The Bends

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Bends
ArtistaRadiohead
Tipo albumStudio
Pubblicazione13 marzo 1995
Durata48:39
Dischi1
Tracce12
GenereRock alternativo
EtichettaParlophone
ProduttoreJohn Leckie, Nigel Godrich
Registrazione1994 e 1995
Certificazioni
Dischi d'oroArgentina Argentina[1]
(vendite: 30 000+)
Belgio Belgio[2]
(vendite: 25 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[3]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platinoCanada Canada (3)[4]
(vendite: 300 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[5]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito (4)[6]
(vendite: 1 200 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[7]
(vendite: 1 540 000+)
Radiohead - cronologia
Album precedente
(1993)
Album successivo
(1997)
Logo
Logo del disco The Bends

The Bends è il secondo album dei Radiohead, pubblicato il 13 marzo 1995 dalla Parlophone.

La rivista statunitense Rolling Stone ha incluso The Bends nella sua lista dei 500 migliori album alla posizione n. 111 Mentre Q Magazine l'ha inserito alla 2a posizione.

Assieme a Kid A del 2000, The Bends è uno dei due album in studio dei Radiohead ad avere per titolo quello di una delle sue canzoni.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album presenta un cambio di rotta dei Radiohead alla ricerca di sonorità maggiormente introverse e a tratti psichedeliche. La voce di Thom Yorke, pur se dotata di una certa personalità, viene associata a quella di Bono Vox. Preceduto da un singolo come Just, canzone irruente e aspra nei suoni che anticipa molte tematiche dell'album, il secondo lavoro della band presenta una sua unitarietà sonora e compositiva. Il sound si caratterizza discostandosi dai dettami del britpop che impazza in quegli anni, l'album presenta una trama unitaria eccezion fatta per High and Dry, che un po' si discosta da un album tanto omogeneo. Tra i brani spiccano Fake Plastic Trees, la title-track The Bends e l'allucinato lamento di Street Spirit (Fade Out), accompagnata da un video che sottolinea l'atmosfera del brano. The Bends è considerato un pilastro degli anni novanta, pietra miliare del rock-pop inglese, che ha influenzato il sound di quegli anni, come dimostrano i riconoscimenti delle classifiche di Rolling Stone e Q Magazine. Il disco è dedicato alla memoria di Bill Hicks, comico e pensatore statunitense.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Planet Telex - 4:19
  2. The Bends - 4:04
  3. High & Dry - 4:20
  4. Fake Plastic Trees - 4:51
  5. Bones - 3:08
  6. (Nice Dream) - 3:54
  7. Just - 3:54
  8. My Iron Lung - 4:37
  9. Bullet Proof I Wish I Was - 3:29
  10. Black Star - 4:07
  11. Sulk - 3:43
  12. Street Spirit (Fade Out) - 4:12

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  1. My Iron Lung
  2. Street Spirit (Fade Out)
  3. High & Dry
  4. Fake Plastic Trees
  5. Just

Lati B[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Trickster (B-Side di My Iron Lung)
  2. Punchdrunk Lovesick Singalong (B-Side di My Iron Lung)
  3. Lozenge of Love (B-Side di My Iron Lung)
  4. Lewis (Mistreated) (B-Side di My Iron Lung)
  5. Permanent Daylight (B-Side di My Iron Lung)
  6. You Never Wash Up After Yourself (B-Side di My Iron Lung)
  7. Talk Show Host (B-Side di Street Spirit (Fade Out))
  8. Bishop's Robes (B-Side di Street Spirit (Fade Out))
  9. Molasses (B-Side di Street Spirit (Fade Out))
  10. Banana Co. (B-Side di Street Spirit (Fade Out))
  11. Maquiladora (B-Side di High & Dry)
  12. India Rubber (B-Side di Fake Plastic Trees)
  13. How Can You Be Sure? (B-Side di Fake Plastic Trees)
  14. Killer Cars (B-Side di Just)

Videoclips[modifica | modifica wikitesto]

  1. My Iron Lung
  2. Street Spirit (Fade Out)
  3. High & Dry (UK version)
  4. High & Dry (US version)
  5. Fake Plastic Trees
  6. Just

EP[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Bends - Pinkpop
  2. Live Au Forum
  3. My Iron Lung EP

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1995) Posizione
Australian ARIA Charts[8] 23
Austrian Albums Chart[9] 37
German Albums Chart[10] 73
Swedish Albums Chart[11] 26
Classifica (1996) Posizione
Belgian (Flanders) Ultratop 50 Albums[12] 8
Belgian (Wallonian) Ultratop 50 Albums[13] 26
Netherlands Mega Album Top 100[14] 20
New Zealand Albums Chart[15] 8
Official Albums Chart 4
US Billboard 200 88
Canadian Albums Chart 21

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ capif.org.ar, https://web.archive.org/web/20110706084844/http://www.capif.org.ar/Default.asp?PerDesde_MM=0&PerDesde_AA=0&PerHasta_MM=0&PerHasta_AA=0&interprete=&album=&LanDesde_MM=1&LanDesde_AA=1980&LanHasta_MM=12&LanHasta_AA=2010&Galardon=O&Tipo=1&ACCION2=+Buscar+&ACCION=Buscar&CO=5&CODOP=ESOP (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  2. ^ ultratop.be, http://www.ultratop.be/nl/goud-platina/1996/albums.
  3. ^ nvpi.nl, https://nvpi.nl/nvpi-audio/marktinformatie/goud-platina/.
  4. ^ musiccanada.com, https://musiccanada.com/gold-platinum/?fwp_gp_search=The+Bends%20Radiohead. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  5. ^ nztop40.co.nz, https://nztop40.co.nz/chart/albums?chart=3836.
  6. ^ bpi.co.uk, https://www.bpi.co.uk/bpi-awards/. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  7. ^ riaa.com, https://www.riaa.com/gold-platinum/?tab_active=default-award&ar=Radiohead&ti=The+Bends#search_section.
  8. ^ "Radiohead - The Bends (Album)", Australian-charts.com, retrieved on 5 May 2009
  9. ^ "Radiohead - The Bends (Album)", Austriancharts.at, retrieved on 5 May 2009
  10. ^ "Chartverfolgung: Radiohead: The Bends Archiviato il 5 aprile 2012 in Internet Archive.", Musicline.de (in German), retrieved on 5 May 2009
  11. ^ "Radiohead - The Bends (Album)", Swedishcharts.com, retrieved on 5 May 2009
  12. ^ "Radiohead - The Bends (Album)", Ultratop.be (in Dutch), retrieved on 5 May 2009
  13. ^ "Radiohead - The Bends (Album)", Ultratop.be (in French), retrieved on 5 May 2009
  14. ^ "Radiohead - The Bends (Album)", Dutchcharts.nl (in Dutch), retrieved on 5 May 2009
  15. ^ "Radiohead - The Bends (Album)", Charts.org.nz, retrieved on 5 May 2009

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock