The Imitation Game

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Imitation Game
The Imitation Game.jpg
Benedict Cumberbatch in una scena del film.
Titolo originale The Imitation Game
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America, Regno Unito
Anno 2014
Durata 113 min
Colore colore
Audio Dolby Digital
Genere biografico, drammatico, thriller, storico
Regia Morten Tyldum
Soggetto Andrew Hodges (biografia)
Sceneggiatura Graham Moore
Produttore Nora Grossman, Ido Ostrowsky, Teddy Schwarzman
Produttore esecutivo Graham Moore
Casa di produzione Black Bear Pictures, Bristol Automotive
Distribuzione (Italia) Videa CDE
Fotografia Óscar Faura
Montaggio William Goldenberg
Effetti speciali Jason Troughton
Musiche Alexandre Desplat
Scenografia Maria Đurkovic
Costumi Sammy Sheldon
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Imitation Game è un film del 2014 diretto da Morten Tyldum, con protagonista Benedict Cumberbatch nei panni del matematico e crittoanalista Alan Turing.

La pellicola è l'adattamento cinematografico della biografia Alan Turing. Una biografia (Alan Turing: The Enigma), pubblicata dopo l'uscita del film anche col titolo Alan Turing. Storia di un enigma, scritta da Andrew Hodges[1] nel 1983.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

« A volte sono le persone che nessuno immagina possano fare certe cose, quelle che fanno cose che nessuno può immaginare. »
(Alan Turing)

Regno Unito, 1939. Il matematico e crittoanalista Alan Turing decide di mettere il proprio genio al servizio della Gran Bretagna. L'obiettivo è far terminare il conflitto quanto prima collaborando alla segretissima operazione di decriptazione dei codici segreti nazisti, codificati con la macchina denominata Enigma. Schivo e silenzioso, Turing si presenta a colloquio convincendo il Comandante Alastair Denniston ad assumerlo, ma i primi dissapori cominciano a manifestarsi quando comprende che dovrà lavorare con altre brillanti menti matematiche. Caratterialmente solitario, Turing comincia a diventare inviso ai suoi collaboratori, tra i quali spiccano il borioso ma geniale Hugh Alexander (campione nazionale e maestro di scacchi) e il giovane Peter Hilton, continuamente in conflitto con il protagonista in quanto giudicato troppo saccente e inadatto alla collaborazione di squadra. Decifrare i codici codificati con una macchina Enigma è infatti una missione ritenuta impossibile dalle autorità britanniche, in quanto i tedeschi cambiano la chiave di codificazione di tutti i messaggi cifrati allo scoccare della mezzanotte di ogni giorno.

Divenuto capo del gruppo e con non pochi attriti con il suo datore di lavoro, Turing decide che è giunto il momento di cambiare metodo: non più agire in difesa tentando ogni giorno di interpretare i codici dell'Asse, ma giocare al contrattacco inventando una macchina che svolga questo compito. Alan seleziona quindi tra i migliori candidati coloro che dovranno accompagnarlo nell'impresa titanica di costruire la macchina elaboratrice che preveda gli attacchi nemici. Chi fosse riuscito a risolvere un cruciverba da lui inventato entro sei minuti si sarebbe dovuto presentare alle selezioni per l'incarico segreto; tra i candidati giunge a colloquio la venticinquenne Joan Clarke, ancora nubile e appassionata di logica e matematica che svolge l'esame con una rapidità che batte quella dello stesso Turing. A questo punto egli richiede allo Stato un finanziamento di centomila sterline per costruire la macchina che impedirà ai tedeschi di invadere il resto dell'Europa. Nel frattempo i nemici del matematico pianificano di toglierlo di mezzo investigando sul suo passato e usando qualsiasi cosa come pretesto per eliminarlo; il povero Alan Turing viene dapprima accusato di essere una spia sovietica e poi minacciato di essere sbattuto fuori dal progetto con la scusa che la sua incomprensibile macchina non ha ancora prodotto risultati soddisfacenti.

Placatisi i dissapori, i membri del gruppo di lavoro si stringono attorno a lui chiedendo altro tempo per permettere a "Cristopher" (questo il nome della macchina, nonché del suo amico d'infanzia morto precocemente a causa di una malattia) di funzionare, e ottenendolo. Per evitare che Joan venga reclamata a casa dai genitori, i quali vogliono farla sposare e formare una famiglia, Turing le chiede senza vero interesse di sposarlo anche per assicurarsi più a lungo la preziosa collaborazione di quest'ultima nel progetto. Ma Turing non ha mai confidato alla novella consorte di essere in realtà omosessuale. Scoperto il segreto dell'uomo, Joan sembra non interessarsene, neppure quando Turing lo usa come scusa per allontanarla dall'ambiente in quanto ritenuto troppo pericoloso per una donna; Joan non vuole sentire ragioni e vuol tenersi stretto quell'incarico in quanto il più importante della sua vita.

Le autorità interrogano Turing circa la sua omosessualità (la quale viene descritta nei flashback della sua vita da ragazzino in un collegio maschile), ma nel frattempo, durante una serata al bar il colpo di genio si rivela; bisogna restringere il campo di parole in cui cercare dei significati a partire dalle più ripetitive: quelle che compaiono sui bollettini meteorologici dei nazisti. Il gruppo di Turing riesce, grazie a questa intuizione, a prevedere un attacco al convoglio alimentare Carlisle. Decidono di non intervenire, ma di ottimizzare gli interventi per minimizzare i danni e non svelare ai tedeschi di aver trovato il modo di decifrare i loro messaggi. Il piano, con elevati costi umani e ponendo all'équipe di matematici un dilemma morale quasi insostenibile, ha infine successo. Finita la guerra con giubilo dei protagonisti e dell'intera nazione, Turing viene isolato e condannato per atti osceni in quanto omosessuale. Piuttosto che passare gli anni in prigione accetta di sottoporsi a una inumana terapia ormonale, ovvero alla castrazione chimica. Joan torna a trovarlo dopo qualche tempo e lo rincuora seppur vedendolo fortemente svilito e depresso, raccontandogli di essersi sposata con un militare. Nei titoli di coda viene rivelato che il 7 giugno del 1954, nonostante la libertà guadagnata sacrificando la propria identità e l'immensa genialità dimostrata con Christopher, Alan si arrese e si uccise all'età di 41 anni.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Lo script del film, inserito nel 2011 nella Black List delle migliori sceneggiature non prodotte a Hollywood[2], è stato comprato dalla The Weinstein Company per 7 milioni di dollari allo European Film Market del Festival internazionale del cinema di Berlino[3].

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente per il ruolo da protagonista, poi andato a Benedict Cumberbatch, si era fatto il nome di Leonardo DiCaprio, mentre i principali candidati per la regia sono stati Ron Howard[1] e David Yates[4].

Budget[modifica | modifica wikitesto]

Il budget della pellicola è stato di circa 15 milioni di dollari[5].

Riprese e location[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film cominciarono nel settembre del 2013[6] e terminarono l'11 novembre[7]. Le riprese si svolsero completamente in Inghilterra, tra Londra, Bicester, Chesham, Nettlebed, Sherborne e il Bletchley Park[8][9].

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Al 15 maggio 2015 il film ha incassato quasi 220 milioni di dollari nel mondo, di cui 91 milioni negli Stati Uniti.[10]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film venne diffuso il 21 luglio 2014[11], mentre la versione italiana venne diffusa il 6 ottobre dello stesso anno[12].

Il film fu presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival l'11 settembre 2014[13] e aprì la 58ª edizione del London Film Festival l'8 ottobre 2014[14].

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 28 novembre 2014[11], mentre in quelle italiane è stata distribuita il 1º gennaio 2015[15].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film prende il nome dal test di Turing, cioè un criterio per determinare se una macchina sia in grado di pensare. Fu pubblicato da Turing nell'articolo Computing machinery and intelligence, apparso nel 1950 sulla rivista Mind. Nell'articolo Turing prende spunto da un gioco, chiamato "gioco dell'imitazione". Nel film Alan parla di questo gioco a un poliziotto, in commissariato, dopo essere stato accusato di omosessualità.
  • Benedict Cumberbatch e Alan Turing sono imparentati nella vita reale. Secondo il sito Ancestry, i due sono cugini di 17º grado con relazioni familiari risalenti al XIV secolo. Entrambi, inoltre, sono imparentati per il tramite delle rispettive linee paternali con il primo Conte di Somerset, John Beaufort.[17]
  • Benedict Cumberbatch si è laureato in Drammaturgia all'Università di Manchester, la stessa dove Alan Turing ha portato avanti i suoi studi.[17]
  • Il padre di Benedict Cumberbatch, Timothy Carlton, ha frequentato la stessa scuola di Turing, la Sherborne School.[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Leonardo DiCaprio sarà Alan Turing?, Movieplayer.it, 13 ottobre 2011. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  2. ^ (EN) Hollywood's 'Black List' of best unproduced scripts of 2011 revealed, The Guardian, 13 dicembre 2011. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  3. ^ (EN) Berlin Record Deal: Harvey Weinstein Pays $7 Million For Alan Turing WWII Tale ‘The Imitation Game’, deadline.com, 21 luglio 2014. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  4. ^ (EN) David Yates Develops ‘Dr. Who,’ As Warner Bros Tempts Him With ‘Imitation Game’, deadline.com, 14 novembre 2011. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  5. ^ (EN) Keira Knightley to Star Opposite Benedict Cumberbatch in 'Imitation Game', The Hollywood Reporter, 6 aprile 2013. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  6. ^ (EN) The Imitation Game - Filming Dates, Internet Movie Database. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  7. ^ (EN) The Imitation Game - Trivia, Internet Movie Database. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  8. ^ (EN) The Imitation Game - Filming Locations, Internet Movie Database. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  9. ^ The Imitation Game, Movieplayer.it. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  10. ^ (EN) The Imitation Game, boxofficemojo.com. URL consultato il 18 aprile 2015.
  11. ^ a b Benedict Cumberbatch e Keira Knightley nel primo trailer di The Imitation Game, badtaste.it, 21 luglio 2014. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  12. ^ Benedict Cumberbatch nel trailer italiano di The Imitation Game!, badtaste.it, 6 ottobre 2014. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  13. ^ Toronto 2014: un genio condannato. Cumberbatch è Alan Turing in The Imitation Game. La recensione, bestmovie.it, 12 settembre 2014. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  14. ^ The Imitation Game apre il London Film Festival, Movieplayer.it, 21 luglio 2014. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  15. ^ EXCL – Benedict Cumberbatch nel teaser poster italiano di The Imitation Game!, badtaste.it, 29 settembre 2014. URL consultato l'11 gennaio 2015.
  16. ^ (EN) Winners Empire Awards 2015 su www.empireonline.com. URL consultato il 20 aprile 2015.
  17. ^ a b c (EN) Benedict Cumberbatch On His New Film 'The Imitation Game', abcnews.go.com. URL consultato l'11 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]