Thami El Glaoui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Thami El Glaoui

Thami El Glaoui, in lingua berbera Thami El Mezouari Aglaou, (Télouet, 1879Télouet, 13 gennaio 1956[1]), è stato un pascià marocchino, uno dei più celebri del Marocco. Egli era il nonno paterno dell'attore francese Mehdi El Glaoui.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Venne nominato pascià di Marrakech dal sultano Yusuf ben al-Hasan nel 1912[2].

Nel mese di dicembre 1950 chiese al sultano Mohammed V di non supportare più il Partito Istiqlal favorevole all'indipendenza del Marocco. El Glaoui si mostrò insolente verso il sultano durante l'udienza e gli venne fatto divieto di tornare a Palazzo Reale.

Nel febbraio del 1953, El Glaoui riunì 23 pascià e 323 caid e fece loro firmare una petizione per chiedere la partenza del sultano. Solo 6 caid e 4 pascià rifiutarono di firmare.

Il 20 agosto 1953 Mohammed V e il principe ereditario Moulay Hassan (futuro Hassan II), vennero arrestati e mandati in esilio in Corsica e poi in Madagascar.

Al loro ritorno dall'esilio, El Glaoui si sottomise al nuovo re e morì poco dopo di cancro a Télouet.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Abdessadeq El Glaoui
  2. ^ Georges Spillmann, Du protectorat à l'indépendance : Maroc, 1912-1955, Plon, 1967, p.175

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN23959347 · ISNI (EN0000 0000 3781 4738 · LCCN (ENn2002052860
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie