The House of the Dead III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The House of the Dead III
Sviluppo Wow Entertainment
Pubblicazione SEGA
Serie The House of the Dead
Data di pubblicazione Arcade
1º giugno 2002
Xbox
Stati Uniti24 ottobre 2002
Giappone30 gennaio 2003
Europa14 marzo 2003
Windows
Europa11 febbraio 2005
PlayStation Network
Stati Uniti7 febbraio 2012
Europa15 febbraio 2012
Giappone19 aprile 2012
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Orrore
Piattaforma Arcade, Xbox, Microsoft Windows
Distribuzione digitale PlayStation Network
Periferiche di input Light gun, PlayStation Move
Preceduto da The House of the Dead 2
Seguito da The House of the Dead 4

The House of the Dead III è il terzo episodio della serie di videogiochi The House of the Dead. Come i suoi predecessori, è uno sparatutto in prima persona di ambientazione horror, i cui protagonisti per la prima volta vengono cambiati con l'avanzare del gioco.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 2019 il mondo è dominato dagli zombi. Per far cessare il loro controllo, l'ex agente dell'AMS Thomas Rogan si avventura in un laboratorio della DBR assieme ai suoi uomini per trovare ciò che permette agli zombi di moltiplicarsi. La maggior parte di loro viene eliminata, e quando finalmente Rogan raggiunge la fonte viene tramortito dal boss Morte. Prima che la schermata di gioco diventi scura, si vede un uomo avvicinarsi a Rogan, che lo riconosce. Due settimane dopo, non avendo più avuto alcun contatto con l'ex agente, G raggiunge la struttura con la figlia dell'amico Lisa. Mentre avanzano, ai loro discorsi sul vecchio lavoro i Rogan e sulla Tragedia di Villa Curien vengono alternati filmati dello scienziato, grazie ai quali si scopre come era iniziato tutto: Curien aveva un figlio, Daniel, che aveva contratto una malattia mortale, e per curarlo il padre aveva scoperto dei particolari geni che permettevano di "rimuovere la barriera tra la vita e la morte". Ossessionato tuttavia dalla sua scoperta, Curien aveva deciso di continuare le sue ricerche, creando così due potenti esseri: il Mago, apparso nel primo The House of the Dead e la più misteriosa Ruota del Destino. Andando avanti nelle ricerche, G e Lisa ritroveranno Rogan con Daniel, il quale accompagna la ragazza al cospetto della fonte d'energia degli zombi, la Ruota del Destino, e insieme riescono a distruggerla. A questo punto sono disponibili quattro finali differenti:

  • Mentre si allontanano dal laboratorio Daniel si ferma un istante a guardare la struttura e promette che "se gli umani dovessero intraprendere la strada sbagliata" sarebbe tornato.
  • Molto simile al primo con la differenza che Daniel, non sapendo come trascorrere il resto della sua vita (e forse a causa del medicinale che il padre gli aveva dato) impazzisce e si trasforma in uno zombi.
  • Lisa si mette ad inseguire la sua macchina che è stata rubata da uno zombi sopravvissuto.
  • Nella stanza dove si è combattuta la battaglia finale, un uomo di cui non si vede il volto si avvicina zoppicando alla fiala che conteneva ciò che aveva curato Daniel, dopodiché se ne va dicendo:"Sembra che non abbia capito quale fosse il suo vero scopo." SEGA non ha ancora reso pubblica la vera identità di quest'uomo, ma molti fan della serie hanno provato a formulare diverse ipotesi su chi possa essere. Attualmente tutti lo conoscono col nome di "Mistery Man".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi