The Colour and the Shape

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Colour and the Shape
ArtistaFoo Fighters
Tipo albumStudio
Pubblicazione20 maggio 1997
Durata46:47
Dischi1
Tracce13
GenereRock alternativo
Post-grunge
EtichettaRoswell, Capitol
ProduttoreGil Norton
Registrazionenovembre 1996-febbraio 1997
Grand Master Recorders, North Hollywood (California) (eccetto tracce 1, 6 e 12)
Bear Creek Studios, Woodinville (Washington) (tracce 1 e 6)
WGNS Studios, Washington (traccia 12)
FormatiCD, 2 CD, 2 LP, MC, download digitale
Certificazioni
Dischi di platinoAustralia Australia[1]
(vendite: 70 000+)
Canada Canada[2]
(vendite: 100 000+)
Regno Unito Regno Unito[3]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[4]
(vendite: 1 000 000+)
Foo Fighters - cronologia
Album precedente
(1995)
Singoli
  1. Monkey Wrench
    Pubblicato: 28 aprile 1997
  2. Everlong
    Pubblicato: 18 agosto 1997
  3. My Hero
    Pubblicato: 19 gennaio 1998
  4. Walking After You
    Pubblicato: 18 agosto 1998

The Colour and the Shape è il secondo album in studio del gruppo musicale statunitense Foo Fighters, pubblicato il 20 maggio 1997 dalla Roswell e dalla Capitol Records.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Dave Grohl e dei Foo Fighters, eccetto dove indicato.

  1. Doll – 1:23
  2. Monkey Wrench – 3:51
  3. Hey, Johnny Park! – 4:08
  4. My Poor Brain – 3:34
  5. Wind Up – 2:31
  6. Up in Arms – 2:15
  7. My Hero – 4:20
  8. See You – 2:27
  9. Enough Space – 2:36 (Dave Grohl)
  10. February Stars – 4:49
  11. Everlong – 4:10 (Dave Grohl)
  12. Walking After You – 5:04 (Dave Grohl)
  13. New Way Home – 5:40
Traccia bonus nell'edizione giapponese
  1. Dear Lover – 4:32
CD bonus (Australia, Europa)
  1. Requiem – 3:33 (Killing Joke)originariamente interpretata dai Killing Joke
  2. Drive Me Wild – 3:13 (Jamie Starr)originariamente interpretata dai Vanity 6
  3. Down in the Park – 4:08 (Gary Numan)originariamente interpretata da Gary Numan e i Tubeway Army
  4. Baker Street – 5:37 (Gerry Rafferty)originariamente interpretata da Gerry Rafferty
Inédits – CD bonus presente nell'edizione francese
  1. The Colour and the Shape (Inédit) – 3:23
  2. Weenie Beenie (Live à l'Île de Ré) – 3:18 (Dave Grohl)
  3. Winnebago (Live à l'Île de Ré) – 3:06 (Dave Grohl)
Tracce bonus nella riedizione del 2007
  1. Requiem – 3:33 (Jaz Coleman)originariamente interpretata dai Killing Joke
  2. Drive Me Wild – 3:13 (Prince)originariamente interpretata dai Vanity 6
  3. Down in the Park – 4:08 (Gary Numan)originariamente interpretata da Gary Numan e i Tubeway Army
  4. Baker Street – 5:37 (Gerry Rafferty)originariamente interpretata da Gerry Rafferty
  5. Dear Lover – 4:32
  6. The Colour and the Shape – 3:23

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Lance Bangs, Chris Bilheimer e Ryan Boesch – battimani (traccia 8)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1997) Posizione
massima
Australia[5] 5
Austria[5] 19
Belgio (Fiandre)[5] 7
Belgio (Vallonia)[5] 18
Canada[6] 8
Finlandia[5] 12
Francia[5] 24
Germania[5] 41
Norvegia[5] 20
Nuova Zelanda[5] 10
Paesi Bassi[5] 39
Regno Unito[7] 3
Stati Uniti[8] 10
Svezia[5] 10
Svizzera[5] 50

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Accreditations - 1998 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  2. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  3. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 16 febbraio 2016. Digitare "Foo Fighters" in "Keywords", dunque premere "Search".
  4. ^ (EN) The Colour and the Shape – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l (NL) Foo Fighters - The Colour and the Shape, Ultratop. URL consultato l'8 marzo 2016.
  6. ^ (EN) Foo Fighters - Chart history (Billboard Canadian Albums), Billboard. URL consultato l'8 marzo 2016.
  7. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 18 May 1997 - 24 May 1997, Official Charts Company. URL consultato l'8 marzo 2016.
  8. ^ (EN) Foo Fighters - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato l'8 marzo 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock