The Authority

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da The Authority (wrestling))
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Authority.
The Authority
L'Authority nell'aprile 2014}
L'Authority nell'aprile 2014
Nomi The Authority[1]
Ex membri vedi sotto[1]
Debutto 18 agosto 2013[2]
Scioglimento 1º maggio 2016[3]
Anni attivi 2013–2014[2][4][5]
2014–2016[3][5]
Federazioni WWE[1]
Progetto Wrestling

The Authority[1][5] è stata una stable heel di wrestling attiva nella WWE tra il 2013 e il 2014 e, di nuovo, tra il 2015 e il 2016.[2]

Il gruppo era guidato dallo stesso Triple H e dalla moglie Stephanie McMahon, i due capi amministrativi della WWE.[6][7] Tuttavia diversi altri wrestler ne hanno fatto parte per formare un gruppo più numeroso: in particolare Seth Rollins, "il futuro della WWE" e in seguito "il wrestler da battere",[8] fino al novembre 2015, quando ha subìto un grave infortunio al ginocchio;[9] Kane, con il ruolo di "direttore delle operazioni";[10] e Randy Orton, campione prescelto dall'Authority e il "volto della WWE".[11] Il nome "The Authority" è stato introdotto nell'ottobre 2013.[12]

Il nome "The Authority" era stato introdotto per la prima volta nell'ottobre 2013 e inizialmente si riferiva solo a Triple H e Stephanie McMahon come "coppia di potere".[12] Il gruppo condivideva molte somiglianze con alcune fazioni di cui Triple H è stato membro in passato, come ad esempio la Corporation, la McMahon-Helmsley Faction, la D-Generation X e l'Evolution.[1]

L'Authority era stata inizialmente smantellata nel 2014 alle Survivor Series, dove la sua squadra – capitanata da Seth Rollins e composta anche da Kane, Luke Harper, Mark Henry e Rusev[13] – era stata sconfitta da quella di John Cena (che includeva, oltre allo stesso Cena, Big Show, Dolph Ziggler, Erick Rowan e Ryback) nel tradizionale 5-on-5 Survivor Series elimination match del pay-per-view;[4] Rollins ha tuttavia costretto Cena a far reintegrare il gruppo nella WWE al termine della puntata di Raw del 29 dicembre 2014.[14]

Un anno e mezzo dopo il regno dell'Authority si è definitivamente concluso poco dopo WrestleMania 32 – dove l'allora campione Triple H è stato sconfitto da Roman Reigns per il WWE World Heavyweight Championship[15] – quando Mr. McMahon (che aveva preso le redini dell'Authority a causa dell'assenza di Triple H dal dicembre 2015 al gennaio 2016)[16] ha concesso il controllo di Raw al rientrante figlio Shane,[17] a cui il 1º maggio a Payback ha infine deciso di lasciare lo show in maniera definitiva insieme a Stephanie.[3] Con il ritorno della brand extension[18][19] è stata nuovamente confermata la fine dell'Authority quando Mr. McMahon ha nominato Shane e Stephanie McMahon come commissioner rispettivamente di SmackDown e Raw, dando loro la possibilità di scegliere un general manager del rispettivo show.[20]

Concetto[modifica | modifica wikitesto]

L'idea dell'Authority si basava sul concetto del potere assoluto detenuto da Triple H e Stephanie McMahon, due personaggi che hanno un'idea particolare di come la WWE deve apparire al pubblico, con chi si colloca al vertice e chi in basso.[1] A questo proposito hanno interpretato il ruolo di tirannici abusatori di potere e sadici co-proprietari della compagnia, giustificando tutte le loro azioni come "ciò che è meglio per il business" e atteggiandosi in modo autoritario verso i wrestler più "ribelli".[1] In aggiunta, come accaduto ad altre precedenti fazioni di cui Triple H è stato membro, il gruppo era caratterizzato dalla presenza di atleti che formano "il passato, il presente e il futuro del wrestling".[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e ascesa al potere[modifica | modifica wikitesto]

Triple H e Stephanie McMahon, i due membri fondatori dell'Authority

Nel giugno del 2013 iniziò una disputa (kayfabe) tra i membri della famiglia McMahon per il controllo della WWE: il CEO e presidente della WWE, Vince McMahon, sua figlia Stephanie e il genero Triple H decisero di controllare Raw come una squadra, ma avevano opinioni differenti.[21] Triple H, Vince e Stephanie avrebbero deciso il destino della managing supervisor Vickie Guerrero nella puntata di Raw dell'8 luglio; mentre Vince avrebbe voluto promuoverla come permanente general manager dello show, Triple H ha votato per le dimissioni di Vickie; Stephanie ha poi confermato la decisione del marito e Vickie è stata esonerata dal suo incarico. Subito dopo le dimissioni della Guerrero, Vince ha promosso l'assistente di Vickie, Brad Maddox, come nuovo general manager di Raw.[22][23] Nella puntata di SmackDown del 19 luglio è stato annunciato che Vickie sarebbe diventata la general manager dello show per volere di Vince.[24] Durante la puntata di Raw del 15 luglio è stato concesso a John Cena di scegliere contro cui difendere il WWE Championship a SummerSlam e Cena ha scelto di affrontare Daniel Bryan.[25][26] Bryan, nelle settimane successive, ha subìto una trasformazione fisica che comprendeva un taglio di capelli e l'uso di un completo elegante in modo da placare Vince McMahon, che non lo vedeva come il volto della WWE, mentre Triple H lo vedeva come il futuro volto della compagnia, ma Bryan ha rifiutato tutto ciò; è stato inoltre annunciato che Triple H sarebbe stato l'arbitro speciale per il match tra Cena e Bryan a SummerSlam.[27]

I membri dello Shield parlano al pubblico durante una puntata di Raw

Bryan ha sconfitto Cena vincendo il WWE Championship a SummerSlam: tuttavia subito dopo il match Triple H ha colpito Bryan con un Pedigree, permettendo a Randy Orton vincere il titolo grazie al Money in the Bank, diventando allo stesso tempo un heel per la prima volta in otto anni.[2] La notte seguente a Raw si è svolta una cerimonia per celebrare la vittoria di Orton, che è apparso al fianco di Vince McMahon, Stephanie McMahon e Triple H, sancendo la nascita dell'Authority; quella stessa notte, Triple H ha invitato Bryan a salire sul ring per chiarirsi, ma si è rivelato essere uno stratagemma, in quanto Orton ha colpito Bryan con l'RKO.[28] Da quella stessa notte anche lo Shield (Dean Ambrose. Seth Rollins e Roman Reigns) ha iniziato a lavorare per Triple H come suoi scagnozzi e hanno aiutato Orton contro Bryan attaccando inoltre wrestler come Big Show e Dolph Ziggler per aver parlato contro il regime di Triple H. Orton ha perso il WWE Championship contro Bryan a Night of Champions; tuttavia, la notte successiva a Raw, Triple H ha privato Bryan del titolo a causa di un veloce conteggio nello schienamento vincente dell'arbitro Scott Armstrong, ma ha rifiutato di ridare il titolo a Orton.[29] Orton e Bryan si sono affrontati a Battleground per il vacante WWE Championship, ma il match si è concluso senza alcun vincitore dopo che Big Show ha attaccato entrambi i wrestler. Orton e Bryan si sono affrontati ancora una volta per il titolo vacante a Hell in a Cell, dove Orton ha vinto il titolo dopo che l'arbitro speciale Shawn Michaels ha attaccato Bryan per aver a sua volta attaccato Triple H, migliore amico di Micheals.[30] Nella puntata di Raw successiva a Hell in a Cell, Kane consegnò la sua maschera a Stephanie, iniziando a indossare abiti eleganti per adattarsi all'ideologia corporativa dell'Authority, venendo nominato inoltre direttore delle operazioni (Director of Operations).[31]

Cody Rhodes è stato costretto a mettere il suo posto di lavoro in un match contro Orton come punizione per aver parlato contro il regime autoritario di Triple H, ma è stato sconfitto e pertanto licenziato (kayfabe).[32] Nel corso delle successive settimane il fratellastro Goldust ha provato a far reintegrare Cody, ma anch'egli è stato sconfitto da Orton, mentre il padre Dusty Rhodes, dopo aver affrontato Stephanie, è stato colpito da Big Show (sotto minaccia dell'Authority) mentre supplicava la riassunzione dei suoi figli. Cody e Goldust si sono riguadagnati il loro posto di lavoro sconfiggendo i membri dello Shield (Rollins e Reigns) a Battleground.[33] Rollins e Reigns hanno affrontato di nuovo Cody Rhodes e Goldust con il WWE Tag Team Championship in palio in un match senza squalifiche nella puntata di Raw del 14 ottobre; lo Shield ha perso il titolo dopo un attacco da parte di Big Show.[34]

Oltre alla faida con Bryan, l'Authority ha rivaleggiato con Big Show, che disprezzava il regime di Triple H. Dopo continue minacce di licenziamento, Triple H e Stephanie hanno sostenuto che Big Show era in bancarotta e, al fine di salvare il suo lavoro, lo hanno costretto a mettere colpire i loro rivali, tra cui Daniel Bryan, Dusty Rhodes e The Miz.[35] Big Show si è ribellato all'Authority a Battleground quando, dopo essere stato costretto ad attaccare Bryan, ha attaccato anche Orton e causato la fine del match per il vacante WWE Championship senza un vincitore.[36] Show ha ammesso che Triple H e Stephanie gli avevano detto di attaccare solo Bryan e per questo è stato schiaffeggiato e licenziato da Stephanie la notte seguente a Raw. Triple H ha successivamente annunciato che Big Show era stato inoltre bandito a vita dalla WWE dopo averlo attaccato,[37] ma nella puntata di Raw del 4 novembre sono stati costretti dal consiglio di amministrazione della WWE di dare a Big Show quello che voleva, con la promessa di non citare in giudizio la compagnia: Show voleva riavere il suo posto di lavoro e un match contro Orton per il WWE Championship alle Survivor Series, ma non è riuscito a vincere il titolo.[38]

Unificazione dei due titoli mondiali con Orton[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 25 novembre, il rivale di lunga data di Orton, l'allora World Heavyweight Champion John Cena ha suggerito che ci dovrebbe essere "un solo campione" nella WWE, così Triple H ha dichiarato che ci sarebbe stato un match di unificazione a TLC: Tables, Ladders and Chairs. Orton ha sconfitto Cena a TLC, unificando il WWE Championship con il World Heavyweight Championship e diventando il primo WWE World Heavyweight Champion.[39] Orton ha nuovamente sconfitto Cena in un match singolo alla Royal Rumble dopo essere stato aiutato dalla Wyatt Family.[40] Orton ha difeso il titolo anche a Elimination Chamber, dove ha sconfitto John Cena, Sheamus, Daniel Bryan, Christian e Cesaro in un Elimination Chamber match.[41]

I New Age Outlaws hanno detenuto il WWE Tag Team Championship come membri dell'Authority

La faida tra Daniel Bryan e l'Authority si è intensificata a causa del fatto che i membri dell'Authority continuavano ad essere coinvolti nei match di Bryan, che ha sfidato Triple H a un match a WrestleMania XXX, ma questi ha sempre rifiutato. Dopo che Bryan ha radunato decine di suoi fan sul ring nella puntata di Raw del 10 marzo, Triple H ha accettato la sua sfida; Bryan ha aggiunto una clausola in cui, se avesse sconfitto Triple H, Bryan avrebbe lottato per il WWE World Heavyweight Championship, rendendo il main event un triple threat match.[42] Triple H ha accettato la richiesta di Bryan, ma la settimana successiva ha dichiarato che se lo avesse battuto allora anche lui sarebbe stato inserito nel match titolato.

Nel gennaio del 2014, i New Age Outlaws (Road Dogg e Billy Gunn) hanno fatto il loro ritorno affiancando CM Punk nella sua faida con lo Shield; hanno tuttavia abbandonato Punk, alleandosi con l'Authority e vincendo il WWE Tag Team Championship alla Royal Rumble. Nel marzo del 2014, lo Shield ha iniziato a staccarsi dall'Authority in quanto si sentivano usati da Kane come propri scagnozzi personali e che lui non poteva dar loro degli ordini.[43] Kane ha reclutato i New Age Outlaws (annunciati come "The Corporate Outlaws") per affrontare lo Shield, ma hanno perso a WrestleMania XXX.[44] Anche Triple H ha perso contro Bryan, ma lo ha attaccato al termine del match, infortunandolo (kayfabe);[45] Bryan ha comunque poi lottato e vinto il WWE World Heavyweight Championship quando ha fatto cedere Batista, nonostante ulteriori interferenze da parte di Triple H e Stephanie.[46]

L'ascesa di Rollins e la dipartita di Orton[modifica | modifica wikitesto]

Triple H ha riformato l'Evolution con Randy Orton e Batista per affrontare i ribelli membri dello Shield

Triple H ha sfidato Bryan per il WWE World Heavyweight Championship la notte seguente a Raw e Stephanie McMahon aveva ordinato allo Shield di aiutare Triple H a vincere il titolo: dopo che Bryan è stato attaccato da Orton, Batista e Kane prima della match titolato per assicurare la vittoria di Triple H, lo Shield è tuttavia intervenuto durante il match e ha attaccato l'Autority, impedendo che Bryan perdesse il titolo. La settimana successiva, lo Shield ha combattuto in un handicap 11-on-3 match terminato senza alcun vincitore; Triple H, Orton e Batista hanno riformato l'Evolution e hanno attaccato lo Shield. Stephanie McMahon e Kane hanno continuato la faida con Daniel Bryan per il WWE World Heavyweight Championship e Kane, convinto da Stephanie a ritornare il "Big Red Monster" di un tempo, ha recuperato la sua maschera promettendo di mandare il suo Bryan "nelle profondità dell'inferno". Nella puntata di Raw del 21 aprile, la McMahon ha annunciato che Kane avrebbe sfidato Daniel Bryan per il WWE World Heavyweight Championship a Extreme Rules; Kane ha poi attaccato Bryan, colpendolo con tre Tombstone Piledriver: rispettivamente sul pavimento, sui gradoni d'acciaio e sul tavolo dei commentatori. Tuttavia, a Extreme Rules, Kane è stato sconfitto da Bryan e lo Shield ha battuto l'Evolution.[47][48] Triple H ha costretto Ambrose a difendere lo United States Championship la notte seguente a Raw in una 20-man battle royal vinta da Sheamus dopo aver eliminato per ultimo Ambrose, che ha terminato il suo regno record nella WWE dopo 351 giorni. Triple H ha poi sancito un match tra la Wyatt Family e lo Shield, che ha perso a causa dell'intervento dell'Evolution, che li ha poi attaccati. A Payback, dopo aver minacciato di licenziare Brie Bella (la moglie di Bryan) se Bryan non avesse rinunciato al titolo, Brie ha invece "abbandonato" la WWE e schiaffeggiato Stephanie McMahon. Quella stessa sera, l'Evolution è stata sconfitta dallo Shield in un six-man No Holds Barred tag team elimination match dopo non essere riuscita ad eliminare un singolo membro dello Shield.

Kane nel ruolo di direttore delle operazioni dell'Authority

Batista, che era frustrato per non aver ricevuto un match singolo per il WWE World Heavyweight Championship, ha abbandonato (kayfabe) la WWE la notte seguente a Raw.[49] Prima di un match tra Romans Reigns e Randy Orton disputatosi successivamente quella stessa notte, Rollins ha attaccato sia Ambrose che Reigns con delle sedie, tradendo così i suoi compagni dello Shield per tornare dalla parte dell'Authority.[50] Stephanie McMahon ha inoltre costretto Bryan a competere in uno stretcher match contro Kane a Money in the Bank; se Bryan non fosse stato dichiarato medicalmente pronto a combattere, sarebbe stato privato del titolo.[51] Nella puntata di Raw del 9 giugno il medico di Bryan ha dichiarato che il wrestler non era ancora pronto a combattere, quindi Stephanie lo ha privato del titolo e ha annunciato che il Money in the Bank ladder match avrebbe visto in palio il titolo vacante. L'Authority ha subito concesso a Orton un posto nel ladder match per il vacante WWE World Heavyweight Championship senza aver bisogno di qualificarsi, mentre Kane è stato aggiunto al match da Triple H nella puntata di Raw del 23 giugno, lasciando intendere che era nel match solo per aiutare Orton a riconquistare il WWE World Heavyweight Championship per l'Authority.[52] Dopo che Seth Rollins aveva tradito i suoi compagni dello Shield, lui e Dean Ambrose hanno iniziato una faida e nella puntata di Main Event del 17 giugno, agendo per conto dell'Authority, Rollins ha annunciato un tradizionale Money in the Bank ladder match per un contratto al WWE Heavyweight Championship a Money in the Bank e si è nominato come il primo partecipante. Dopo essersi reso conto che Ambrose avrebbe rovinato le sue possibilità di vittoria a Money in the Bank, Rollins ha convinto Triple H ad aggiungere Ambrose al match. Rollins ha vinto la valigetta il 29 giugno a Money in the Bank, dopo che Kane lo ha aiutato, ma nel match per il titolo sia Orton che Kane non hanno avuto successo in quanto Cena ha vinto il titolo.[53][54]

L'Authority ha chiesto a John Cena la notte seguente a Raw se voleva "la via più facile o quella più difficile" e Cena ha scelto la via più difficile, perciò l'Authority ha sancito un fatal-four way match per il WWE World Heavyweight Championship tra Cena, Orton, Kane e Roman Reigns a Battleground. La faida tra Ambrose e Rollins è continuata dopo Money in the Bank, con Ambrose che ha dichiarato che ogni volta che Rollins avrebbe tentato di incassare la valigetta del Money in the Bank, lui lo avrebbe attaccato e impedendogli di sfruttare l'opportunità titolata, portando i due ad affrontarsi in un match a Battleground; tuttavia, il match non si è svolto poiché Ambrose era stato espulso dall'arena da Triple H, con Rollins che è poi salito sul ring per annunciare di aver vinto il match per forfait, ma è stato interrotto dal rientrante Ambrose, che lo ha attaccata e i due hanno iniziato una rissa che è stata sedata sia dall'Authority che dalla sicurezza. Nel match per il titolo del mondo, dopo aver inizialmente aiutato Orton, Kane si è ribellato e entrambi hanno deciso di combattere per sé stessi, ma tutto ciò ha portato Cena a vincere il match e a mantenere il titolo quando ha schienato Kane.[55]

Seth Rollins ha tradito i compagni dello Shield per tornare dalla parte dell'Authority nel giugno 2014 e il mese seguente ha vinto la valigetta del Money in the Bank (che in questa foto Rollins tiene tra le mani)

Sin da quando Daniel Bryan non è più apparso negli show della WWE per recuperare dall'infortunio, Stephanie McMahon ha iniziato una faida con le Bella Twins (Brie e Nikki Bella), inserendo costantemente Nikki in handicap match. Brie ha fatto il suo ritorno nella puntata di Raw del 21 luglio in cui è apparsa tra il pubblico come fan e, come parte della kayfabe, Stephanie è stata arrestata per aggressione dopo aver schiaffeggiato Brie e per aver resistito all'arresto. Quella stessa notte è stato anche annunciato che Triple H avrebbe scelto l'avversario di John Cena a SummerSlam per il WWE World Heavyweight Championship; dopo aver apparentemente scelto Orton, che però è stato attaccato da Reigns e i due hanno iniziato una rissa tra il pubblico, Brock Lesnar ha fatto il suo ritorno ed è stato scelto da Triple H per affrontare Cena a SummerSlam per il titolo.[56] Quando Orton ha realizzato che Reigns gli era costato un'opportunità titolata, lo ha brutalmente assalito nella puntata di Raw del 28 luglio, sfidandolo per un match a SummerSlam nella puntata di SmackDown del 1º agosto. La faida tra Stephanie e le Bella Twins è proseguita con la McMahon che accettato un match contro Brie (dopo averle riassunta) a SummerSlam in cambio di far cadere tutte le accuse.[57] Ambrose ha vinto un Beat the Clock challenge match che gli ha dato la possibilità di scegliere la stipulazione del suo match contro Rollins a SummerSlam; Ambrose ha scelto un lumberjack match.

Il 17 agosto a SummerSlam, Orton ha perso contro Reigns, ma Rollins ha sconfitto Ambrose e Stephanie ha sconfitto Brie dopo che Nikki ha tradito sua sorella.[58] Rollins ha sconfitto Ambrose – questa volta per decisione arbitrale – anche la sera dopo a Raw in un Falls Count Anywhere match; durante il match Kane è intervenuto a favore di Rollins, che ha eseguita il Curb Stomp ai danni di Ambrose attraverso dei blocchi di cemento, causandogli un infortunio (kayfabe). Nel mese successivo Rollins ha avuto una faida con l'altro ex membro dello Shield, Roman Reigns e si sarebbero dovuti affrontare a Night of Champions, ma Reigns ha dovuto rinunciare al match quando è stato ricoverato in ospedale una settimana prima per un intervento chirurgico all'ernia; ciononostante, Rollins ha comunque fatto partire il match – vinto per countout – e ha poi pubblicamente lanciato una sfida aperta a cui il rientrante Ambrose ha risposto, iniziando una rissa tra i due. Durante il match per il titolo del mondo, Cena stava schienando Lesnar, ma Rollins è giunto sul ring e ha causato la vittoria di Cena per squalifica (non vincendo quindi il titolo) e Cena ha impedito a Rollins di incassare la valigetta del Money in the Bank. Nella puntata di Raw del 29 settembre, Joey Mercury e Jamie Noble sono stati visti prendere ordini da Triple H e utilizzati in segmenti durante lo show. Sono apparsi anche nella puntata di Raw del 6 ottobre, con il commentatore Michael Cole che ha confermato che stavano lavorando come collaboratori dell'Authority.

In vista di Hell in a Cell, sia Cena che Ambrose avrebbero voluto affrontare Rollins, ma Ambrose ha ottenuto tale possibilità dopo aver vinto un No Holds Barred Contract on a Pole match contro Cena, che avrebbe invece affrontato Orton in un match in cui il vincitore avrebbe ottenuto un'opportunità per il WWE World Heavyweight Championship. Rollins ha attaccato Orton al termine di un 3-on-2 handicap street fight match vinto dall'Authority come un modo per dimostrare che era il wrestler di punta dell'Authority. Cena ha battuto Orton al pay-per-view e Rollins ha sconfitto Ambrose dopo l'interferenza di Bray Wyatt. Nella puntata di Raw successiva sono proseguiti i dissidi tra Orton e Rollins dopo che il primo ha attaccato il secondo a causa del fatto che l'Authority non aveva intrapreso alcuna azione punitiva contro l'attacco precedente di Rollins. Più tardi quella stessa notte, Stephanie e Triple H hanno tentato di convincere John Cena a unirsi a loro per garantire il suo futuro nella compagnia; al suo rifiuto, Triple H ha annunciato un tradizionale Survivor Series tag team elimination match, con una squadra che avrebbe rappresentato l'Authority di fronte a una squadra capitanata da Cena. Nella puntata di Raw del 3 novembre è stato annunciato dal rientrante Vince McMahon che se l'Authority avesse perso alle Survivor Series, allora avrebbero perso il loro potere. Quella stessa notte ha visto anche l'esilio di Orton dal gruppo dopo aver perso un match contro Rollins, per poi attaccarlo; tuttavia, con l'aiuto degli altri membri dell'Authority, Rollins è riuscito ad avere la meglio e a infortunare Orton nello stesso modo in cui aveva infortunato Ambrose tre mesi prima; anche in questo caso, l'infortunio di Orton è servito a giustificare la sua assenza, in quanto avrebbe dovuto girare le scene del film The Condemned 2: Desert Prey.

La caduta e il ritorno al potere[modifica | modifica wikitesto]

Big Show è stato usato come enforcer dell'Authority sin da quando si è unito al gruppo nel novembre 2014 e, come membro del gruppo, ha vinto l'André the Giant Memorial Battle Royal (e il trofeo omonimo) a WrestleMania 31

Nelle settimane precedenti alle Survivor Series, l'Authority ha aggiunto Mark Henry, Rusev e Luke Harper alla propria squadra, capitanata da Rollins. Nella puntata di Raw precedente dell'evento, l'Authority ha concesso a Harper un match per l'Intercontinental Championship contro Dolph Ziggler, che si era unito a Cena, e ha vinto il titolo. L'Authority ha poi cercato di impedire a chiunque di unirsi a Cena, arrivando anche a far infortunare Sheamus (kayfabe) per impedirgli di far parte della squadra di Cena alle Survivor Series. Cena è comunque riuscito a portare alcuni wrestler dalla sua parte e a formare una squadra da lui capitanata e composta da Big Show, Dolph Ziggler e i rientranti Erick Rowan e Ryback. Nella puntata di SmackDown del 21 novembre, in risposta alle osservazioni formulate da Cena, che si sentiva responsabile per la sua squadra, Triple H ha annunciato che se la squadra di Cena avesse perso, tutti wrestler della squadra (tranne Cena stesso) sarebbero stati licenziati; quella stessa notte, con Cena assente, il resto degli alleati di Cena è stato attaccato dalla squadra dell'Authority e da Triple H. Durante il pre-show della evento, Vince McMahon ha aggiunto un'altra stipulazione al match: se l'Authoriy avesse perso, solo Cena avrebbe potuto far tornare Triple H e Stephanie al potere. Durante il match, essendo in inferiorità numerica e vedendo i suoi compagni al tappeto, Big Show ha attaccato Cena e si è alleato all'Authority; tuttavia, verso la fine del match, Sting, leggenda della World Championship Wrestling (WCW), ha fatto il suo debutto nella WWE attaccando l'arbitro corrotto dell'Authority Scott Armstrong e Triple H stesso; dopo di che, Ziggler ha schienato Rollins per ottenere la vittoria, terminando così il controllo dell'Authority sulla WWE. Dopo la sconfitta alle Survivor Series, Triple H e Stephanie hanno lasciato Raw per tornare alla sede centrale della WWE e i restanti membri dell'Authority, oltre a Big Show, sarebbero stati ancora associati tra di loro, spesso senza l'utilizzo del nome "The Authority". Da quel momento in poi vari personaggi hanno assunto il controllo di Raw e SmackDown nel vuoto di potere che è stato lasciato dell'Authority.

Nel mese di dicembre Rollins ha continuato la sua faida con Cena e ha cercato di convincerlo a far tornare l'Authority, non riuscendoci; ciò ha portato i due a sfidarsi a Tables, Ladders, Chairs and Stairs in un tables match che Cena ha vinto dopo che il rientrante Roman Reigns aveva attaccato Big Show, salito sul ring in aiuto di Rollins; se Cena avesse perso, avrebbe perso anche lo status di primo sfidante per il titolo del mondo. Nella puntata di Raw del 29 dicembre, Rollins è stato invitato come ospite speciale per il talk show degli ospiti speciali Edge e Christian: Rollins ha però messo Christian fuori gioco e con l'aiuto di Big Show e della J&J Security ha tenuto Edge in ostaggio mentre minacciava Cena, che ha provato a salvare Edge, di far tornare l'Authority o avrebbe eseguito un Curb Stomp su Edge (che si era ritirato dal wrestling) e lasciarlo potenzialmente paralizzato; per salvare Edge, Cena è stato costretto a far tornare l'Authority.[14] Nella puntata di Raw del 5 gennaio 2015, come ricompensa per aver fatto tornare l'Authority, Triple H e Stephanie hanno aggiunto Rollins al match valido per il WWE World Heavyweight Championship alla Royal Rumble tra Brock Lesnar e John Cena. Gli alleati di Cena (Dolph Ziggler, Erick Rowan e Ryback) sono stati poi punti dall'Authority, che prima li ha messi in match a loro sfavorevoli, con Bad News Barrett che ha conquistato l'Intercontinental Championship di Ziggler, e poi li ha licenziati (kayfabe).[59] Cena ha quindi cercato di far riassumere i suoi vecchi alleati, ma è stato sconfitto da Rollins in un lumberjack match. In cerca di una seconda possibilità, Cena ha messo in palio il suo status di primo sfidante per il titolo del mondo, ma ha dovuto affrontare Big Show, Kane e Rollins in un 3-on-1 handicap match che Cena ha vinto grazie all'interferenza di Sting; Ziggler, Rowan e Ryback sono stati pertanto riassunti e Rollins non è riuscito a vincere il WWE World Heavyweight Championship contro Lesnar e Cena alla Royal Rumble, così come Kane e Big Show non sono riusciti a vincere il Royal Rumble match, che Roman Reigns ha vinto dopo aver eliminato entrambi. L'Authority ha avuto la sua rivincita a Fastlane, dove Rollins, Kane e Show hanno sconfitto Ziggler, Rowan e Ryback, ma al termine del match Randy Orton ha fatto il suo ritorno attaccando l'Authority; quella notte stessa notte, Triple H ha avuto un confronto faccia a faccia con Sting, che lo ha sfidato a un match a WrestleMania 31, sfida accettata da Triple H. Nel mese di marzo l'Authority ha cercato di riportare Orton all'interno del gruppo, ma tutto ciò si è rivelato essere solo un espediente di Orton per attaccare Rollins, costruendo un match tra i due per WrestleMania.

L'apice e l'infortunio di Rollins[modifica | modifica wikitesto]

Rollins dopo aver vinto il WWE World Heavyweight Championship a WrestleMania 31

L'Authority ha messo a segno alcune importanti vittorie a WrestleMania 31: Triple H ha sconfitto Sting nel suo match di debutto, Big Show ha vinto la 30-man André the Giant Memorial Battle Royal e, dopo aver perso contro Orton all'inizio della serata, Rollins ha incassato il Money in the Bank durante il match tra Brock Lesnar e Roman Reigns per il WWE World Heavyweight Championship, trasformandolo in un match a tre e diventando campione del mondo per la prima volta. Rollins ha difeso con successo il titolo contro Orton in uno steel cage match (con Kane come "guardiano della gabbia") a Extreme Rules, mentre Big Show ha perso contro Roman Reigns in un Last Man Standing match.[60] In seguito a tale sconfitta Show si è preso una breve pausa e al suo rientro non è più stato un membro ufficiale dell'Authority, anche se è stato comunque usato per combattere i rivali dell'Authority. Nella puntata di Raw del 27 aprile è stato annunciato che Rollins avrebbe difeso il titolo contro Orton e Reigns a Payback;[61] anche Dean Ambrose è stato poi aggiunto al match dopo aver sconfitto Rollins in un match non titolato nella puntata di Raw del 4 maggio.[62] Rollins e Kane hanno iniziato a litigare a causa di ciò e nella puntata di Raw dell'11 maggio il rientrante Triple H ha annunciato che se Rollins avesse perso il titolo a Payback, Kane non sarebbe più stato il direttore delle operazioni.[63] Kane ha quindi aiutato Rollins a mantenere il titolo.[64] Rollins ha sfidato Ambrose a Elimination Chamber e ha mantenuto il titolo nonostante abbia perso il match per squalifica; al termine del match Ambrose ha preso comunque il titolo e lo ha portato via con sé.[65] Ciò ha portato a un ladder match per il titolo tra Rollins e Ambrose a Money in the Bank, dove Rollins ha vinto e si è ripreso il titolo.[66]

Nella puntata di Raw del 15 giugno l'Authority ha reintegrato Brock Lesnar, che aveva sospeso la sera dopo WrestleMania 31 e che non aveva ancora avuto la sua rivincita per il titolo contro Rollins, che avrebbe invece affrontato a Battleground, dove Rollins ha mantenuto ancora una volta il titolo, nonostante abbia perso per squalifica, quando The Undertaker ha attaccato Lesnar.[67] Rollins e l'Authority hanno poi riesumato la faida con John Cena: dopo aver rifiutato la sfida di Cena per il titolo di Rollins, l'Authority ha costretto Cena a difendere lo United States Championship contro Rollins, che però ha perso nonostante Cena abbia subito una legittima rottura del setto nasale durante il match.[68] Rollins è divenuto un "doppio campione" quando ha sconfitto Cena in un "Winner Takes All" match a SummerSlam sia per il WWE World Heavyweight Championship sia per lo United States Championship, dopo che l'ospite speciale Jon Stewart (che è stato coinvolto in una breve faida con Rollins nel mese di febbraio) ha attaccato Cena con una sedia d'acciaio, permettendo a Rollins di colpire Cena con un Pedigree su una sedia per ottenere lo schienamento vincente.[69] Rollins ha combattuto due match a Night of Champions: ha perso lo United States Championship contro Cena, ma ha mantenuto il titolo del mondo contro Sting; Kane ha fatto il suo ritorno con la maschera al termine del match contro Sting e ha attaccato Rollins.[70] Ciò ha portato a un match tra i due per il titolo a Hell in a Cell, dove Rollins ha sconfitto Kane; come parte della stipulazione del match, Kane è stato esonerato dall'incarico di direttore delle operazioni.[71] Il 4 novembre Rollins ha riportato la rottura del legamento crociato anteriore, del legamento collaterale e del menisco mediale del ginocchio (un infortunio conosciuto con il termine inglese di unhappy triad) in un evento dal vivo a Dublino. Essendo i tempi di recupero previsti tra i sei e i nove mesi, il WWE World Heavyweight Championship è stato reso vacante il 5 novembre e il regno di Rollins si è concluso dopo 220 giorni. Un torneo, da disputarsi alle Survivor Series, è stato inoltre annunciato per sancire il nuovo campione.[9] Triple H ha confermato nella puntata di Raw del 9 novembre che il torneo avrebbe decretato il nuovo campione; ha poi introdotto Romans Reigns, a cui a consegnato il titolo dicendo che sarebbe stato suo se avesse rimpiazzato Rollins come "volto dell'Authority", ma questi ha rifiutato, portando Triple H ad affermare che questo era il motivo per cui aveva scelto Rollins e non Reigns, il quale ha dovuto combattere contro Big Show, alleato di vecchia data dell'Authority: Reigns ha vinto il match e ha superato il primo turno del torneo, costringendo Triple H a trovare qualcun altro che potesse rimpiazzare Rollins.

