Hazzard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da The Dukes of Hazzard)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Hazzard (disambigua).
Hazzard
The Dukes of Hazzard.png
Titolo originaleThe Dukes of Hazzard
PaeseStati Uniti d'America
Anno1979-1985
Formatoserie TV
Genereazione, avventura, commedia
Stagioni7
Episodi147
Durata45-49 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto4:3
Crediti
IdeatoreGy Waldron
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Prima visione
Prima TV originale
Dal26 gennaio 1979
All'8 febbraio 1985
Rete televisivaCBS
Prima TV in italiano
Dal30 settembre 1981
Al12 settembre 1986
Rete televisivaCanale 5
Opere audiovisive correlate
Spin-offEnos

Hazzard (The Dukes of Hazzard) è una serie televisiva statunitense ideata da Gy Waldron[1] e prodotta dalla Warner Bros. Television in collaborazione con la Lou Step Productions e la Piggy Productions[2]. È stata trasmessa per la prima volta dal 26 gennaio 1979 all'8 febbraio 1985 sulla rete televisiva CBS, per un totale di 147 episodi che hanno attraversato sette stagioni.[3] In Italia è andata in onda su Canale 5 dal 1981[4][5] al 1986[6]. Nel corso degli anni la serie è stata replicata su altre emittenti come Italia 1[7], Fox Retro, Iris e Spike.[8]

Dal 18 febbraio 2019 la serie rientra nuovamente nei palinsesti del gruppo Mediaset.[9][10]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Georgia, Stati Uniti. Nell'immaginaria contea di Hazzard[11] si susseguono le rocambolesche avventure della famiglia Duke, composta dai giovani cugini Bo, Luke e Daisy e da Jesse, un loro saggio e anziano zio. Nonostante i sani principi di lealtà e correttezza, che i Duke hanno sempre messo davanti ad ogni cosa, anche loro, come nella migliore tradizione di molte famiglie del profondo sud, non hanno mai rinunciato alla distillazione clandestina di whiskey. Questa debolezza, in passato, è stata la causa, per loro, di problemi con la giustizia ed è per questo motivo che Bo e Luke si trovano ora in libertà condizionata.

Tre anni prima di quando hanno inizio le vicende narrate dalla serie, infatti, viene specificato che mentre stavano trasportando del whiskey prodotto dallo zio Jesse, i due ragazzi vennero catturati dalla polizia federale e, in cambio della loro libertà, lo zio promise alle autorità che non avrebbe più distillato alcool. La condizione di libertà limitata impone a Bo e Luke di non oltrepassare i confini della contea, senza prima chiedere il permesso al commissario Boss Hogg, e al tempo stesso di non far uso di armi da fuoco.

Per guadagnarsi da vivere, oltre ad aiutare lo zio nella fattoria, i due cugini svolgono lavoretti per vecchi amici di famiglia e spesso prendono parte a gare automobilistiche. La cugina Daisy, invece, lavora presso il Boar's Nest, un locale dove gli abitanti di Hazzard solitamente si ritrovano per ballare, ascoltare musica country e bere birra.

Le quotidiane vicissitudini della famiglia Duke sono sempre contrapposte a quelle del capo della contea Jefferson Davis Hogg, detto semplicemente Boss. Quest'ultimo è costantemente alle prese con loschi affari che cerca di portare a termine sfruttando la collaborazione, più o meno volontaria, della polizia locale, composta dallo sceriffo Rosco P. Coltrane e dai vice sceriffi Enos Strate e Cletus Hogg. Uno dei principali desideri di Boss Hogg è quello di veder marcire in galera Bo e Luke, che spesso e volentieri riescono a ostacolarlo impedendogli di portare a termine i suoi innumerevoli e disonesti traffici. I ragazzi Duke sono coadiuvati nelle loro imprese dal fidato amico Cooter (il meccanico di Hazzard) e da una Dodge Charger modello '69 chiamata "Generale Lee", mediante la quale si prodigano in fughe e inseguimenti mozzafiato, il più delle volte a scapito dello sceriffo Rosco.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 13 1979 1981
Seconda stagione 23 1979-1980
Terza stagione 23 1980-1981
Quarta stagione 27 1981-1982
Quinta stagione 22 1982-1983
Sesta stagione 22 1983-1984
Settima stagione 17 1984-1985

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Concezione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di realizzare la serie è dello sceneggiatore Gy Waldron che già nel 1975 scrisse e diresse il film Moonrunners.[12] Lui stesso ha dichiarato di aver tratto ispirazione dalle storie che gli raccontava Jerry Rushing, un "moonrunner" (così era soprannominato chi di notte trasportava whiskey illegale) proveniente da una vera famiglia di contrabbandieri.[13] Nel film da lui realizzato nel 1975 sono presenti molti elementi che qualche anno dopo verranno inseriti in Hazzard. Come il profondo sud, le distillerie clandestine, un personaggio chiamato zio Jesse, una voce narrante (anche qui di Waylon Jennings), un gruppo di cugini, etc. Per rendere il prodotto più adatto a un mercato televisivo, comunque, molti personaggi e alcune loro caratteristiche iniziali vennero ripulite, rivedute e corrette.[14]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucas "Luke" Duke (Tom Wopat): è il maggiore dei cugini, ha i capelli neri e veste quasi sempre con camicia e jeans. È certamente il più serio, riflessivo e sapiente dei giovani Duke, ma al tempo stesso anche lui spericolato e irriducibile. Insieme a Bo, che condivide con lui la passione per le corse automobilistiche, è il protagonista della maggior parte delle vicende narrate nella serie. Luke è inoltre un ex sergente dei Marines, ed è stato anche campione di pugilato sotto le armi, ma dopo un incontro, in cui stava quasi per uccidere il suo avversario, giurò di smettere con quello sport. Nella quinta stagione, insieme a Bo, abbandona Hazzard per partecipare al campionato NASCAR. L'allontanamento dei due dallo show, in realtà, è dovuto ad alcuni dissapori con i produttori per la ripartizione dei diritti del merchandising. Visto il calo di ascolti e di gradimento, vengono richiamati e reintegrati dalla produzione a partire dal diciannovesimo episodio.
  • Beauregard "Bo" Duke (John Schneider): biondo e affascinante, cugino di Luke e Daisy, ha un modo di vestire molto simile a Luke (jeans e camicia) con il quale forma coppia fissa. Apparentemente risulta essere il meno riflessivo dei tre cugini e proprio per questa ragione si trova spesso nei guai, anche se in realtà la causa principale di molte sue disavventure è il suo debole per le belle ragazze che, se malintenzionate, sfruttano questa sua caratteristica per secondi fini. Col passare delle stagioni, comunque, anche lui sembra diventare più adulto dimostrando, di volta in volta, una crescente saggezza. John Schneider, al provino per la parte di Bo Duke, dichiarò di avere 24 anni, ossia l'età che i produttori richiedevano per quel ruolo, anche se in realtà ne aveva solamente 18.[15]
  • Daisy Duke (Catherine Bach): è la bella cugina di Bo e Luke, con i quali vive, insieme allo zio Jesse, nella fattoria di famiglia. Veste quasi sempre con dei mini-jeans e con una maglietta ed è la sexy protagonista femminile della serie. Oltre a essere molto attraente è anche simpatica, onesta e proprio come gli altri membri della famiglia anche un po' spericolata. Partecipa di buon grado alle avventurose imprese dei cugini, talvolta facendo anche uso della sua bellezza per attirare il nemico in trappola. È appassionata di musica e vorrebbe fare la cantante ma per guadagnarsi da vivere lavora come cameriera al Boar's Nest. Durante la serie i suoi mini-jeans in America divennero popolarissimi e conosciuti proprio con il nome "Daisy Duke Jeans" o semplicemente "Daisy-Dukes", e furono così famosi che uno di loro era in mostra allo Smithsonian Museum di Washington DC. La Bach, sempre nei panni di Daisy Duke, ha posato anche per un calendario che ha venduto 5.000.000 di copie.[16] Le gambe di Catherine Bach erano assicurate, durante la serie, per un valore di $ 1.000.000 del 1980.[17] Per la parte di Daisy la produzione stava cercando una donna simile a Dolly Parton, ma quando Catherine Bach seppe dal marito David Shaw (sposati dal 1976 al 1981) del ruolo si precipitò al casting e quando i produttori la videro la assunsero immediatamente.[18]
  • Jesse Duke (Denver Pyle): detto anche "Zio Jesse" è il capofamiglia di casa Duke. Vedovo (la moglie si chiamava Lavinia) e senza figli, vive con i suoi nipoti Bo, Luke e Daisy. Si occupa della fattoria e di pagare periodicamente a Boss Hogg (suo nemico fin da quando erano giovani) l'ipoteca che grava sul terreno di famiglia. Prende sovente parte alle avventure di Bo e Luke, fornendo loro sempre un valido aiuto. In giovane età distillava whisky ma, in cambio della concessione della libertà vigilata ai nipoti, ha promesso di smettere. Il personaggio di zio Jesse, vista la somiglianza fisica e l'ambientazione della serie, sembra essere un omaggio al Generale Robert Edward Lee dell'esercito confederato.
  • Sceriffo Rosco Pervis Coltrane (James Best): è lo sceriffo della contea di Hazzard, ma in realtà prende spesso e volentieri parte alle malefatte organizzate da Boss Hogg, di cui è un servitore oltre che cognato. È dotato di modi di fare piuttosto goffi e molte volte è vittima d'inganni di vario tipo (data la sua ingenuità), anche da parte di Bo e Luke. Risulta essere scapolo e affezionato, in maniera eccessiva, alla sua mamma oltre che al suo basset hound di nome Flash. Nei primi cinque episodi della serie il carattere di Rosco è diverso da quello che appare in seguito, infatti non è buffo e stupido, ma più serio e severo. Sempre nelle prime puntate della serie lui stesso spiega che si comporta in modo disonesto perché, per cause non meglio specificate, i cittadini di Hazzard gli hanno fatto perdere la sua pensione e quindi, nel tentativo di riuscire a finanziarla (ha sul conto corrente solo $ 43) collabora, suo malgrado, con Boss Hogg. Curiosamente, di questa vicenda non si farà più riferimento nel corso della serie. Utilizza una pistola a tamburo calibro 38 con manico in madreperla. Indossa a volte un vistoso anello. È il fratello minore di Lulu Coltrane Hogg, la moglie di Boss Hogg e ha anche un'altra sorella di nome Hortense.
  • Boss Jefferson Davis "J.D." Hogg (Sorrell Booke): è il “cattivo” numero uno della serie, ricco, corrotto e dall'aspetto obeso e viscido. Ha le mani in pasta un po' dappertutto e risulta essere invischiato in un gran numero di affari illeciti. È il sindaco della contea di Hazzard (il titolo ufficiale di JD Hogg è Commissario di contea) e anche il proprietario del Boar's Nest, nonché del terreno su cui sorge la fattoria della famiglia Duke, dell'immobile dove si trova l'officina di Cooter, di varie pompe di benzina (Hoggoca Oil and Petroleum Co.), della banca di Hazzard, della compagnia telefonica, della stazione radio locale, del mulino, della gelateria, dell'azienda di costruzioni e demolizioni, dell'azienda di pitturazione, delle pompe funebri, della concessionaria di auto usate, etc. È alla perenne ricerca del modo migliore per fare imprigionare i cugini Duke, così da non avere ostacoli per i suoi loschi traffici, ma ogni volta fallisce miseramente. Mangiare fegato crudo, fumare sigari esplendidos da 29 cm e contare il denaro sono le sue attività preferite. Anche se tenta sempre d'incastrare i Duke li considera, in fondo, degli amici. In gioventù, infatti, contrabbandava whisky con zio Jesse. Indossa sempre un abito bianco, un cappello da cowboy bianco e stivali di pelle bianchi. Gira su una Cadillac bianca con delle corna sul cofano. Nella realtà Sorrell Booke, l'attore che lo interpretava, era esattamente l'opposto: era un attore coltissimo e di scuola shakespeariana, di buon carattere e amato da tutti. Per calarsi meglio nella parte Booke vestiva un'imbottitura che lo faceva sembrare più grasso, e arrivava persino a mangiare veramente fegato crudo. Il contratto di Sorrell Booke prevedeva che il suo personaggio non avrebbe mai ucciso o ordinato di uccidere e neppure trafficato in droga. Il nome di "Boss" Hogg è una citazione del primo e unico Presidente degli Stati Confederati d'America, Jefferson Davis.
  • Cooter Davenport (Ben Jones): è il meccanico[19], perennemente vestito con abiti sporchi, della contea di Hazzard oltre che amico di Bo e Luke. Interviene molte volte in loro aiuto andandoli a recuperare con il suo carro attrezzi ma anche riparando e apportando migliorie alla loro automobile, il Generale Lee. È un personaggio che difficilmente si arrabbia, a meno che non ci sia un motivo valido per farlo. Prima di conoscere la famiglia Duke ha avuto una figlia che in seguito tornerà a cercarlo in un episodio della serie. Ben Jones, nella vita reale, possiede una catena di negozi chiamata "Cooter' s place" dove si possono trovare merchandising dedicati alla serie ma anche veri e propri cimeli derivanti direttamente dalla produzione ed esposti come in un museo.[20].
  • Vice-sceriffo Enos Strate (Sonny Shroyer): da bambino era un compagno di giochi di Bo e Luke, successivamente ha deciso di arruolarsi nella polizia. A differenza di Rosco e di Boss Hogg, Enos è un personaggio onesto, che non appena viene messo al corrente di qualche losca manovra dei suoi superiori avverte la famiglia Duke. È innamoratissimo di Daisy, tanto da dichiararsi più volte a lei. Il suo sogno è di compiere un'impresa per poter lavorare in una grande città, sempre come poliziotto e in questo verrà aiutato dalla famiglia Duke. Dopo una stagione passata a Los Angeles (nello spin-off Enos), comunque, farà ritorno ad Hazzard.
  • Vice-Sceriffo Cletus Hogg (Rick Hurst): cugino di Boss Hogg, è un personaggio molto più ingenuo di Rosco e molte volte appoggia i piani di Boss Hogg senza nemmeno comprenderne a fondo la strategia. Per questa ragione non è raro che si improvvisi, suo malgrado, "benefattore" nei confronti della famiglia Duke. Inizialmente viene chiamato da Boss Hogg per sostituire Enos, partito per Los Angeles, poi collaborerà con lui per un breve periodo. In alcuni episodi il vicesceriffo Cletus è doppiato da Massimo Lopez che successivamente darà la voce anche al meccanico Cooter Davenport a partire dalla quinta stagione.
  • Coy Duke (Byron Cherry): e il cugino biondo dei Duke, che viene ad abitare con Daisy e lo zio Jesse ad Hazzard, quando Bo e Luke partono per disputare il campionato NASCAR. La presenza dei "nuovi cugini" durerà solo diciannove episodi. Assieme a Vance, l'altro nuovo cugino, prenderà il posto di Bo e Luke nella vita, mai monotona, della contea di Hazzard.
  • Vance Duke (Christopher Mayer): cugino moro dei Duke che viene a vivere nella fattoria di famiglia insieme a Coy, quando Bo e Luke partono per prendere parte al campionato NASCAR.
Flash
  • Flash: è il cane di razza Basset Hound che fa compagnia a Rosco durante i suoi appostamenti e anche durante gli inseguimenti in auto. Rosco gli è molto affezionato e spesso lo tratta come se fosse un essere umano, benché sia un cane poliziotto, è piuttosto poco reattivo ai comandi di Rosco e agli eventi, rendendo il nome Flash (Lampo) un palese gioco di parole. Flash era di proprietà del suo addestratore Alvin Mears. Ne sono stati utilizzati vari esemplari, il più gettonato si chiamava Sandy.
  • Lulù Coltrane Hogg (Peggy Rea): è la moglie di Boss Hogg e sorella di Rosco. Come suo marito adora il cibo e quando litigano gli promette di non cucinare mai più per lui (promessa che non mantiene mai). Non sa nulla delle attività illegali di Boss e del fratello.
  • Miss Emma Tisdale (Nedra Volz): è l'anziana postina di Hazzard. Consegna la posta a bordo della sua moto da cross ed è innamorata di zio Jesse (presumibilmente in passato è stata la sua ragazza).
  • Sceriffo Little (Don Pedro Colley): è lo sceriffo di Chickasaw, contea limitrofa ad Hazzard. È noto perché anche lui, come Rosco, vuole incastrare i Duke ma puntualmente non ci riesce.
  • Hugie Hogg (Jeff Altman): è il nipote di Boss Hogg e come lo zio è avido, odia i Duke, veste sempre di bianco, fuma il sigaro e adora contare i dollari. Anche se più povero è tuttavia più disonesto ancora dello zio. Viaggia a bordo di un maggiolino bianco con delle corna sul cofano.
  • Il narratore (voce di Waylon Jennings nella versione originale) è doppiato in Italia dallo stesso doppiatore di Boss Hogg, ovvero Elio Pandolfi.

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

  • Judd Kane/Duke (Randy Hamilton) è il fratello di Luke, ritenuto morto a pochi giorni dalla nascita nell'incendio dell'ospedale. Non ne venne mai ritrovato il corpo perché in realtà era stato salvato dall'infermiera Norris, che lo allevò lontano da Hazzard come se fosse suo figlio. In preda ai rimorsi però la donna, sul punto di morte, svela al ragazzo la verità. Così Judd parte verso Hazzard per conoscere il fratello. Judd appare solo nell'episodio Una vittoria di troppo (Brotherly Love) della 6ª stagione.
  • Mabel/Myrtle Tillingham (Lindsay Bloom) è la cugina di Hogg che gestisce la compagnia telefonica di Hazzard. Pettegola come pochi, ascolta le chiamate per poi informare Boss Hogg su cosa sta succedendo nella contea. Il suo nome misteriosamente cambia da Myrtle a Mabel a metà della seconda stagione.
  • Emery Potter (Charlie Dell) è il capo cassiere della Banca di Hazzard, è un uomo pacato, mite e timido. Amico dei Duke ha anche lavorato come Vice sceriffo.
  • Mr Rhuebottom (John Wheeler) è il proprietario di un negozio locale General Store.
  • Dr. Henry "Doc" Petticord (Patrick Cranshaw) è il medico di Hazzard.
  • Dr. "Doc" Appleby (Elmore Vincent) (Parley Baer) è il successore di Petticord. Interpretato prima da Elmore Vincent e poi da Parley Baer.
  • Elton (Ritchie Montogomery) è il DJ della stazione radio WHOGG locale.
  • Nancy Lou (Kim Richards) è la figlia diciottenne di Cooter, che raggiunge Hazzard per conoscere il padre che non ha mai visto. La madre, Beverly Hibbs, sposò Cooter contro il parere della sua famiglia, ma a causa del carattere aggressivo di Cooter e sotto la pressione della propria famiglia, il matrimonio venne annullato. La promessa sposa era incinta senza però rivelarlo a Cooter. La donna, in seguito, si risposò con un altro uomo e raccontò alla figlia del carattere aggressivo del padre. Alla fine Nancy Lou scoprirà, con l'aiuto dei Duke, il vero carattere di Cooter. Appare una sola volta nell'episodio della 6ª stagione intitolato Un papà turbolento (Cooter's Girl) senza più venire menzionata in seguito.
  • Dewey Hogg (Robert Morse), è il fratello maggiore di Hughie Hogg. Anche lui, quindi, è nipote di Boss Hogg. Compare in un solo episodio Una malattia da fuorilegge (How to Succeed in Hazzard) della 6ª stagione.
  • Abraham Lincoln Hogg, (Sorrell Booke) è il fratello buono di Boss Hogg, compare solo nell'episodio La pecora bianca (Baa, Baa White Shee) della 3ª stagione. Al contrario di Boss, veste sempre di nero.
  • Jamie Lee Hogg (Jonathan Frakes), è un nipote di Boss Hogg che stava quasi per sposare Daisy, nell'episodio Un matrimonio impossibile (Mrs. Daisy Hogg) della 4ª stagione.
  • Jeb Stuart Duke (Christopher Hensen), è un altro nipote di zio Jesse che compare per un solo episodio della 3ª stagione intitolato Tris di Duke (Along Came a Duke).
  • Geremia Duke (Denver Pyle) bisnonno di zio Jesse, appare nell'episodio 18 giugno 1862 (Go West, Young Dukes) della 7ª stagione.
  • Jenny Duke (Doris Dowling) moglie di Geremia Duke e bisnonna di zio Jesse, appare nell'episodio 18 giugno 1862 (Go West, Young Dukes) della 7ª stagione.
  • Hank Duke (Tom Wopat) bisnonno di Luke e Judd, appare nell'episodio 18 giugno 1862 (Go West, Young Dukes) della 7ª stagione.
  • Joe Duke (John Schneider) bisnonno di Bo, appare nell'episodio 18 giugno 1862 (Go West, Young Dukes) della 7ª stagione.
  • Dixie Duke (Catherine Bach) bisnonna di Daisy, appare nell'episodio 18 giugno 1862 (Go West, Young Dukes) della 7ª stagione.
  • Jeeter Davenport (Ben Jones) bisnonno di Cooter, appare nell'episodio 18 giugno 1862 (Go West, Young Dukes) della 7ª stagione.
  • Thaddeus B. Hogg (Sorrell Booke) bisnonno di Boss Hogg, appare nell'episodio 18 giugno 1862 (Go West, Young Dukes) della 7ª stagione.
  • Rufus Z. Coltrane (James Best) bisnonno di Rosco, appare nell'episodio 18 giugno 1862 (Go West, Young Dukes) della 7ª stagione.
  • Hortense Coltrane (Frances Bay) sorella maggiore di Rosco e Lulu, è apparsa nell'episodio Il ritorno di Hughie Hogg (The Return Of Hughie Hogg) della 3ª stagione.
  • Clara Coltrane (Mary Treen) zia di Rosco, è stata sceriffo per un giorno nell'episodio Primo aprile della 4ª stagione.
  • BB Davenport (Mickey Jones) cugino di Cooter, lo sostituisce nell'episodio Cara dolce nonna Annie (Granny Annie) della 2ª stagione.
  • LP Davenport (Ernie Lively) un altro cugino di Cooter, lo sostituisce negli episodi Il duca dei Duke (Duke of Duke), La fuga di Susi (The Runaway) e Una distilleria corazzata (Follow That Still) tutti della 2ª stagione.
  • Roxanne Huntley (Carlene Watkins) ispettore del dipartimento, alcolici, tabacchi e armi compare nell'episodio Whisky ad alta percentuale di ottani (High Octane) della 1ª stagione.
  • Sceriffo Buster Moon (James Hampton) sostituisce Rosco nell'episodio Il ritorno dei fazzoletti rossi (Return of the Ridge Raiders) della 2ª stagione.
  • Sceriffo Lester Crabb (Clifton James) sostituisce Rosco nell'episodio Il tesoro di Hazzard (Treasure of Hazzard) della 2ª stagione.
  • Jude Emery (John Shearin) è un Texas Ranger che compare nell'episodio Jude Emery (Jude Emery) della 2ª stagione.
  • Sceriffo Emmitt Loomis (Jim Möhlmann), detto “arpione” compare nell'episodio Come ai vecchi tempi (Days of Shine and Roses) della 2ª stagione.
  • Sceriffo Grady Byrd (Dick Sargent) cugino di Boss Hogg e guardiano notturno della cave di ghiaia per 20 anni. Sostituisce Rosco in due episodi L'agente Daisy Duke (Officer Daisy Duke) e Jude Emery (Jude Emery) della 2ª stagione.
  • Papa Daddy Hogg (Les Tremayne) padre di Boss Hogg, e Abraham Lincoln Hogg, compare nell'episodio Legami di sangue (Big Daddy) della 5ª stagione.
  • Sue Ann McGraw (Tori Lysdahl) è la truffatrice che sposa Rosco nell'episodio Rosco lo scapolo d'oro (Mrs. Roscoe P. Coltrane) della 3ª stagione.
  • Mamma Coltrane (Lucille Benson), mamma di Rosco, Lulu e Hortense, compare nell'episodio Rosco lo scapolo d'oro (Mrs. Roscoe P. Coltrane) della 3ª stagione.
  • Beaudry Family Sono una famiglia di contrabbandieri del Tennessee composta da: Pa (JJ "Joe" Young'''), il padre, Milo (Richard Moll) e Sledge (John Dennis Johnston). Compaiono negli episodi Dalla padella alla brace (Daisy's Shotgun Wedding) della 5ª stagione e Una corsa truffaldina (Boss Behind Bars) della 6ª stagione.
  • Gaylor Duke (Simon MacCorkindale), si finge parente dei Duke, di un ramo nobile (con il titolo di duchi) che si trova in Gran Bretagna, appare solo nell'episodio Il Duca dei Duke (Duke of Duke) della 2ª stagione.
  • Holly Comfurt (Miriam Byrd Nethery), cugina dei Duke, vedova e madre di John Henry e Lori, appare solo nell'episodio I cugini Comfurts (Southern Comfurts) della 2ª stagione.
  • John Henry Comfurt (Edward Edwards) cugino dei Duke, appare solo nell'episodio I cugini Comfurts (Southern Comfurts) della 2ª stagione.
  • Lori Comfurt (Lori Lethin) cugina dei Duke, appare solo nell'episodio I cugini Comfurts (Southern Comfurts) della 2ª stagione.
  • Nella prima stagione, oltre a Rosco ed Enos, erano presenti anche 5-6 aiuto sceriffo.
albero genealogico famiglia Duke
albero genealogico famiglia Hogg e Coltrane
albero genealogico famiglia Davenport

I cambi nel cast[modifica | modifica wikitesto]

La serie nel corso degli anni subì diversi stravolgimenti nel cast, molto spesso a causa di contrasti tra gli attori e i produttori.

  • Ben Jones abbandonò per alcuni episodi della 2ª stagione perché non voleva tagliare i capelli e la barba. Venne sostituito da Mickey Jones, che interpreta BB Davenport (cugino di Cooter Davenport), o da Ernie Lively, che interpreta LB Davenport (anche lui cugino di Cooter Davenport).
  • Nella seconda stagione, per cinque puntate, James Best abbandonò la serie per divergenze con la produzione riguardanti i posti dei camerini e vi fece ritorno solo dopo che vennero accolte le sue rimostranze. L'assenza di Rosco venne giustificata col fatto che lo stesso era impegnato in un corso di aggiornamento ad Atlanta. Gli episodi in cui è assente sono: Arrestate zio Jesse (1979), Il tesoro di Hazzard (1980), L'agente Daisy Duke (1980), Jude Emery (1980) e Il ritorno dei fazzoletti rossi (1980). Durante queste assenze venne sostituto da quattro sceriffi diversi, tra cui Dick Sargent, che apparve in due episodi.
  • Sonny Shroyer abbandonò la serie per prendere parte allo spin off Enos, ma impose, per contratto, che se la nuova serie non avesse avuto successo sarebbe potuto tornare. Enos durò solo 17 episodi. Durante la sua assenza venne sostituito da Rick Hurst nel ruolo del vice-sceriffo Cletus Hogg.
  • Nella primavera del 1982 le riprese della quinta stagione non videro la partecipazione di Wopat e Schneider. i due attori protagonisti, infatti, abbandonarono la serie per divergenze in merito ai diritti sul merchandising. Anche Catherine Bach voleva lasciare ma Wopat e Schneider la convinsero a rimanere convinti del fatto che, con un suo contemporaneo addio, non ci sarebbe più stata la possibilità di tornare. La produzione in un paio di settimane sostituì Wopat e Schneider con Byron Cherry e Christopher Mayer nei panni di due nuovi cugini Duke, rispettivamente Coy e Vance. L'assenza di Bo e Luke venne giustificata come una dipartita per prendere parte al campionato NASCAR. Cherry e Mayer furono originariamente ingaggiati per soli dieci episodi come controfigure, con la speranza che una soluzione potesse essere raggiunta con Wopat e Schneider[21] e presero parte in tutto a 19 episodi. Tuttavia la Warner Brothers, a causa del crollo degli ascolti, fu costretta, nei primi mesi del 1983, a rinegoziare i contratti con Wopat e Schneider. Infatti, quando mancavano ormai solo quattro episodi alla conclusione della quinta stagione, i due rientrarono da protagonisti nel cast. In un primo momento si ipotizzò che Cherry e Mayer rimanessero con ruoli ridotti, ma poi si capì che non avrebbe funzionato.[22]
  • Denver Pyle e Sorrell Booke furono gli unici ad apparire in tutti gli episodi.
  • In Italia la serie è stata spesso trasmessa senza rispettare l'ordine cronologico originale di produzione e di messa in onda. Per questo motivo l'andirivieni di alcuni personaggi molte volte è stato di difficile comprensione.

Registi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni attori si occuparono anche della regia in alcuni episodi: Tom Wopat in cinque episodi, John Schneider in uno, Denver Pyle in dodici, James Best in tre e Sorrell Booke in quattro.

Sceneggiatori[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatori (13)

  • Gy Waldron (146 ep.)
  • Myles Wilder (31 ep.)
  • Si Rose (21 ep.)
  • Martin Roth (17 ep.)
  • William Raynor (16 ep.)
  • Len Kaufman (14 ep.)
  • Bruce Howard (12 ep.)
  • Leonard B. Kaufman (3 ep.)
  • Paul Savage (3 ep.)
  • Michael Michaelian (3 ep.)
  • Michael Sevareid (3 ep.)
  • Jim Rogers (2 ep.)
  • Bob Clark (1 ep.)
  • Fred Freiberger (1 ep.)
  • Ron Friedman (1 ep.)
  • Herman Groves (1 ep.)
  • Stephen Kandel (1 ep.)
  • William Kelley (1 ep.)
  • William Keys (1 ep.)
  • Kris Kincade (1 ep.)
  • Nance McCormick (1 ep.)
  • Katharyn Powers (1 ep.)
  • William Putman (1 ep.)
  • Bruce A. Taylor (1 ep.)
  • Calvin Kelly (1 ep.)
  • Michael Piller (1 ep.)
  • David R. Toddman (1 ep.)
  • John Schneider (1 ep.)
  • Simon Muntner (Episodi sconosciuti)

John Schneider è l'unico membro del cast a essere stato sia attore che regista e sceneggiatore in almeno un episodio.

Stuntman[modifica | modifica wikitesto]

La serie deve molto della sua popolarità alle acrobazie con le auto. Queste vennero coordinate da Paul Baxley[23] con il contributo degli stuntman: Jack Gill, Corey Michael Eubanks (controfigura di Tom Wopat), Desiree Kerns, Gary Baxley, Tim Carta, Al Wyatt Jr., Marian Verde, Lance Turner, Ray Lykins, Steve Kelso, Craig R. Baxley, Robert Jon Carlson, Doug Coleman, Jon H. Epstein, Debbie Evans, Terry James, Monty Jordan, Hubie Kerns Jr., Henry Kingi, Hannah Kozak, Gene LeBell, Eddie Paul, Rich Sephton, Tony Snegoff, Jerry Summers, Renaud Veluzat.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

I primi cinque episodi della serie furono girati in Georgia nella città di Covington nel 1978.[24][25] Successivamente la Warner Brothers, per ridurre i costi e velocizzare la produzione, spostò i set presso i più comodi Burbank Studios di Los Angeles dove, nella celebre location già utilizzata in passato per numerose altre produzioni, fu ricreata la Contea di Hazzard con tanto di piazza con gazebo, banca, negozi, officina di Cooter, etc.[26] Per gli esterni vennero utilizzate anche diverse località della California. Tra queste, il Paramount Ranch di Agoura Hills, Santa Clara, Thousand Oaks e il Walt Disney Golden Oak Ranch di Santa Clarita.

  • Nella sigla d'apertura, la scena dove i Duke con la Generale Lee saltano sopra la macchina di Rosco fu girata al Seney Hall di Oxford College di Covington. In quel luogo la Generale Lee fece il suo primo salto l'11 novembre 1978: il salto fu di 81 metri.
  • Il Boar's Nest originale, che appare nei primi cinque episodi della prima stagione, si trova ad Oxford, Georgia, al numero 290 di Flat Rock Road, a soli venti minuti a nord di Covington. Attualmente è utilizzato come chiesa. Quello che appare negli episodi successivi della serie è una copia ricostruita negli studi della Warner Bros.
  • Il cimitero delle auto di Hazzard che appare nell'episodio Slot machine (One Armed Bandits), 1º episodio della 1ª stagione, si trova al numero 3975 di Hwy, a venti minuti a nord di Conyers: successivamente fu in parte bonificato; solo l'autobus giallo e poche altre auto si trovano ancora lì.
  • La casa dei Duke che appare nei primi cinque episodi della prima stagione, si trovava al numero 2201 di Lenora Road, vicino a Loganville e fu demolita nel 2011; la casa che appare negli episodi successivi fu costruita invece negli studi della Warner Bros.
  • La scena in cui Daisy in bikini rosso ferma il camion con le slot machine con il pretesto di cercare la spiaggia, nell'episodio Slot machine (One Armed Bandits), 1º episodio della 1ª stagione, fu girata a Rosebud Road, vicino a Loganville, Georgia.
  • Sempre nell'episodio Slot machine (One Armed Bandits) si vedono i Duke che portano delle slot machine presso una grande sala. Questa scena fu girata all'interno del Candler Hall di Oxford College, Covington.
  • L'orfanotrofio che appare nell'episodio Slot machine (One Armed Bandits) è situato al numero 5160 di Echols Street a Covington. Successivamente venne utilizzato un edificio degli studi della Warner Bros.
  • Verso la fine dell'episodio Slot machine (One Armed Bandits) i ragazzi Duke, durante un inseguimento, si ritrovano ad attraversare un passaggio a livello. Il passaggio a livello si trova all'incrocio tra l'Hwy 81 e l'Herring Street a Covington.
  • Il tribunale che appare nell'episodio Whisky ad alta percentuale di ottani (High Octane), 5º episodio della 1ª stagione, è il tribunale della contea di Newton a Covington. Si trova al numero 1124 di Clark Street.
  • Il salto nella prima scena dell'episodio Whisky ad alta percentuale di ottani (High Octane) fu girato all'incrocio tra Hwy 20 e Bethel Road, a nord di Conyers.

Incidenti durante le riprese[modifica | modifica wikitesto]

Come in molte serie di quel periodo, lo svolgimento delle riprese, proprio in virtù delle vicende narrate, era spesso pericoloso. Anche in Hazzard gli incidenti erano frequenti e purtroppo a volte anche letali. Nel 1980, a seguito del ribaltamento di un'automobile, perse la vita l'assistente alle riprese Rodney Mitchell.[27]

Colonna sonora e sigla[modifica | modifica wikitesto]

La sigla originale della serie è stata composta e interpretata da Waylon Jennings [28], un celebre cantante di musica country. Il titolo del brano è Good Ol 'Boys e nell'agosto del 1980 è stato pubblicato come secondo singolo dell'album Music Man su etichetta RCA Records (PB-12067). La canzone nel mese successivo conquistò la posizione numero 1 nella classifica dei singoli di musica country di Billboard.[29]

La sigla italiana della serie, intitolata La ballata di Bo e Luke, fu composta e interpretata da Augusto Martelli e pubblicata nel 1981 su dischi Five Record (FM-13006); il testo fu scritto dal paroliere Luigi Albertelli. La chitarra della sigla del telefilm è suonata da Giorgio Cocilovo[30].

Nel corso degli anni hanno preso parte alle realizzazione della colonna sonora diversi artisti, tra questi: Fred Werner, John Beal e Richie Albright.[19]

Nell'ultimo episodio della serie, intitolato Una festa per le feste (Opening Night at the Boar's Nest), durante una scena si vede lo sceriffo Rosco P. Coltrane mettere sul piatto di un giradischi un vinile: si tratta in realtà di un disco italiano, per l'esattezza di A Venezia di Umberto Marcato del 1977.

La macchina "Generale Lee"[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Generale Lee (auto).

L'automobile è una Dodge Charger R/T (Road & Track) del 1969 detta "Generale Lee", caratterizzata da un colore arancio, da una gabbia di roll bar neri all'interno dell'abitacolo, da una radio "cb" con antenna sul baule posteriore, da un enorme numero "01" sulle fiancate, dalla seconda bandiera degli Stati Confederati d'America dipinta sul tetto e da un clacson che intona le prime note della canzone popolare Dixie's Land. Un'ulteriore singolarità, che distingue la Generale Lee dalle vetture in circolazione, è data dalle porte saldate alla carrozzeria, caratteristica che costringe i cugini Duke a entrare e uscire dall'auto passando attraverso i finestrini come nelle vetture da corsa NASCAR, divenendo col tempo un'immagine iconica del telefilm. L'11 novembre 1978 lo stuntman Craig R. Baxley con la Generale Lee, durante le riprese, stabilì un record di salto.[31]

La Generale Lee come appare nella serie televisiva

In media venivano distrutte almeno una o due vetture per ogni episodio, si eseguivano salti che finivano sempre per distruggere i pianali dell'auto rendendola inutilizzabile per altre scene. Gli esemplari rimasti e ristrutturati di quel particolare modello del '69 sono molto ricercati e hanno raggiunto un notevole valore di mercato. In Italia e in altri paesi europei si aggira intorno ai 40/50.000 € a seconda del livello di perfezione nella ristrutturazione. Dalla sesta stagione i produttori decisero di usare dalle miniature 1/8 in scala, prodotte e filmate da personale di Jack Sessums.[32]

Durante i primi cinque episodi della prima serie, che sono stati girati in Georgia, le auto coinvolte vennero allestite e riparate presso una carrozzeria con sede vicino al luogo delle riprese. In questa officina gli uomini lavoravano giorno e notte per preparare le auto distrutte durante le riprese in modo tale che potessero essere nuovamente disponibili per il giorno successivo.[33]

Il terzo episodio della prima serie, Il bambino di Mary Kaye (Mary Kaye's Baby), è l'unico in cui la Generale Lee non appare. In questa puntata i Duke guidano una Plymouth Fury del 1975 di colore blu.

Il parco macchine con i rispettivi pezzi di ricambio, a fine serie, venne affidato dai produttori a Wayne Worten, il quale ne gestì lo smaltimento. Alcune vetture vennero donate a dei fan con la clausola, però, di non poterne trarre profitto.[34]

Altri autoveicoli utilizzati nella serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Le auto della polizia[modifica | modifica wikitesto]

auto della polizia di Hazzard

La AMC Matador del 1977 fu una delle tante e diverse auto della polizia di Hazzard utilizzate nella serie, soprattutto nella prima stagione. Erano dotate di barre luminose e radio di servizio. Una Dodge Polara del 1972 e una Dodge Monaco del 1974 furono impiegate durante l'episodio pilota. Dalla seconda stagione si usarono delle Dodge Monaco del 1977; da metà della quarta stagione, invece, delle Plymouth Fury del 1978. Le AMC Matadors erano ex veicoli del Dipartimento di Polizia di Los Angeles, mentre le Dodge Monaco e le Plymouth Fury erano ex unità della California Highway Patrol.[35][36] [37][38]. Lo sceriffo Little della contea di Chickasaw guida una Dodge Coronet simile alla Dodge Monaco, ma con particolari diversi.

Plymouth Roadrunner

Plymouth Roadrunner[modifica | modifica wikitesto]

Una Plymouth Roadrunner del 1973 gialla con una striscia nera targata FCH630 fu utilizzata da Daisy Duke nei primi cinque episodi della prima stagione e dallo zio Jesse nell’ottava puntata della prima stagione. Per gli ultimi episodi della prima stagione e i primi della seconda stagione, invece, guidò una Plymouth Satellite/GTX del 1971.[39][40]

Dixie - Jeep CJ-7[modifica | modifica wikitesto]

Dixie è il nome dato all'auto di Daisy Duke, una Jeep CJ-7 "Golden Eagle" del 1980 di colore bianco. La caratteristica di questa vettura è un'aquila dorata sul cofano e la scritta "Dixie" sui fianchi. Nella serie furono impiegate varie vetture identiche: a volte avevano un cambio automatico e altre volte uno manuale. Anche il design del roll bar varia attraverso le stagioni. Quando fu introdotta la Jeep, alla fine della seconda stagione, questa aveva anche le porte, che vennero presto rimosse e non apparvero più a partire dall'episodio Arrestate Jesse Duke (Arrest Jesse Duke) della seconda stagione. Queste Jeep furono affittate ai produttori del telefilm da American Motors Corporation in cambio di una breve menzione nei titoli di chiusura.

Ford F100[modifica | modifica wikitesto]

È un camioncino utilizzato da zio Jesse, prodotto tra il 1973 ed il 1977. In alcuni episodi compare anche un Ford F250.

Ford F350.[modifica | modifica wikitesto]

È il furgone utilizzato da Cooter Davenport.

Cadillac De Ville[modifica | modifica wikitesto]

Cadillac De Ville

È l'auto utilizzata da Boss Hogg, versione del 1970 convertibile, di colore bianco con grandi corna di toro come ornamento sul cofano. Nelle stagioni iniziali Boss Hogg ha un autista, che parla raramente, identificato nel corso della serie con il nome di "Alex". Questo ruolo fu interpretato da diversi attori, tra cui lo stuntman Gary Baxley. Nell'episodio La pecora bianca (Baa, Baa White Shee) della 3ª stagione, il fratello di Boss Hogg, Abraham Lincoln Hogg, sempre interpretato da Sorrell Booke, guida lo stesso modello di automobile ma di colore nero. Il corno installato sul cofano venne acquistato per 300 dollari da un ragazzo che lo montava sulla sua macchina nella città di Covington; solo successivamente i produttori scoprirono che era venduto presso vari negozi di autoricambi al prezzo di circa 100 dollari.

Ford Mustang LTD[modifica | modifica wikitesto]

Nell'episodio Come ai vecchi tempi (Days of Shine and Roses) della 2ª stagione, zio Jesse guida una Ford Mustang Ltd nera soprannominata "Tilly" (nella versione originale è chiamata “Sweet Tilly” - dolce Tilly - ).

Ford Galaxie 500

Ford Galaxie 500 del 1971[modifica | modifica wikitesto]

Nell'episodio Whisky ad alta percentuale di ottani (High Octane) della 1ª stagione, zio Jesse ne guida una di color nero soprannominata “Sweet Tilly” (“dolce Tilly”) o “Black Tilly" (“Tilly nera”).[41]

Malibu Camaro[modifica | modifica wikitesto]

È l'auto guidata da Boss Hogg nell'episodio Come ai vecchi tempi (Days of Shine and Roses) della 2ª stagione ed è soprannominata “Gray Ghost Jr.”. Appare anche nell'episodio Candeline per il Generale (Happy Birthday, General Lee) della 7ª stagione, con il soprannome di “Hellcat” (in italiano “gatto indiavolato”).

Ford Mustang[modifica | modifica wikitesto]

È l'unica auto che sia riuscita a battere la Generale Lee in una gara. Viene guidata da Buzz Kilroy, ha uno "00" sulle portiere ed è di colore blu con delle fiamme dipinte sul posteriore. Appare nel film tv Hazzard 20 anni dopo (The Dukes of Hazzard: Reunion!) del 1997.

Maggiolino Volkswagen[modifica | modifica wikitesto]

Questa è la macchina utilizzata da Hugie Hogg, è bianca ed è la versione convertibile del 1960.

Ford Gran Torino[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo episodio della serie compare in un cimitero per auto una Ford Gran Torino con gli stessi colori di quella di Starsky & Hutch. L'auto nel corso dell'episodio viene guidata da Cooter.

Codici radio[modifica | modifica wikitesto]

I nomi in codice utilizzati dalla famiglia Duke per comunicare in incognito mediante l'uso delle radio CB, sono: per zio Jesse "Pastore"; per Bo e Luke (e per Coy e Vance in 18 episodi della 5ª stagione) "Pecorella smarrita"; per Daisy "Pastorella"; e per Cooter "Cavallo Pazzo".

Trappola del limitatore di velocità e finta deviazione[modifica | modifica wikitesto]

Per avere gratuitamente delle celebrità all'interno del suo locale, il Boar's Nest, Boss Hogg si avvale spesso di alcuni trucchi scorretti. Uno dei più utilizzati è quello del "celebrity speed trap"[42] ("trappola del limitatore di velocità per celebrità"), dove lo sceriffo, mediante alcuni cartelli indicatori del limite massimo di velocità sapientemente modificati, riesce a variare il limite a proprio piacimento, in modo tale da multare i poveri malcapitati. Una volta inflitta la salatissima multa, solo in cambio di un'esibizione gratuita all'interno del Boar's Nest, viene offerta la possibilità di stracciarla. Un altro trucchetto è quello d'inserire delle deviazioni obbligatorie, cosicché la celebrità di passaggio finisca direttamente nel parcheggio del Boar's Nest. Nella maggioranza dei casi cadono in queste trappole cantanti di musica country. Spesso gli autori della serie hanno chiuso così gli episodi in modo da inserire una canzone che i produttori volevano utilizzare per promuovere i nuovi lavori discografici di alcuni cantanti sotto contratto con le etichette del gruppo Warner Brothers.

Lista delle celebrità vittime del limitatore di velocità o delle deviazioni:

Messa al bando della serie[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al Massacro di Charleston del giugno 2015, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha auspicato la messa al bando della bandiera confederata sudista, perché ritenuta sinonimo di razzismo. Essendo tale simbolo presente nella sua seconda versione anche sulla macchina dei due protagonisti della serie, la rete televisiva CBS ha deciso di bloccarne la messa in onda.[43]

Sequel e spin off[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Hazzard (film).

Nel 2005 è uscito il film Hazzard con Johnny Knoxville (Luke Duke) e Seann William Scott (Bo Duke) nella parte dei cugini Duke e Jessica Simpson nella parte della cugina Daisy Duke.

Nel 2007 è stato realizzato il prequel Hazzard - I Duke alla riscossa, con Randy Wayne (Luke Duke) e Jonathan Bennett (Bo Duke) nella parte dei cugini Duke e April Scott nella parte della cugina Daisy Duke. Altri interpreti: Willie Nelson (zio Jesse), Christopher McDonald (Boss Hogg) e Sherilyn Fenn (Lulu Hogg).

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Dal telefilm sono stati prodotti, sempre con il cast originale, due film per la televisione. Il primo senza Sorrell Booke (Boss Hogg), morto nel 1994, il secondo anche senza Denver Pyle (Jesse Duke), morto nel 1997. L'intera troupe si riunì al funerale di Sorrell Booke nel 1994 e fu proprio in quell'occasione che nacque l'idea di riunire il tutti i vecchi attori per realizzare un film tv dedicato alla serie. Il progetto si concretizzò nel 1997.

Influenze culturali[modifica | modifica wikitesto]

Serie animata[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Hazzard (serie animata).

Dalla serie originale nel 1983 fu realizzato un cartone animato, sempre con le voci del cast originale, chiamato Hazzard (The Dukes), prodotto nel 1983.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Al telefilm si sono ispirati diversi videogiochi, gli ultimi due con le voci del cast originale:

Parodie e citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel film Mars Attacks! un imperatore marziano segue una puntata di Hazzard alla televisione.[44]
  • Nel sesto episodio della quinta stagione della serie Smallville, intitolato Traffico di donne (Exposed), Schneider e Wopat tornano a recitare insieme. Nella puntata ci sono diversi riferimenti alla serie Hazzard, come quando i due guidano un'auto in modo spericolato o addirittura entrano nell'abitacolo direttamente dal finestrino.
  • Il personaggio della Marvel Comics Deadpool è un fan della serie e nelle sue avventure molto spesso vengono fatti precisi riferimenti ad Hazzard.[45]
  • Su Topolino è stata pubblicata nel 1987 una parodia Disney della serie dal titolo Paperino "cugino Duck"[46].
  • Nel quarto episodio della prima stagione della serie I Griffin dal titolo L'uomo in bianco, Peter si azzuffa con un ragazzino per riavere il suo orologio di The Dukes of Hazzard.
  • Nel ventunesimo episodio della quarta stagione della serie I Griffin, Stewie fa un riferimento alla "fase Daisy Duke" attraversata da Peter.
  • Nel film Kingsman - Il cerchio d'oro, l'agente Whiskey, facente parte della Statesman, la versione statunitense della Kingsman, guida una macchina con il clacson dal suono identico a quello della Generale Lee.
  • Nell'ottavo episodio della quarta stagione della serie Lucifer, intitolato Pessimo fidanzato, il protagonista, in due brevi scene, viene inquadrato intento a guardare Hazzard di cui si vedono brevi tratti della sigla iniziale.

Comparse di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Sono comparsi nella serie i seguenti attori:

  • In due episodi compare Alan Autry, futuro capitano V.L. "bubba" Skinner nella serie tv L'ispettore Tibbs.
  • In un episodio compare David Graff, futuro Eugene Tackleberry nei film della serie Scuola di polizia.
  • Nella puntata Il fantasma del generale Lee compare l'attrice Debra Feuer come "Becky Mae".
  • Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

    La serie fu candidata ai Premi Emmy per i costumi nel 1984.[47]

    DVD[modifica | modifica wikitesto]

    La Warner Home Video ha pubblicato tutte le sette stagioni di Hazzard in DVD per le regioni 1 e 2. I due film TV che hanno seguito la serie sono usciti in DVD nella regione 1 il 10 giugno 2008 e nella regione 4 il 4 giugno 2014.[48] Nella regione 4 la Warner ha distribuito solo le prime sei stagioni in DVD e due film per la TV. La serie completa e i due film TV sono stati pubblicati su DVD nella Regione 1 il 14 novembre 2017.[49]

    Titolo del DVD N° ep. Data di pubblicazione
    Regione 1 Regione 2 Regione 4
    La prima stagione 13 1 giugno 2004 15 agosto 2005 17 agosto 2005
    La seconda stagione 23 25 gennaio 2005 26 settembre 2005 17 agosto 2005
    La terza stagione 23 31 maggio 2005 21 novembre 2005 1 marzo 2006
    La quarta stagione 27[50] 2 agosto 2005 13 febbraio 2006 1 marzo 2006
    La quinta stagione 22 13 dicembre 2005 10 aprile 2006 9 agosto 2006
    La sesta stagione 22 30 maggio 2006 24 luglio 2006 9 agosto 2006
    La settima stagione 17 5 dicembre 2006 22 settembre 2008 ND
    Two Movie Collection 2 10 giugno 2008 ND 4 giugno 2014
    The Complete Series
    & Two TV Movies
    147 14 novembre 2017 ND ND

    Streaming[modifica | modifica wikitesto]

    La serie TV è anche disponibile per lo streaming e il download attraverso una varietà di servizi.[51]

    Festival della serie[modifica | modifica wikitesto]

    • Dal 2011 i fan olandesi organizzano l'Euro Dukesfest[52] presso la pista di Zandvoort.
    • Dal 2001 al 2007 si è svolto anche il Dukesfest, organizzato da Ben Jones.

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ (EN) Steven H. Scheuer, TV. The Television Annual, Lone Eagle, 1979, p. 26, ISBN 978-0-02-081830-4.
    2. ^ (EN) Lynne Naylor, Television Writers Guide, Lone Eagle, 1989, p. 252, ISBN 978-0-943728-24-7.
    3. ^ (EN) Vincent Terrace, Encyclopedia of Television Shows, 1925 through 2010, 2d ed., McFarland, 2008, p. 291, ISBN 978-0-7864-8641-0.
    4. ^ Aldo Grasso, Enciclopedia della televisione Garzanti, Garzanti, 1996, p. 350, ISBN 978-88-11-50466-5.
    5. ^ Carlo Sartori, New York, la fabbrica dei tele-sogni, in Stampa Sera, nº 257, 1981, p. 6.
    6. ^ Spettacolo, cultura e varietà, in La Stampa, nº 214, 1986, p. 23.
    7. ^ Spettacoli - Italia 1, in La Stampa, nº 178, 1992, p. 23.
    8. ^ Bo, Luke e Daisy, torna Hazzard su Spike Tv, superguidatv.it. URL consultato il 24 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2018).
    9. ^ Rete 4 - Programmi di lunedi 18 febbraio 2019, programmi-tv.eu. URL consultato il 20 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2019).
    10. ^ Iris - Programmi di lunedi 1 luglio 2019, programmi-tv.eu. URL consultato il 1º luglio 201 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2019).
    11. ^ Igor Vazzaz, I telefilm a test Quante ne sai?, Alpha Test, 2007, p. 108, ISBN 978-88-483-0865-6.
    12. ^ (EN) Scott Von Doviak, Hick Flicks: The Rise and Fall of Redneck Cinema, McFarland, 2004, p. 24, ISBN 978-0-7864-1997-5.
    13. ^ (EN) Marc P. Singer, Ryan L. Sumner, Auto Racing in Charlotte and the Carolina Piedmont, Arcadia Publishing, 2003, p. 48, ISBN 978-0-7385-1515-1.
    14. ^ (EN) Richard D. Jensen, The Nicest Fella: The Life of Ben Johnson. the World Champion Rodeo Cowboy Who Became an Oscar-winning Movie Star, iUnuverse, 2010, ISBN 978-1-4401-9678-2.
    15. ^ (EN) 12 Good Ol' Facts About 'The Dukes of Hazzard', mentalfloss.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    16. ^ (EN) Catherine Bach - Trivia, famousfix.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    17. ^ (EN) Daisy Duke Bounces Back, people.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    18. ^ (EN) Catherine Bach Defends the Dukes, in Beaver Country Times, 11 ottobre 1981, p. 19.
    19. ^ a b (EN) Vincent Terrace, Encyclopedia of Television Series, Pilots and Specials, Volume 2, VNR AG, 1985, p. 121, ISBN 978-0-918432-61-2.
    20. ^ (EN) Cooter's Place - The Dukes of Hazzard, su Cooter's Place. URL consultato il 3 dicembre 2015.
    21. ^ (EN) David Hofstede, The Dukes of Hazzard: The Unofficial Companion, Lone Eagle Pub, 2005, p. 92, ISBN 978-0-312-35374-2.
    22. ^ (EN) David Hofstede, The Dukes of Hazzard: The Unofficial Companion, Lone Eagle Pub, 2005, p. 97, ISBN 978-0-312-35374-2.
    23. ^ (EN) Harris M. Lentz III, Obituaries in the Performing Arts, McFarland, 2011, p. 25, ISBN 978-0-7864-6994-9.
    24. ^ (EN) Flight of fancy, in Atlanta Magazine, vol. 43, nº 2, 2003, p. 62.
    25. ^ The Dukes of Hazzard - Georgia Filming Locations, thedukesofhazzard.nl. URL consultato il 26 marzo 2016.
    26. ^ (EN) Corey Sandler, Econoguide '98 Disneyland, Universal Studios Hollywood: And Other Major Southern California Attractions, Contemporary Books, 1997, p. 201, ISBN 978-0-8092-3097-6.
    27. ^ (EN) Mikita Brottman, Hollywood Hex, Creation, 1999, p. 188, ISBN 978-1-871592-85-6.
    28. ^ Waylon – The Dukes Of Hazzard, discogs.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    29. ^ Theme from 'The Dukes of Hazzard' (Good Ol' Boys), musicvf.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    30. ^ Sigla del telefilm Hazzard, discogs.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    31. ^ (EN) “Things That Bring Back Memories” - “Dukes of Hazzard“, tigerstrypes.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    32. ^ (EN) Jack Sessums constructed a miniature steam locomotive for the 1986 'film "Tough Guys.", in Beaver Country Times, 7 febbraio 1996, p. 19.
    33. ^ (EN) The General's First Men, dukesofhazzard01.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    34. ^ (DE) Hazzard, destobesser.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    35. ^ "1974 AMC Matador in" The Dukes of Hazzard, 1979-1985, IMCDb.org, 2 agosto 2010.
    36. ^ "1972 Dodge Polara in" The Dukes of Hazzard, 1979-1985, IMCDb, 2 agosto 2010.
    37. ^ "1974 Dodge Monaco in" The Dukes of Hazzard, 1979-1985, IMCDb, 27 aprile 2010.
    38. ^ "1977 Dodge Monaco in" The Dukes of Hazzard, 1979-1985, IMCDb.org, 27 aprile 2010.
    39. ^ "1977 Plymouth Fury in" The Dukes of Hazzard, 1979-1985, IMCDb.org, 27 aprile 2010.
    40. ^ "1974 Plymouth Roadrunner - Bianco - Angolo anteriore", Seriouswheels.com, 27 aprile 2010.
    41. ^ IMCDb.org: 1971 Ford Custom 500 in "The Dukes of Hazzard, 1979-1985"
    42. ^ (EN) David Hofstede, 5000 Episodes and No Commercials: The Ultimate Guide to TV Shows On DVD, Potter/TenSpeed/Harmony, 2011, ISBN 978-0-307-79950-0.
    43. ^ Stop alla serie tv Hazzard, sulla Dodge c'è la bandiera sudista.
    44. ^ (EN) Mars Attacks! (1996), imaginarycinema.com. URL consultato il 26 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2015).
    45. ^ Dukes of Hazzard Collector, dukescollector.blogspot.it. URL consultato il 26 marzo 2016.
    46. ^ Paperino "cugino Duck", inducks.org. URL consultato il 26 marzo 2016.
    47. ^ (EN) 12 Good Ol' Facts About 'The Dukes of Hazzard' - Outstanding Costume Design for a Series - 1984, emmys.com. URL consultato il 26 marzo 2016.
    48. ^ The Dukes of Hazzard DVD news: Announcement for 'The Dukes of Hazzard' - 2 TV Movie Collection, TVShowsOnBlu-ray.com. URL consultato il 27 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2010).
    49. ^ The Dukes of Hazzard - Get Them Good Ol' Boys in 'The Complete Collection' 40-DVD Package from Warner Will Hit the Street in the U.S. This November, TVShowsOnBlu-ray.com. URL consultato il 19 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2017).
    50. ^ Source: tv.com and The Dukes Of Hazzard: The Complete Fourth Season Dvd box set
    51. ^ Amazon.com: Dukes of Hazzard Season 1: Philip Mandelker: Amazon Digital Services LLC, su amazon.com.
    52. ^ Euro Dukesfest

    Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

    Controllo di autoritàVIAF (EN177823936 · LCCN (ENn84006879 · WorldCat Identities (ENn84-006879
    Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione