The Heavy Entertainment Show

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Heavy Entertainment Show
ArtistaRobbie Williams
Tipo albumStudio
Pubblicazione4 novembre 2016
Durata39:57
Dischi1
Tracce11
GenerePop
EtichettaCBS Records
ProduttoreGuy Chambers, Richard Flack, Jonny Coffer, Stuart Price, Steve Robson, Johnny McDaid, Gary Go
Registrazione2014-2016
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[1]
(Vendite: 35.000+)
Austria Austria[2]
(Vendite: 7.500+)
Germania Germania[3]
(Vendite: 100.000+)
Italia Italia[4]
(Vendite: 25.000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[5]
(Vendite: 30.000+)
Dischi di platinoRegno Unito Regno Unito[6]
(Vendite: 300.000+)
Robbie Williams - cronologia
Album precedente
(2014)
Album successivo
(2017)
Singoli
  1. Party Like a Russian
    Pubblicato: 30 settembre 2016
  2. Love My Life
    Pubblicato: 20 ottobre 2016
  3. Mixed Signals
    Pubblicato: 3 febbraio 2017
  4. Heavy Entertainment Show
    Pubblicato: 28 aprile 2017
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
The Guardian 2/5 stelle[7]
NME 4/5 stelle[8]
The Independent 2/5 stelle[9]
Evening Standard 4/5 stelle[10]
Daily Mail 3/5 stelle[11]

The Heavy Entertainment Show è l'undicesimo album in studio del cantautore britannico Robbie Williams, edito il 4 novembre 2016 dall'etichetta CBS Records.

È divenuto il 12º disco di Williams a raggiungere la vetta della classifica britannica degli album, fatto che ha reso Williams l'artista solista britannico di maggiore successo di tutti i tempi, il primo singolo Party Like A Russian ,è uscito il 30 settembre 2016, il secondo singolo ,è uscito Love My Life è uscito il 20 ottobre 2016, il terzo singolo Mixed Signals è uscito il 3 febbraio 2017,[12] il quarto singolo estratto Heavy Entertainment Show è uscito il 28 aprile 2017.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, Heavy Entertainment Show ricevette critiche positive. Il Fatto Quotidiano scrisse: "se il pop è ovviamente la base su cui il nostro si muove, stavolta Robbie ancora più che in precedenza gioca la carta del mischiare le carte, tirando in ballo sonorità e nomi [John Grant, Rufus Wainwright, Bandon Flowers, Ed Sheeran] che, se uno avesse ipotizzato queste collaborazioni a freddo, con buone probabilità gli sarebbe stato imposto un TSO", lodò i "suoni carichi, orchestrali, a fianco di suoni contemporanei, moderni come solo un perfetto disco pop deve essere", e concluse etichettandolo un "ritorno coi fiocchi" di una "popstar totale quale Robbie Williams è e sa di essere".[13] Rockol lo definì "un disco vario, che mostra le diverse sfaccettature dell'intrattenimento - come Robbie ha sempre fatto. E come continua a fare anche oggi, con il suo unico mix di sfacciataggine e divertimento. Fa finta di prendersi sul serio, come in quella foto di copertina dove combatte con se stesso. Ma si diverte e fa divertire, da vero professionista del pop".[14]

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

L'album ha debuttato alla posizione numero 5 della classifica album italiana la settimana del 10 novembre 2016. La settimana seguente è sceso alla posizione numero 10, e la terza settimana alla numero 16.[15]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Edizione standard
  1. Heavy Entertainment Show – 3:22 (Serge Gainsbourg, Robbie Williams, Guy Chambers, Rufus Wainwright, Christopher Heath)
  2. Party Like a Russian – 3:02 (Robbie Williams, Guy Chambers, Sergej Prokofiev, Christopher Heath)
  3. Mixed Signals – 3:58 (Brandon Flowers, Dave Keuning, Mark Stoermer, Ronnie Vannucci Jr.)
  4. Love My Life – 3:28 (Robbie Williams, Gary Go, Johnny McDaid)
  5. Motherfucker – 4:17 (Robbie Williams, Flynn Francis, Timothy Metcalfe)
  6. Bruce Lee – 3:13 (Robbie Williams, Stuart Price)
  7. Sensitive – 3:16 (Robbie Williams, Stuart Price, Jackson Guthy)
  8. David's Song – 4:14 (Robbie Williams, Guy Chambers, Kara DioGuardi, Jewel Kirchner)
  9. Pretty Woman – 2:55 (Robbie Williams, Benny Blanco, Steve Robson, Ed Sheeran)
  10. Hotel Crazy (feat. Rufus Wainwrigh) – 4:25 (Rufus Wainwright, Robbie Williams, Guy Chambers)
  11. Sensational – 3:47 (Mike Curb, Mack David, Robbie Williams, Guy Chambers, Rufus Wainwright, Christopher Heath)
Edizione deluxe
  1. When You Know – 4:20 (Seckou Keita, Jimmy Carr, Robbie Williams, Guy Chambers)
  2. Time on Earth – 4:51 (Robbie Williams, Guy Chambers, Christopher Heath)
  3. I Don't Want to Hurt You (feat. John Grant) – 4:18 (Robbie Williams, Guy Chambers, John Grant)
  4. Best Intentions – 3:44 (Robbie Williams, Guy Chambers, Christopher Heath)
  5. Marry Me – 3:53 (Karl Brazil, Ben Castle, Steve McFadden, Robbie Williams)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.ariacharts.com.au/charts/albums-chart
  2. ^ http://www.ifpi.at/?section=goldplatin
  3. ^ http://www.musikindustrie.de/nc/datenbank/?action=suche&strTitel=The+Heavy+Entertainment+Show&strInterpret=Robbie+Williams&strTtArt=alle&strAwards=checked
  4. ^ http://www.fimi.it/archivio_certificazioni.php
  5. ^ http://www.musikindustrie.de/no_cache/gold_platin_datenbank/#topSearch Archiviato il 2 dicembre 2013 in Internet Archive.
  6. ^ https://www.bpi.co.uk/bpi-awards/
  7. ^ Tim Jonze, Robbie Williams: Heavy Entertainment Show review – a lurching mess of styles, The Guardian, 3 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  8. ^ Jordan Bassett, Robbie Williams – ‘Heavy Entertainment Show’ Review, NME, 3 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  9. ^ Andy Gill, Album reviews: Robbie Williams - The Heavy Entertainment Show, Lambchop - FLOTUS, Bon Jovi, and more, The Independent, 2 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  10. ^ Andre Paine, Robbie Williams – The Heavy Entertainment Show review: ‘he’s still got it’, Evening Standard, 4 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  11. ^ Adrian Thrills, Grown-up Robbie's hit and miss: The Heavy Entertainment Show is a mixed return, says ADRIAN THRILLS, Daily Mail, 4 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  12. ^ (EN) Robbie Williams’ 12th number one album makes him the most successful British solo act ever, metro.co.uk, 11 novembre 2016.
  13. ^ http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/11/08/robbie-williams-la-recensione-del-nuovo-album-heavy-entertainment-show-e-la-data-italiana-dellatteso-tour/3176447/
  14. ^ http://www.rockol.it/news-664891/robbie-williams-heavy-entertainment-show-recensione?refresh_ce
  15. ^ http://www.italiancharts.com/showitem.asp?interpret=Robbie+Williams&titel=The+Heavy+Entertainment+Show&cat=a
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica