The Conet Project

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

The Conet Project: Recordings of Shortwave Numbers Stations (dalla lingua inglese: Il progetto Conet: registrazioni di numbers station in onde corte) è un set di quattro CD contenente registrazioni di numbers station, stazioni radio di origine incerta che si crede siano utilizzate dalle agenzie governative per comunicare con le spie in missione. La collezione è stata rilasciata dall'etichetta discografica del Regno Unito Irdial-Discs nel 1997.

The Conet Project è diventato quasi un elemento di culto e vede molti musicisti e registi tra i suoi fan, tra cui Boards of Canada, Jeff Tweedy degli Wilco, Mike Patton dei Faith No More e il regista Cameron Crowe. Parti della collezione sono state usate in numerosi film e album, tra cui il film Vanilla Sky di Crowe.

L'album Yankee Hotel Foxtrot degli Wilco prende il nome da una registrazione di una numbers station inclusa nel decimo brano (Poor Places) e proveniente dalla collezione di The Conet Project. In questa registrazione vengono nominate le tre parole Yankee Hotel Foxtrot, corrispondenti secondo l'alfabeto fonetico NATO alle lettere Y H F che sono state usate per dare il titolo all'album dalla band. L'inclusione della registrazione nell'album fu causa di una contesa legale dal momento che Jeff Tweedy non chiese i permessi di utilizzo alla Irdial. L'etichetta discografica ricorse a vie legali contestando la violazione di copyright, evento che fece discutere sull'effettiva proprietà delle registrazioni di radiotrasmissioni riconducibili a numbers station. Tweedy, per evitare problemi in sede di giudizio, decise di pagare i diritti alla Irdial. [1]

In accordo con la Free Music Philosophy (dall'inglese filosofia della musica libera) la casa discografica ha reso l'intera collezione disponibile in formato MP3 corredata dalla versione PDF del libretto. La collezione è scaricabile dal sito ufficiale e da vari mirror gratuitamente ed incoraggia gli utenti a distribuirlo tramite reti di file sharing. [2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Wired News: Wilco Pays Up for Spycast - Articolo su Wired.com
  2. ^ (EN) The Free Music Philosophy as adopted by Irdial-Discs

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]