenshot tratto dal videoclip del brano. Da sinistra sono visibili Ron Welty e Noodles
ArtistaThe Offspring
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1999
Durata3:00[1]
Album di provenienzaAmericana
GenereRock alternativo[1]
Punk revival[1]
Post-grunge[1]
EtichettaColumbia Records[1]
ProduttoreDave Jerden
Registrazione1998
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 200 000+)
Dischi di platinoItalia Italia[3]
(vendite: 50 000+)
The Offspring - cronologia
Singolo precedente
(1999)
Singolo successivo
(1999)

The Kids Aren't Alright è un singolo[1][4] della band punk Offspring. È stato pubblicato sul loro quinto album, Americana.

Il titolo è un'allusione al singolo The Kids Are Alright degli Who[5].

La canzone è presente nella colonna sonora del film The Faculty[6].

Ha raggiunto la posizione numero 6 nella classifica Billboard Modern Rock Tracks[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La canzone, scritta da Dexter Holland, fa riferimento ad una sua visita al quartiere in cui abitava presso Garden Grove (contea di Orange, California)[7][8].

Ha visto alcuni suoi amici d'infanzia che sono rimasti colpiti da eventi spiacevoli come l'incontro con la droga o come siano rimasti vittime di esaurimenti nervosi e spiega in dettaglio come questo gruppo di amici d'infanzia si sia rovinato[7].

I quattro ragazzi - Jamie, Mark, Jay e Brandon - avevano tutti ottime potenzialità per vivere delle vite straordinarie ma ognuno di loro getta via la propria vita in un modo diverso.

Jamie rimane incinta e deve abbandonare la scuola superiore per crescere il bambino, Mark rimane per tutta la vita a casa dei suoi genitori suonando la chitarra e fumando marijuana, Jay si suicida e Brandon muore per overdose[7].

Video[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip mostra una stanza abbandonata con al centro delle persone che fanno attività stereotipate. Contrariamente a quanto si pensa, le inquadrature sono state fatte con normali tecniche rotoscopiche, non al computer[7].

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[11][modifica | modifica wikitesto]

1^ Versione[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Kids Aren't Alright
  2. Pretty Fly (for a White Guy) (Live)
  3. Walla Walla (Live)

2^ Versione[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Kids Aren't Alright
  2. Pretty Fly (for a White Guy) (Live)
  3. Walla Walla (Live)
  4. Pretty Fly (for a White Guy) (Video)

3^ Versione[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Kids Aren't Alright
  2. Pretty Fly (for a White Guy) (Live)
  3. Why Don't You Get a Job? (Video)
  4. Walla Walla (Live)

4^ Versione[1][modifica | modifica wikitesto]

  1. The Kids Aren't Alright - 3:00

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

The Kids Aren't Alright nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Copertine[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo ha tre copertine. La prima mostra uno spaventapasseri che cade verso dei tentacoli. La seconda e la terza mostrano un ragazzino raccogliere una pistola con del sangue vicino, ma una delle due è maggiormente luminosa[13].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk