The Human Centipede 2 (Full Sequence)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Human Centipede 2 (Full Sequence)
The Human Centipede 2 (Full Sequencе).png
Una scena del film
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito, Paesi Bassi
Anno2011
Durata87 min
Dati tecniciB/N
Genereorrore
RegiaTom Six
SoggettoTom Six
SceneggiaturaTom Six
ProduttoreIlona Six, Tom Six
Produttore esecutivo1.78 : 1
Casa di produzioneIFC Midnight
FotografiaDavid Meadows
MontaggioNigel de Hond
Effetti specialiJohn Schoonraad, Joost Hagedoorn
MusicheJames Edward Barker
ScenografiaThomas Stefan
TruccoNicole Nicolaou
Interpreti e personaggi

The Human Centipede 2 (Full Sequence) è un film del 2011 diretto da Tom Six, sequel di The Human Centipede (First Sequence) e seconda pellicola della trilogia ideata e diretta dal regista olandese.

Il film girato nel 2011 non è stato distribuito nei cinema per innumerevoli motivi; secondo alcune voci non confermate comunque la censura ha ritenuto in quasi ogni paese d'Europa, la trama oltremodo controversa e quindi ne ha vietato la pubblicazione.[senza fonte]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Martin Lomax, sorvegliante di un parcheggio sotterraneo londinese, sta guardando The Human Centipede (First Sequence), un film di cui è ossessionato al punto da tenerne un album di appunti estremamente dettagliato e un centopiedi come animale domestico in un terrario. Il protagonista ha evidenti problemi mentali, causati dai passati stupri del padre (ormai in carcere), l'odio della madre e l'assunzione di pesanti farmaci prescritti dall'ambiguo Dr. Sebring, un pervertito il cui desiderio nascosto è di abusare nuovamente di Martin.

L'unico scopo di Martin è emulare il Dr. Josef Heiter (il chirurgo del primo film) e quindi unire alcune persone fra di loro, fra cui Ashlynn Yennie (una delle protagoniste del primo film), per ottenere il suo personale "centopiedi umano". Si impadronisce quindi di un magazzino isolato e inizia a tramortire e rapire coloro che si trovano nel parcheggio in cui lavora.

Radunate 10 vittime (più 3 decedute prematuramente) all'interno del magazzino, Martin esegue l'intervento con i mezzi che ha a disposizione, rompendo i denti degli sfortunati con un martello, tagliando loro i tendini, cucendo con una graffettatrice le bocche degli uni con gli ani degli altri. Somministra infine un forte lassativo a ogni individuo scatenando così il trasferimento di liquami da un corpo all'altro per accertarsi del successo dell'operazione.

Delle 3 persone decedute, una in realtà è ancora viva ed è una donna incinta che, in preda alle doglie, si rialza e riesce a scappare salendo su un'automobile; qui partorisce ma uccide il neonato schiacciandogli la testa con l'acceleratore che preme istericamente. Nel frattempo, approfittando della confusione, una delle vittime riesce a forza a staccarsi dal "centopiedi umano" ma Martin, furioso, la uccide sparandogli un colpo in testa insieme alle altre 4 persone ancora unite.

Ashlynn Yennie, unita all'altra metà del centipede, riesce a colpire i genitali Martin e, conficcandogli un imbuto nel deretano, gli inserisce il centopiedi domestico. Martin, per tutta risposta, la pugnala al volto e barcolla fuori urlando.

Il film si conclude con Martin che sta guardando il finale di The Human Centipede (First Sequence) presso la sua postazione di lavoro.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2011, Six già lavorava sul terzo film, che sarà intitolato The Human Centipede 3 (Final Sequence). Six ha rivelato che il film sarà molto diverso dai precedenti, e comincerà dal suo finale. Le parti della trilogia formerebbero così un film continuo di circa quattro ore e mezza, esplicita metafora del centopiedi. Egli ha anche affermato che il terzo film risponderà ad alcune domande importanti, avrà uno strano lieto fine, e sarà l'ultimo della serie, in quanto lui non ha intenzione di fare altri film sul Centipede[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema