The Call (film 2013)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Call
The Call (film 2013).PNG
Halle Berry in una scena del film
Titolo originale The Call
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2013
Durata 93 min
Colore colore
Audio Dolby Digital, SDDS
Rapporto 2,35 : 1
Genere thriller, poliziesco
Regia Brad Anderson
Soggetto Jon Bokenkamp, Nicole D'Ovidio, Richard D'Ovidio
Sceneggiatura Richard D'Ovidio
Produttore Bradley Gallo, Jeffrey Graup, Michael A. Helfant, Michael Luisi, Robert Stein
Produttore esecutivo Philip M. Cohen, William Gallo II, Guy J. Louthan
Casa di produzione WWE Films, Emergency Films, Troika Pictures
Fotografia Tom Yatsko
Montaggio Avi Youabian
Effetti speciali Jake Valdez
Musiche John Debney
Scenografia Franco-Giacomo Carbone
Costumi Magali Guidasci
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Call è un film del 2013 diretto da Brad Anderson, con protagoniste Abigail Breslin e Halle Berry.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jordan Turner, una centralinista del numero unico di emergenza 911, riceve una chiamata da una ragazza che si trova bloccata in casa da un uomo che la minaccia. Pur facendo il possibile per salvarle la vita, mantenendo il contatto telefonico, la polizia non riesce ad arrivare in tempo e la ragazza viene uccisa e ritrovata seppellita alcuni giorni dopo.

Dopo sei mesi la centralinista è stata incaricata di fare da insegnante ai nuovi tirocinanti che vogliono intraprendere il lavoro di centralinista. Una sua collega riceve una chiamata da una ragazza di nome Casey, che è stata rapita da uno sconosciuto in un garage di un centro commerciale mentre ritornava a casa da una passeggiata con una sua amica. Il rapitore, che si scoprirà un uomo con problemi mentali a seguito di un trauma familiare, riesce ad infilarla nel baule della sua auto e a mettersi in moto. Jordan vede la collega in difficoltà e la sostituisce, instaurando un dialogo con la ragazza, dandole consigli e cercando di racimolare più dettagli possibili per passarli alle pattuglie ed ai soccorritori, chiedendole di aprire alcuni barattoli di vernice presenti nel bagagliaio e posizionarli fuori dal veicolo, per lasciare tracce. Nessuno però riesce a trovare l'auto descritta dalla ragazza. Il rapitore, dopo aver ucciso un uomo insospettitosi, ne carica il corpo su una nuova auto insieme alla ragazza.

La polizia riesce a rintracciare l'auto che l'uomo aveva in precedenza, ma non sapendo altro, cerca nel frattempo di scoprire l'identità del rapitore. Successivamente il telefono della ragazza viene preso dal rapitore. Jordan gli intima di non fare nulla di cui si possa pentire, ma l'uomo risponde "L'ho già fatto!", usando proprio le stesse parole dell'uomo che aveva minacciato la ragazza chiusa in casa sei mesi prima. Jordan capisce che si tratta della stessa persona.

I colleghi e il capo di Jordan le dicono di tornare a casa e riposarsi, ma lei non vuole restare inoperosa. Così, di notte, si dirige al vecchio cottage della famiglia del rapitore, chiamato Michael Foster. Dopo essere entrata, nota delle foto che ritraggono lui e sua sorella, che Micheal amava, morta di cancro e perciò senza i suoi capelli biondi. Jordan scopre una botola all'esterno del cottage, e capisce che lì sono nascosti Michael e Casey. Trova infatti una stanza con numerose parrucche bionde ed abiti provenienti dalle vittime di Michael. La ragazza rapita sei mesi prima aveva anche lei i capelli biondi. Jordan riesce a liberare Casey e, nella colluttazione, Michael cade, battendo la testa e perdendo i sensi.

Al suo risveglio si ritrova incatenato ad una sedia con le due donne che gli spiegano la loro intenzione di lasciarlo lì e non chiamare la polizia. Nel finale si vedono Jordan e Casey che chiudono la porta della botola, mentre Michael urla.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

All'avvio del progetto, il titolo di lavorazione del film era The Hive[1].

Il budget della pellicola è di circa 13 milioni di dollari[2]. Le riprese del film sono iniziate il 6 luglio 2012[3], nello stato della California, nelle città di Los Angeles, Santa Clarita e Burbank[4]. Il regista scelto inizialmente per dirigere il film era Joel Schumacher, che dovette rinunciare al progetto e fu sostituito da Brad Anderson[5].

L'attrice Halle Berry fu scritturata nel ruolo da protagonista insieme al regista Joel Schumacher; alla rinuncia di Schumacher, anche lei dovette abbandonare il progetto per conflitti di programmazione con altri film. Tutto fu risolto posticipando le riprese in modo che l'attrice potesse prendervi parte[6].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer viene pubblicato l'11 gennaio 2013[7].

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 15 marzo 2013[8], mentre in italiano è disponibile su iTunes dal 17 settembre 2013[9].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Titolo, Imdb official Site. URL consultato il 29-01-2013.
  2. ^ (EN) Budget, Imdb official Site. URL consultato il 29-01-2013.
  3. ^ (EN) Riprese, Imdb official Site. URL consultato il 29-01-2013.
  4. ^ (EN) Location, Imdb official Site. URL consultato il 29-01-2013.
  5. ^ (EN) Regia, Imdb official Site. URL consultato il 29-01-2013.
  6. ^ (EN) Halle Berry, Imdb official Site. URL consultato il 29-01-2013.
  7. ^ (EN) Trailer, hd-trailers.net. URL consultato il 29-01-2013.
  8. ^ (EN) Release, Imdb official Site. URL consultato il 29-01-2013.
  9. ^ Esce direttamente su iTunes The Call, il thriller con Halle Berry, 17 settembre 2013. URL consultato il 21 settembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema