The Downward Spiral

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Downward Spiral
Artista Nine Inch Nails
Tipo album Studio
Pubblicazione 8 marzo 1994
Durata 65:02
69:52 Giappone
Dischi 1
Tracce 14
15 Giappone
Genere Industrial metal
Etichetta Nothing Records
Produttore Trent Reznor, Mark Ellis
Registrazione 1993–1994
Le Pig, Beverly Hills
Record Plant Studios & A&M Studios, Los Angeles
Formati CD, 2 CD, MC, 2 LP, download digitale
Nine Inch Nails - cronologia
Album precedente
(1992)
Album successivo
(1995)
Singoli
  1. March of the Pigs
    Pubblicato: 25 febbraio 1994
  2. Closer to God
    Pubblicato: 30 maggio 1994

The Downward Spiral (anche noto come Halo 8) è il secondo album in studio del gruppo musicale statunitense Nine Inch Nails, pubblicato l'8 marzo 1994 dalla Nothing Records.

Pubblicato a due anni di distanza dall'EP Broken, l'album portò il gruppo alla popolarità, specialmente dopo l'uscita del secondo singolo, Closer, accompagnato da un controverso videoclip diretto da Mark Romanek. The Downward Spiral è universalmente ritenuto dalla critica specializzata il capolavoro dei Nine Inch Nails e uno dei dischi più importanti degli anni novanta.[1] Si trova alla posizione 201 nella classifica dei 500 migliori album di sempre stilata dalla rivista Rolling Stone.[2]

L'album[modifica | modifica wikitesto]

Alienazione e paranoia, depressione, perversione: tutto questo e molto altro in un concept album che racconta la sottomissione al "sistema" dell'individuo protagonista, il quale troverà riparo, infine, nel suicidio.[3] Un sistema al quale non si può sfuggire, perché è quello in cui viviamo, cresciamo e moriamo. La successione dei brani scandisce i "capitoli" di questo racconto, dove troviamo invettive antireligiose (Heresy) e inquietanti episodi di futuristica schizofrenia (I Do Not Want This), il tutto scandito da un suono che è tutta una orchestra di strumenti, digitali e no, i quali si fondono venendo a creare canzoni che è difficile, ad un primo approccio, definire tali. Seguendo solamente quella che è la sua idea di musica, Trent Reznor incide un disco dove il meccanico-robotico fa da padrone, dove ogni singolo battito è il frutto d'uno studio meticoloso, o più correttamente, ossessivo. In linea con una visione nietzscheana della realtà, Reznor annuncia ancora la morte di Dio e descrive come l'uomo, tentando di ergersi a padrone del mondo, riveli tutta la sua fragilità.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Trent Reznor, eccetto dove indicato.

  1. Mr Self Destruct – 4:30
  2. Piggy – 4:24
  3. Heresy – 3:54
  4. March of the Pigs – 2:58
  5. Closer – 6:13
  6. Ruiner – 4:58
  7. The Becoming – 5:31
  8. I Do Not Want This – 5:41
  9. Big Man with a Gun – 1:36
  10. Dead Souls – 4:50 (Ian Curtis, Peter Hook, Bernard Sumner, Stephen Morris)presente nell'edizione giapponese; originariamente interpretata dai Joy Division
  11. A Warm Place – 3:22
  12. Eraser – 4:54
  13. Reptile – 6:51
  14. The Downward Spiral – 3:57
  15. Hurt – 6:13
CD bonus nell'edizione deluxe
  1. Burn – 5:00
  2. Closer (Precursor) (remixata dai Coil, Danny Hyde) – 7:16
  3. Piggy (Nothing Can Stop Me Now) (remixata da Rick Rubin) – 4:03
  4. A Violet Fluid – 1:04
  5. Dead Souls (brano dei Joy Division) – 4:53
  6. Hurt (Quiet) (remixata da Trent Reznor) – 5:08
  7. "Closer to God (remixata da Reznor, Sean Beavan, Brian Pollack) – 5:06
  8. All the Pigs, All Lined Up – 7:26
  9. Memorabilia – 7:22 (brano dei Soft Cell)
  10. The Downward Spiral (The Bottom) (remixata da John Balance, Peter Christopherson, Drew McDowall, Hyde) – 7:32
  11. Ruiner (Demo) – 4:51
  12. Liar (Reptile Demo) – 6:57
  13. Heresy (Demo) – 4:00

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
Produzione
  • Trent Reznor – produzione, ingegneria del suono, missaggio (traccia 15)
  • Flood – produzione (tracce 1, 2, 5, 6, 7, 11, 12 e 13)
  • Bill Kennedy, Sean Beavan – ingegneria aggiuntiva, missaggio (traccia 15)
  • Brian Pollack, Chris Vrenna, John Aguto – ingegneria aggiuntiva
  • Alan Moulder – ingegneria aggiuntiva, missaggio (eccetto tracce 9, 10 e 15)
  • Tom Baker – mastering

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nine Inch Nails - The Downward Spiral :: Le pietre miliari di Onda Rock
  2. ^ 500 Greatest Albums of All Time: Nine Inch Nails, 'The Downward Spiral' | Rolling Stone
  3. ^ http://www.scaruffi.com/vol5/reznor.html

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock