Il letto d'oro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da The Golden Bed)
Il letto d'oro
Titolo originale The Golden Bed
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1925
Durata 90 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Genere drammatico
Regia Cecil B. DeMille
Paul Iribe e Frank Urson (aiuto registi)
Soggetto Jeanie Macpherson dalla storia a puntate Tomorrow's Bread di Wallace Irwin
Produttore Cecil B. DeMille
Casa di produzione Famous Players-Lasky Corporation
Fotografia J. Peverell Marley
Montaggio Anne Bauchens
Scenografia Paul Iribe
Costumi Clare West
Interpreti e personaggi

Il letto d'oro (The Golden Bed) è un film muto del 1925 prodotto e diretto da Cecil B. DeMille. Nel cast, figurano i nomi di Theodore Kosloff che firma le coreografie del film e quello di Paul Iribe, come architetto-scenografo e aiuto regista.

La sceneggiatura si basa sul racconto Tomorrow's Bread di Wallace Irwin apparso a puntate sul Pictorial Review (gennaio-marzo 1924)[1][2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Flora Lee, figlia viziata di un'aristocratica famiglia del Sud ormai in rovina, sposa il marchese di San Pilar. Dopo tre anni di matrimonio, la donna non brilla per la sua fedeltà: il marito, che sta scalando la Jungfrau, la trova tra le braccia di un altro uomo. Dopo averlo ucciso, si spara.

Flora Lee ritorna a casa dove sposa Admah Holtz, un giovane innamorato di lei da lungo tempo. Le stravaganze di Flora Lee portano ben presto il marito vicino alla rovina. Ciò nonostante, lui trova, in maniera non troppo lecita, il denaro perché lei possa organizzare un grande ballo. Adam viene arrestato per appropriazione indebita e condannato a cinque anni. La moglie, durante la sua detenzione, fugge con Bunny. Tempo dopo, abbandonata dall'amante, Flora Lee ormai ha perso lo splendore della sua giovinezza. Gravemente malata, trova il suo ultimo conforto proprio nel marito che ha ormai scontato la sua condanna e che, tornato a casa, l'assiste nei suoi ultimi momenti. Admah rimette a posto i suoi affari, trovando conforto in Margaret, la sorella di Flora Lee, che l'ha sempre amato segretamente.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, che fu prodotto da Cecil B. DeMille per la Famous Players-Lasky Corporation, venne a costare 440.00 dollari[2].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il copyright del film, richiesto dalla Famous Players-Lasky Corp., fu registrato il 21 gennaio 1925 con il numero LP21054[1]. Distribuito dalla Paramount Pictures, il film - presentato da Jesse L. Lasky e da Adolph Zukor - uscì nelle sale cinematografiche USA il 25 gennaio 1925 dopo essere stato presentato a New York il 18 gennaio 1925[1]. In Italia, fu distribuito nell'agosto dello stesso anno.

Copia della pellicola viene conservata negli archivi del George Eastman Museum[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c AFI
  2. ^ a b c Silent Era

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema