The Art of Computer Programming

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

The Art of Computer Programming (TAOCP) è una serie di libri in più volumi sulla programmazione di algoritmi e la relativa analisi formale degli stessi, scritta da Donald Knuth dell'Università di Stanford.

Piano dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Il piano dell'opera, ancora incompleta, è mutato nel corso del tempo. Sono stati pubblicati interamente solo i primi tre volumi, mentre il primo tomo del quarto volume è stato pubblicato nel 2011:

  • Volume 1, Fundamental Algorithms (terza edizione 1997) ;
  • Volume 2, Seminumerical Algorithms (terza edizione 1997) ;
  • Volume 3, Sorting and Searching (seconda edizione, 1998) ;
  • Volume 4A, Enumeration and Backtracking (2011);
  • Volume 4, Fascicolo 6 Satisfiability (Dicembre 2015);
  • Volume 4, Fascicolo 5 Mathematical Preliminaries Redux, Backtracking, Dancing Links (Giugno 2017).

Gli altri due tomi previsti per il quarto volume (Combinatorial Algorithms) sono in corso di redazione. Alcune parti sono disponibili sulla pagina ufficiale TAOCP. In totale sono previsti sette volumi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il professor Donald E. Knuth, matematico e informatico di lungo corso, tra i massimi esperti nello studio della complessità computazionale degli algoritmi, ricevette l'incarico, nel 1962 circa, di scrivere un libro sui compilatori. Nel corso degli anni, tuttavia, il progetto iniziale mutò obiettivo e si trasformò nell'opera in oggetto. Knuth, infatti, si rese conto ben presto che avrebbe dovuto aumentare considerevolmente il numero di argomenti inclusi nel libro. Nel 1965 finì di scrivere il primo manoscritto. Si componeva di un volume unico composto di dodici capitoli e 3000 pagine manoscritte o 2000 pagine dattiloscritte. Il piano dell'opera fu così modificato in modo da includere sette volumi di uno o due capitoli ciascuno. Il libro quarto è stato ulteriormente suddiviso in 4A, 4B, 4C e, forse, 4D.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]