Il ritorno di Shane McMahon e lo scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

Mr. McMahon ha preso temporaneamente la leadership dell'Authority dopo l'attacco di Roman Reigns ai danni di Triple H, che non è apparso a Raw per diverse settimane

Alle Survivor Series Sheamus ha incassato con successo la valigetta del Money in the Bank ai danni di Roman Reigns (che aveva appena vinto il torneo per il WWE World Heavyweight Championship sconfiggendo Dean Ambrose nella finale del torneo e che aveva rifiutato di stringere la mano a Triple H al termine del match; Sheamus ha attaccato Reigns dopo che questi aveva a sua volta attaccato Triple H e ha conquistato il titolo, formando un'alleanza con Triple H stesso e l'Authority.[72] Sheamus ha annunciato nella puntata di Raw del 30 novembre, di aver formato la propria fazione, nota come "The League of Nations" e composta da Alberto Del Rio (Messico), King Barrett (Regno Unito) e Rusev (Bulgaria): la fazione si basava sul fatto che i membri del gruppo erano tutti wrestler non americani, ma che sono comunque diventati dei wrestler affermati in tutto mondo e, seppur rimanendo alleati dell'Authority, la fazione guidata da Sheamus è diventata un'entità a sé stante.[73] Dopo essere riuscito a mantenere il titolo per squalifica in quella stessa puntata di Raw,[73] Sheamus ha sconfitto Reigns il 13 dicembre a TLC in un Tables, Ladders and Chairs match,[74] ma Reigns ha sfogato la sua frustrazione per la sconfitta attaccando lo stesso Sheamus, Albero Del Rio e Rusev fino all'arrivo di Triple H, che ha cercato invano di calmarlo, venendo colpito con una sedia, schiantato sul tavolo di commento con una powerbomb e infine colpito con una spear;[75] come parte della storyline, tale attacco ha "infortunato" Triple H.[76] Poiché Triple H non sarebbe apparso a Raw o SmacKDown nelle settimane successiva, a partire dalla puntata di Raw del 14 dicembre in cui ha fatto il suo ritorno, Mr. McMahon ha preso il ruolo di Triple H come capo dell'Authority[77] insieme a Stephanie.[78][79] Su richiesta di Sheamus, sicuro di poter mantenere il titolo ancora una volta, McMahon ha sancito un match valido per il titolo tra Sheamus a Reigns, alla sola condizione che, in caso di sconfitta, quest'ultimo sarebbe stato licenziato (kayfabe): nonostante le interferenze di Del Rio, Rusev e dello stesso McMahon, Reigns è riuscito a sconfiggere Sheamus e a vincere il titolo per la seconda volta.[80] Quando l'Authority non è riuscita a privare Reigns del titolo nella puntata di Raw del 6 gennaio 2016 in una rivincita con Sheamus, nonostante McMahon fosse l'arbitro speciale, è stato annunciato dall'Authority che Reigns avrebbe difeso il titolo nell'annuale Royal Rumble match.[81] Il 24 gennaio alla Royal Rumble Reigns è entrato per primo[82] e durante il match Alberto Del Rio, Rusev e Sheamus, coadiuvati da McMahon, lo hanno attaccato, con Reigns che ha trascorso la maggior parte dell'incontro nel dietro le quinte prima di fare il suo ritorno ed eliminare dal match i membri della League of Nations.[83] Triple H ha fatto il suo ritorno come trentesimo partecipante al match e ha eliminato Reigns dopo che quest'ultimo aveva appena eliminato Sheamus; Triple H ha poi eliminato per ultimo Dean Ambrose per vincere la sua seconda Royal Rumble e il suo quattordicesimo titolo del mondo.[84][85]

Nella puntata di Raw del 22 febbraio Mr. McMahon ha presentato il "Vincent J. McMahon Legacy of Excellence" – premio dedicato alla memoria del padre – assegnandolo a sua figlia Stephanie, ma durante il discorso di quest'ultima Shane McMahon ha fatto il suo ritorno dopo sei anni di assenza: Shane ha affermato che l'Authorty ha rovinato lo show e ha pertanto chiesto il controllo di Raw, che Vince gli ha concesso solo se avesse sconfitto The Undertaker in un Hell in a Cell match a WrestleMania 32 in Hell in a Cell match.[86] Nelle settimane successive Vince ha poi aggiunto la stipulazione che – in caso di sconfitta – Undertaker non avrebbe potuto più lottare a WrestleMania.[87][88] Nel mese di marzo Jeff Hamlin del Wrestling Observer Newsletter ha criticato la dominanza dell'Authority, affermando che "ci sono due tipi di persone in questa compagnia. Quelli che sono stati castrati da HHH [Triple H] e Stephanie e quelli che stanno per esserlo".[89] Dopo aver rotto il naso (kayfabe) di Reigns,[90][91] che era diventato il primo sfidante per il WWE World Heavyweight Championship a WrestleMania[92] dopo aver schienato Dean Ambrose in un match che includeva anche Brock Lesnar,[93] Triple H ha iniziato a rivaleggiare proprio con Ambrose,[94][95][96][97] che lo aveva sfidato a un match per il WWE World Heavyweight Championship a Roadblock,[98] dove Triple H ha mantenuto il titolo.[99] Triple H ha anche lottato il suo primo match a Raw dopo quasi tre anni sconfiggendo Dolph Ziggler in un match non titolato,[100] per poi perdere il titolo contro Reigns nel main event di WrestleMania 32.[101] Sebbene Shane abbia poi perso il suo match contro Undertaker,[102] la sera dopo a Raw Vince gli ha concesso il controllo dello show per una sera.[103] Tuttavia Shane ha continuato a dirigere (kayfabe) Raw a causa dell'eccezionale risposta da parte dei fan,[104][105][106] fino alla puntata di Raw del 25 aprile in cui Stephanie ha fatto il suo ritorno per chiedere al padre chi tra i due avrebbe avuto il controllo di Raw definitivamente.[107] Il 1º maggio a Payback Mr. McMahon ha infine annunciato che entrambi avrebbero diretto Raw insieme, sancendo di fatto la fine dell'Authority.[3][108] Con il ritorno della brand extension,[18][19] come ulteriore segno della fine dell'Authority, Mr. McMahon ha nominato Shane e Stephanie McMahon rispettivamente come commissioner di SmackDown (che a partire dal 19 luglio seguente, data in cui si sarebbe tenuto il draft,[109] sarebbe andato in onda in diretta ogni martedì con il nuovo nome di SmackDown Live)[110][111] e Raw.[20] Mentre Stephanie ha nominato Mick Foley come general manager di Raw, Shane ha invece scelto proprio il rientrante Daniel Bryan (che nel febbraio 2016 aveva annunciato il proprio ritiro come wrestler)[112][113][114] come general manager di SmackDown Live.[115][116]

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Ring name Ingresso Fuoriuscita Note
Triple H[6] 18 agosto 2013 3 aprile 2016 Direttore operativo (chief operating officer – COO) della WWE (kayfabe)
Stephanie McMahon[7] 19 agosto 2013 1º maggio 2016 Direttore del brand (chief brand officer – CBO) e principale azionista (kayfabe) della WWE
Mr. McMahon[79] 14 dicembre 2015 4 aprile 2016 Presidente del consiglio di amministrazione (chairman) e amministratore delegato (chief executive officer – CEO) della WWE
Randy Orton[11] 18 agosto 2013 3 novembre 2014 Si è unito al gruppo dopo aver incassato il Money in the Bank a SummerSlam con l'aiuto di Triple H e aver vinto il WWE Championship
È uscito dal gruppo a causa di contrasti con Seth Rollins, per poi essere attaccato dallo stesso Rollins e dal resto dell'Authority
23 febbraio 2015 9 marzo 2015 È tornato nel gruppo, ma tutto ciò si è rivelato essere soltanto un espediente per attaccare di nuovo Rollins
Dean Ambrose[117] 19 agosto 2013 17 marzo 2014 Si è unito al gruppo come membro dello Shield
Roman Reigns[117] 19 agosto 2013 17 marzo 2014 Si è unito al gruppo come membro dello Shield
Seth Rollins[117] 19 agosto 2013 17 marzo 2014 Si è unito al gruppo come membro dello Shield
2 giugno 2014 5 novembre 2015 È tornato nell'Authority dopo aver tradito i compagni dello Shield
È stato costretto a lasciare il gruppo dopo aver subìto un grave e reale infortunio al ginocchio
Kane[10] 28 ottobre 2013 25 ottobre 2015 Si è unito al gruppo come direttore delle operazioni (Director of Operations)
È stato esiliato dal gruppo dopo che Brock Lesnar lo ha infortunato alla caviglia (kayfabe)
Rollins ha poi ufficialmente ottenuto le dimissioni di Kane come direttore delle operazioni dopo averlo sconfitto a Hell in a Cell
Billy Gunn[118] 13 gennaio 2014 6 aprile 2014 Si è unito al gruppo come membro dei New Age Outlaws
Road Dogg[118] 13 gennaio 2014 6 aprile 2014 Si è unito al gruppo come membro dei New Age Outlaws
Batista[119] 7 aprile 2014 2 giugno 2014 Si è unito al gruppo come membro dell'Evolution
Ha lasciato il gruppo dopo aver "abbandonato" la WWE, in quanto Triple H gli aveva negato un match per il WWE World Heavyweight Championship
Jamie Noble[120] 19 settembre 2014 6 luglio 2015 Si è unito al gruppo come membro della J&J Security, un corpo di guardia a protezione di Seth Rollins
È stato costretto a lasciare il gruppo dopo un attacco di Brock Lesnar che lo ha tenuto lontano dal ring a tempo indeterminato (kayfabe)
Joey Mercury[120] 19 settembre 2014 6 luglio 2015 Si è unito al gruppo come membro della J&J Security, un corpo di guardia a protezione di Seth Rollins
È stato costretto a lasciare il gruppo dopo un attacco di Brock Lesnar che lo ha tenuto lontano dal ring a tempo indeterminato (kayfabe)
Big Show[4] 23 novembre 2014 26 aprile 2015 Si è unito al gruppo dopo aver tradito il Team Cena alle Survivor Series
Ha abbandonato il gruppo nell'aprile 2016 dopo aver perso contro Roman Reigns a Extreme Rules

Cronologia della formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • King of Kings dei Motörhead (19 agosto 2013–23 novembre 2014; 29 dicembre 2014–3 aprile 2016)[121]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Orton ha unificato il WWE Championship con il World Heavyweight Championship, con l'unico titolo mondiale rimasto attivo denominato WWE World Heavyweight Championship dal dicembre 2013 al giugno 2016
Dal novembre 2014 al novembre 2015 Rollins ha preso il posto di Orton come wrestler di punta dell'Authority

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Anthony Benigno, The shocking similarities between Mr. McMahon's Corporation and Triple H's Authority, su wwe.com, WWE, 11 novembre 2013. URL consultato il 9 giugno 2016.
  2. ^ a b c d (EN) Anthony Benigno, Daniel Bryan def. WWE Champion John Cena; Randy Orton cashed in his Money in the Bank contract on Bryan to become WWE Champion, su wwe.com, WWE, 19 agosto 2013. URL consultato il 19 agosto 2013.
  3. ^ a b c d (EN) Greg Adkins, Mr. McMahon finally revealed who will control Raw, su wwe.com, WWE, 1º maggio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  4. ^ a b c (EN) Ryan Murphy, Team Cena def. Team Authority (Traditional Survivor Series Elimination Tag Team Match), su wwe.com, WWE, 23 novembre 2014. URL consultato il 23 novembre 2015.
  5. ^ a b c (EN) Authority, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 25 giugno 2016.
  6. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Triple H is the new Mr. McMahon, su wwe.com, WWE, 11 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  7. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Stephanie McMahon is the new Shane McMahon, su wwe.com, WWE, 11 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  8. ^ (EN) Seth Rollins, su wwe.com, WWE, 30 gennaio 2016. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  9. ^ a b WWE champion Seth Rollins out 6-9 months with torn ACL, MCL, su Sports Illustrated, 4 novembre 2015.
  10. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Kane is the new Kane, su wwe.com, WWE, 11 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  11. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Randy Orton is the new Triple H, su wwe.com, WWE, 11 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  12. ^ a b (EN) Rob McNichol, Is The Authority's presence on WWE programming the Steph that dreams are made of?, su mirror.co.uk, Daily Mirror, 8 febbraio 2014. URL consultato il 25 giugno 2016.
    «Sembra che Triple H e Stephanie McMahon siano ora noti collettivamente come "The Authority", dato che i commentatori hanno menzionato ciò durante Raw questo lunedì».
  13. ^ Harper, Henry e Rusev non hanno tuttavia mai fatto parte ufficialmente del gruppo.
  14. ^ a b Mike Tedesco, WWE RAW Results - 12/29/14 (Cena brings Authority back), su wrestleview.com. URL consultato il 30 dicembre 2014.
  15. ^ (EN) James Caldwell, 4/3 WrestleMania 32 PPV Results – Caldwell's Complete Live Report on Main PPV, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 3 aprile 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  16. ^ (EN) James Caldwell, 12/14 WWE Raw Results – Caldwell's Complete Report on TLC fall-out, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 14 dicembre 2015. URL consultato il 25 giugno 2016.
  17. ^ (EN) James Caldwell, 4/4 WWE Raw Results – Caldwell's Complete Report on post-WM32, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 4 aprile 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  18. ^ a b (EN) WWE.com Staff, SmackDown going live on USA Network on a new night with distinct roster starting July 19, su wwe.com, WWE, 25 maggio 2016. URL consultato il 22 luglio 2016.
  19. ^ a b (EN) James Wortman, Who will gain key momentum three weeks before the WWE Brand Extension Draft?, su wwe.com, WWE, 23 giugno 2016. URL consultato il 22 luglio 2016.
  20. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Mr. McMahon revealed the Commissioners of Raw and SmackDown Live, su wwe.com, WWE, 11 luglio 2016. URL consultato il 30 luglio 2016.
  21. ^ (EN) Drake Oz, The McMahons' Power Struggle Is a Waste of Time in WWE, su bleacherreport.com, Bleacher Report, 9 luglio 2013. URL consultato il 9 luglio 2013.
  22. ^ (EN) Matt Boone, Vickie Guerrero Fired On Raw, New Raw GM Announced, su sescoops.com, SEScoops, 9 luglio 2013. URL consultato il 9 luglio 2013.
  23. ^ (EN) Jordan Campbell, Vickie Guerrero Fired As Managing Supervisor Of Monday Night Raw, su dailyddt.com, Daily DDT, 9 luglio 2013. URL consultato il 9 luglio 2013.
  24. ^ (EN) Mike Tedesco, WWE Smackdown Results - 7/19/13 (New SmackDown GM), su wrestleview.com, WrestleView, 19 luglio 2013. URL consultato il 19 luglio 2013.
  25. ^ (EN) WWE Raw: John Cena chooses to face Daniel Bryan at SummerSlam, su skysports.com, Sky Sports, 17 luglio 2013. URL consultato il 17 luglio 2013.
  26. ^ (EN) Martin Hines, WWE Raw results recap review: John Cena picks well as he selects ace Daniel Bryan to be his Summerslam opponent, su mirror.co.uk, Daily Mirror, 18 luglio 2013. URL consultato il 18 luglio 2013.
  27. ^ (EN) Bill Pritchard, WWE RAW Results (8/5) – Daniel Bryan's Corporate Makeover, Kane Confronts The Wyatts, Orton Makes A Statement, su wrestleview.com, WrestleView, 5 agosto 2013. URL consultato il 5 agosto 2013.
  28. ^ (EN) Anthony Benigno, Daniel Bryan crashed Randy Orton's WWE Championship Coronation, su wwe.com, WWE, 19 agosto 2013. URL consultato il 19 agosto 2013.
  29. ^ (EN) James Caldwell, Raw News: Bryan stripped of WWE Title & title held up, Dusty returns & gets KO'ed, locker room revolt, Ryback/Heyman, new #1 contenders, more post-PPV developments, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 17 settembre 2013. URL consultato il 17 settembre 2013.
  30. ^ (EN) John Waldman, Hell in a Cell: The usual suspects end up on top, su slam.canoe.ca, SLAM! Wrestling, 1º novembre 2013. URL consultato il 1º novembre 2013.
  31. ^ (EN) Anthony Benigno, Kane def. The Miz, su wwe.com, WWE, 28 ottobre 2013. URL consultato il 28 ottobre 2013.
  32. ^ (EN) Nick Tylwalk, Raw: Rhodes, Big Show get put in no-win situations, su slam.canoe.ca, SLAM! Wrestling, 1º novembre 2013. URL consultato il 1º novembre 2013.
  33. ^ (EN) Matthew Asher, Battle may be over but WWE Battleground still leaves unresolved issues, su slam.canoe.ca, SLAM! Wrestling, 1º novembre 2013. URL consultato il 1º novembre 2013.
  34. ^ (EN) Nick Tylwalk, Raw: The Rhodes brothers get their big chance, su slam.canoe.ca, SLAM! Wrestling, 1º novembre 2013. URL consultato il 1º novembre 2013.
  35. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 9/2 (Hour 2): Orton vs. Rhodes career-threatening match, Prime Time Players, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 2 settembre 2013. URL consultato il 2 settembre 2013.
  36. ^ (EN) James Wortman, Daniel Bryan vs. Randy Orton ended in a no contest, su wwe.com, WWE, 6 ottobre 2013. URL consultato il 6 ottobre 2013.
  37. ^ (EN) WWE COO Triple H addresses WWE Universe concerns over a "new regime," Superstar firings and more: WWE.com Exclusive, su wwe.com, WWE, 4 settembre 2013. URL consultato il 4 settembre 2013.
  38. ^ (EN) Ryan Murphy, WWE Champion Randy Orton def. Big Show, su wwe.com, WWE, 24 novembre 2013. URL consultato il 24 novembre 2013.
  39. ^ (EN) Ryan Murphy, WWE Champion Randy Orton def. World Heavyweight Champion John Cena (Tables, Ladders & Chairs Match), su wwe.com, WWE, 15 dicembre 2013. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  40. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE World Heavyweight Champion Randy Orton def. John Cena, su wwe.com, WWE, 26 gennaio 2014. URL consultato il 26 gennaio 2014.
  41. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE World Heavyweight Champion Randy Orton def. Daniel Bryan, John Cena, Sheamus, Cesaro & Christian in an Elimination Chamber Match, su wwe.com, WWE, 23 febbraio 2014. URL consultato il 23 febbraio 2014.
  42. ^ Nick Tylwalk, Raw: Yes, the WrestleMania card gets a big twist, su slam.canoe.ca, SLAM! Wrestling, 11 marzo 2014=lingua=en. URL consultato l'11 marzo 2014.
  43. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 3/17: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - Hunter's big response to "Occupy Raw," Evolution Explodes, Bryan vs. Orton, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 17 marzo 2014. URL consultato il 17 marzo 2014.
  44. ^ (EN) Zach Linder, The Shield def. Kane & The New Age Outlaws, su wwe.com, WWE, 6 aprile 2014. URL consultato il 6 aprile 2014.
  45. ^ (EN) James Wortman, Daniel Bryan def. Triple H, su wwe.com, WWE, 6 aprile 2014. URL consultato il 6 aprile 2014.
  46. ^ (EN) Anthony Benigno, Daniel Bryan def. Randy Orton and Batista to become the new WWE World Heavyweight Champion, su wwe.com, WWE, 6 aprile 2014. URL consultato il 6 aprile 2014.
  47. ^ (EN) Ryan Murphy, WWE World Heavyweight Champion Daniel Bryan vs. Kane (Extreme Rules Match), WWE, 4 maggio 2014.
  48. ^ (EN) John Clapp, The Shield def. Evolution, WWE, 4 maggio 2014.
  49. ^ (EN) Anthony Benigno, Batista quit WWE, WWE. URL consultato il 2 giugno 2014.
  50. ^ (EN) Anthony Benigno, Roman Reigns vs. Randy Orton never happened, su WWE.com, WWE. URL consultato il 3 giugno 2014.
  51. ^ (EN) Anthony Benigno, John Cena interrupted Stephanie McMahon, WWE. URL consultato il 2 giugno 2014.
  52. ^ (EN) James Caldwell, Caldwell's WWE Raw results 6/9: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - Daniel Bryan's WWE Title status, Cena joins Shield for main event, Bray Wyatt returns, more, su PWTorch.com. URL consultato il 21 luglio 2014.
  53. ^ a b (EN) John Clapp, Seth Rollins won the Money in the Bank Contract Ladder Match, su wwe.com, WWE, 29 giugno 2014. URL consultato il 29 giugno 2014.
  54. ^ (EN) Anthony Benigno, John Cena def. Randy Orton, Bray Wyatt, Roman Reigns, Cesaro, U.S. Champion Sheamus, Kane and Alberto Del Rio to become the new WWE World Heavyweight Champion, wwe.com. URL consultato il 29 giugno 2014.
  55. ^ (EN) WWE Battleground 2014 results, WWE. URL consultato il 20 luglio 2014.
  56. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/21: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - Battleground fall-out, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 21 luglio 2014.
  57. ^ (EN) Mike Tedesco, WWE RAW Results - 7/28/14 (New matches for SummerSlam), Wrestleview. URL consultato il 28 luglio 2014.
  58. ^ (EN) SummerSlam 2014 results, WWE. URL consultato il 17 agosto 2014.
  59. ^ Mike Tedesco, WWE RAW Results - 1/5/15 (The Authority resumes power), su wrestleview.com. URL consultato il 6 gennaio 2015.
  60. ^ James Caldwell, CALDWELL'S EXTREME RULES PPV REPORT 4/26: Complete "virtual-time" coverage of live PPV - Rollins vs. Orton steel cage, Cena vs. Rusev, Last Man Standing, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 27 aprile 2015.
  61. ^ Mike Tedesco, WWE RAW Results - 4/27/15 (Payback main event set), wrestleview.com. URL consultato il 28 aprile 2015.
  62. ^ Mike Tedesco, WWE RAW Results - 5/4/15 (Changes to Payback main event), wrestleview.com. URL consultato il 5 maggio 2015.
  63. ^ Mike Tedesco, WWE RAW Results - 5/11/15 (Final hype for WWE Payback), wrestleview.com. URL consultato il 12 maggio 2015.
  64. ^ James Caldwell, CALDWELL'S PAYBACK PPV REPORT 5/17: Complete "virtual-time" coverage of four-way WWE Title match, I Quit War, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 18 maggio 2015.
  65. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE E. CHAMBER PPV REPORT 5/31: Complete "virtual-time" coverage of WWE Title match, Cena vs. Owens, two Elimination Chamber matches, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 1º giugno 2015.
  66. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE MITB PPV RESULTS 6/14: Complete "virtual-time" coverage of Dusty Rhodes 10-bell salute, WWE Title match, MITB match, Cena vs. Owens II, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 2 ottobre 2015.
  67. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE BATTLEGROUND PPV REPORT 7/19: Complete "virtual-time" coverage of live PPV - Rollins vs. Lesnar, Cena vs. Owens III, Orton returns home, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 13 ottobre 2014.
  68. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/27: Complete "virtual-time" coverage of live Raw – Cena vs. Rollins for U.S. Title, SSlam hype, Owens vs. RKO, two Divas matches, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 16 ottobre 2015.
  69. ^ Matthew Artus, WWE World Heavyweight Champion Seth Rollins def. United States Champion John Cena in a Winner Takes All Match, WWE. URL consultato il 16 ottobre 2015.
  70. ^ James Caldwell, CALDWELL'S WWE NOC PPV REPORT 9/20: Live Night of Champions Coverage from Houston - Seth Rollins's double duty, mor, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 18 ottobre 2015.
  71. ^ Kevin Powers, WWE World Heavyweight Champion Seth Rollins def. Demon Kane, WWE, 25 ottobre 2015. URL consultato il 25 ottobre 2015.
  72. ^ (EN) Ryan Murphy, Roman Reigns def. Dean Ambrose in the WWE World Heavyweight Championship Tournament Final Match; Sheamus cashed in his Money in the Bank contract to become WWE World Heavyweight Champion, su wwe.com, WWE, 22 novembre 2015. URL consultato il 22 novembre 2015.
  73. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Roman Reigns def. WWE World Heavyweight Champion Sheamus via Disqualification, su wwe.com, WWE, 30 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  74. ^ (EN) Jeff Laboon, WWE World Heavyweight Champion Sheamus def. Roman Reigns (Tables, Ladders & Chairs Match), su wwe.com, WWE, 13 dicembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  75. ^ (EN) Jeff Laboon, WWE World Heavyweight Champion Sheamus def. Roman Reigns (Tables, Ladders & Chairs Match), su wwe.com, WWE, 13 dicembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  76. ^ (EN) WWE.com Staff, Triple H being evaluated for injury, su wwe.com, WWE, 13 dicembre 2015. URL consultato il 13 dicembre 2015.
  77. ^ McMahon aveva appoggiato l'Authority sin da quando essa si era formata nell'agosto 2013 durante la rivalità con Daniel Bryan, apparendo nella puntata di Raw successiva a SummerSlam per celebrare la formazione stessa dell'Authority, senza tuttavia apparire regolarmente e lasciando il passo a Triple H e a sua figlia Stephanie. La sua prossima apparizione è avvenuta quattro mesi dopo a TLC, salendo sul ring alla fine dell'evento per congratularsi con Randy Orton insieme a Triple H e Stephanie. Nei primi mesi del 2014 McMahon si è quindi fatto da parte nel suo ruolo autoritario per valutare il controllo della federazione da parte di Triple H e Stephanie, ma è tornato nella puntata di Raw del 3 novembre di quello stesso anno, annunciando che se la squadra capitanata da John Cena avesse sconfitto quella dell'Authority capitanata da Seth Rollins, allora Triple H e Stephanie sarebbero stati privati del loro potere; questa si è rivelata essere la prima mossa contro l'Authority da parte di McMahon, che ha però allo stesso tempo concesso a Cena di scegliere se far tornare l'Authority, cosa che è accaduta quando Rollins lo ha costretto a farlo. Da allora McMahon non è più apparso negli show televisivi della WWE fino al dicembre 2015, quando ha ufficialmente preso le redini dell'Authority a tempo pieno.
  78. ^ (EN) Anthony Benigno, Stephanie McMahon confronted Roman Reigns, su wwe.com, WWE, 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  79. ^ a b (EN) Anthony Benigno, Mr. McMahon revealed Roman Reigns’ punishment, su wwe.com, WWE, 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  80. ^ (EN) Anthony Benigno, Roman Reigns def. Sheamus to become the new WWE World Heavyweight Champion, su wwe.com, WWE, 14 dicembre 2015. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  81. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE World Heavyweight Champion Roman Reigns def. Sheamus, su wwe.com, WWE, 4 gennaio 2016. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  82. ^ (EN) Anthony Benigno, Mr. McMahon and Stephanie McMahon selected the first entrant for the Royal Rumble Match, su wwe.com, WWE, 18 gennaio 2016. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  83. ^ (EN) WWE Network: The League Of Nations Attacks Roman Reigns In The Royal Rumble Match: Royal Rumble 2016 (1:13), su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  84. ^ a b (EN) Ryan Murphy, Triple H won the 2016 Royal Rumble Match for the WWE World Heavyweight Championship, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  85. ^ (EN) Ryan Murphy, Rumble Match Statistics, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  86. ^ (EN) Anthony Benigno, Shane McMahon crashed the Vincent J. McMahon Legacy of Excellence Award Ceremony, su wwe.com, WWE, 22 febbraio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  87. ^ (EN) Anthony Benigno, Shane McMahon crashed the Vincent J. McMahon Legacy of Excellence Award Ceremony, su wwe.com, WWE, 21 marzo 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  88. ^ (EN) Jeff Laboon, Shane McMahon vs. The Undertaker (Hell in a Cell Match), su wwe.com, WWE, 21 marzo 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  89. ^ (EN) Jeff Hamlin, WWE RAW Live Results: Roman Reigns And HHH, Shane McMahon And Undertaker, su f4wonline.com, Wrestling Observer, 21 marzo 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  90. ^ (EN) Anthony Benigno, Roman Reigns def. Sheamus via Disqualification, su wwe.com, WWE, 22 febbraio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  91. ^ (EN) James Wortman, Roman Reigns undergoes surgery following Triple H attack, su wwe.com, WWE, 23 febbraio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  92. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE World Heavyweight Champion Triple H vs. Roman Reigns, su wwe.com, WWE, 21 febbraio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  93. ^ (EN) Ryan Murphy, Roman Reigns def. Brock Lesnar and Dean Ambrose, su wwe.com, WWE, 21 febbraio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  94. ^ (EN) Anthony Benigno, Dean Ambrose confronted WWE World Heavyweight Champion Triple H, su wwe.com, WWE, 29 febbraio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  95. ^ (EN) Anthony Benigno, Dean Ambrose def. Alberto Del Rio via Disqualification, su wwe.com, WWE, 29 febbraio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  96. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE World Heavyweight Champion Triple H confronted Dean Ambrose, su wwe.com, WWE, 7 marzo 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  97. ^ (EN) Anthony Benigno, Dean Ambrose def. Bray Wyatt via Disqualification, su wwe.com, WWE, 7 marzo 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  98. ^ (EN) WWE.com Staff, WWE World Heavyweight Champion Triple H battles Dean Ambrose, su wwe.com, WWE, 1º marzo 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  99. ^ (EN) John Clapp, WWE World Heavyweight Champion Triple H def. Dean Ambrose, su wwe.com, WWE, 12 marzo 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  100. ^ (EN) Anthony Benigno, WWE World Heavyweight Champion Triple H def. Dolph Ziggler, su wwe.com, WWE, 14 marzo 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  101. ^ (EN) Ryan Murphy, Roman Reigns def. WWE World Heavyweight Champion Triple H, su wwe.com, WWE, 3 aprile 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  102. ^ (EN) Kevin Powers, The Undertaker def. Shane McMahon (Hell in a Cell Match), su wwe.com, WWE, 3 aprile 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  103. ^ (EN) John Clapp, Mr. McMahon places Shane in charge of tonight's Raw, su wwe.com, WWE, 4 aprile 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  104. ^ (EN) James Wortman, Shane McMahon will once again be in charge of Raw tonight!, su wwe.com, WWE, 8 aprile 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  105. ^ (EN) Raw preview, April 11, 2016: Here comes the money!, su wwe.com, WWE, 11 aprile 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  106. ^ (EN) Anthony Benigno, Dean Ambrose hosted Shane McMahon on 'The Ambrose Asylum', su wwe.com, WWE, 18 aprile 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  107. ^ (EN) Anthony Benigno, Stephanie McMahon confronted Shane McMahon, su wwe.com, WWE, 25 aprile 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  108. ^ (EN) James Caldwell, 5/1 WWE Payback Results – Caldwell's Complete Live Report, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 1º maggio 2016. URL consultato il 9 giugno 2016.
  109. ^ (EN) WWE.com Staff, WWE's destiny to be determined during SmackDown's Live premiere, su wwe.com, WWE, 15 luglio 2016. URL consultato il 22 luglio 2016.
  110. ^ (EN) Brian Steinberg, WWE's 'Smackdown' Will Move to Live Broadcast on USA (Exclusive), su variety.com, Variety, 25 maggio 2016. URL consultato il 22 luglio 2016.
  111. ^ (EN) Official page for WWE SmackDown Live, su wwe.com, WWE, 19 luglio 2016. URL consultato il 22 luglio 2016.
  112. ^ (EN) WWE.com Staff, Daniel Bryan announces retirement, su wwe.com, WWE, 8 febbraio 2016. URL consultato l'8 febbraio 2016.
  113. ^ (EN) Josh Nason, Daniel Bryan to announce his retirement on Raw tonight, su f4wonline.com, Wrestling Observer Newsletter, 8 febbraio 2016. URL consultato l'8 gennaio 2016.
  114. ^ (EN) WWE star Daniel Bryan is retiring after receiving 'a lot of concussions', su bbc.co.uk, BBC, 9 febbraio 2016. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  115. ^ (EN) Anthony Benigno, Stephanie and Shane McMahon announced the Raw and SmackDown Live General Managers, su wwe.com, WWE, 18 luglio 2016. URL consultato il 30 luglio 2016.
  116. ^ (EN) WWE.com Staff, New Raw and SmackDown logos unveiled for WWE’s New Era, su wwe.com, WWE, 22 luglio 2016. URL consultato il 30 luglio 2016.
  117. ^ a b c (EN) Anthony Benigno, The Shield is the new Big Boss Man, Ken Shamrock & Test, su wwe.com, WWE, 11 novembre 2013. URL consultato l'11 novembre 2013.
  118. ^ a b (EN) James Caldwell, Smackdown Spoilers 3/21: Caldwell's in-person report from Smackdown TV taping (w/Overall Thoughts), su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 21 marzo 2014. URL consultato il 21 marzo 2014.
  119. ^ (EN) James Caldwell, Caldwell's WWE Raw results 4/7: Complete "virtual-time" coverage of live Raw – WM30 fall-out, WWE Title match teaser, Bryan's first night as champ, Warrior, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 7 aprile 2014. URL consultato il 7 aprile 2014.
  120. ^ a b (EN) WWE Hell in a Cell 2014 results: Bray Wyatt attacks Dean Ambrose in main event, su skysports.com, Sky Sports, 28 ottobre 2014. URL consultato il 28 ottobre 2014.
  121. ^ WWE: King of Kings (Triple H) [feat. Motörhead] - Single, su itunes.com, iTunes, 13 giugno 2011. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  122. ^ a b c (EN) The PWI Awards, in Pro Wrestling Illustrated, vol. 34, 2014, p. 34-35.
  123. ^ a b (EN) The PWI Awards, in Pro Wrestling Illustrated, vol. 36, 2015, p. 26-27.
  124. ^ (EN) Pro Wrestling Illustrated (PWI) 500 for 2015, su profightdb.com, The Internet Wrestling Database, 5 ottobre 2015. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  125. ^ (EN) World Heavyweight Championships, su wwe.com, WWE. URL consultato il 25 giugno 2016.
  126. ^ (EN) World Heavyweight Championship - Randy Orton, su wwe.com, WWE, 15 dicembre 2013. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  127. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championships, su wwe.com, WWE. URL consultato il 25 giugno 2016.
  128. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Randy Orton, su wwe.com, WWE, 18 agosto 2013. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  129. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Randy Orton, su wwe.com, WWE, 27 ottobre 2013. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  130. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Seth Rollins, su wwe.com, WWE, 29 marzo 2015. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  131. ^ (EN) WWE World Heavyweight Championship - Triple H, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  132. ^ (EN) WWE Tag Team Championships, su wwe.com, WWE. URL consultato il 25 giugno 2016.
  133. ^ (EN) WWE Tag Team Championships - Seth Rollins & Roman Reigns, su wwe.com, WWE, 19 maggio 2013. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  134. ^ (EN) WWE Tag Team Championships - The New Age Outlaws, su wwe.com, WWE, 28 gennaio 2014. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  135. ^ (EN) United States Championship, su wwe.com, WWE. URL consultato il 25 giugno 2016.
  136. ^ (EN) United States Championship - Dean Ambrose, su wwe.com, WWE, 19 maggio 2013. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  137. ^ (EN) United States Championship - Seth Rollins, su wwe.com, WWE, 23 agosto 2013. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  138. ^ (EN) Jeff Laboon, Big Show won 2nd Annual Andre the Giant Memorial Battle Royal (Kickoff Match), su wwe.com, WWE, 29 marzo 2015. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  139. ^ (EN) What's A Slammy?, su wwe.com, WWE, 23 febbraio 2008. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  140. ^ a b c d e (EN) WWE.com Staff, 2013 Slammy Award winners, su wwe.com, WWE, 8 dicembre 2013. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  141. ^ a b (EN) Jeff Laboon, 2014 Slammy Award winners, su wwe.com, WWE, 8 dicembre 2014. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  142. ^ (EN) WWE.com Staff, 2015 Slammy Award winners, su wwe.com, WWE, 22 dicembre 2015. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  143. ^ a b c d (EN) Dave Meltzer, Jan 27 2014 Wrestling Observer Newsletter: 2013 Annual awards issue, best in the world in numerous categories, plus all the news in pro-wrestling and MMA over the past week and more, in Wrestling Observer Newsletter, Campbell, California, 27 gennaio 2014, pp. 1–37, ISSN 10839593.
  144. ^ (EN) Dave Meltzer, Jan. 26, 2015 Wrestling Observer Newsletter: 2014 awards issue w/ results & Dave’s commentary, Conor McGregor, and much more, in Wrestling Observer Newsletter, vol. 10839593, 26 gennaio 2014, p. 33.
Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling