Tetrapulmonata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tetrapulmonata
Hubbardia pentapeltis 1.jpg
Hubbardia pentapeltis (Schizomida)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Clade Tetrapulmonata
Shultz, 1990
Ordini

Tetrapulmonata è un clade di aracnidi non catalizzato nella tassonomia. È composto dagli ordini esistenti di Thelyphonida (scorpioni a frusta), Schizomida (scorpioni a frusta dalla coda corta), Amblypygi (scorpioni a frusta senza coda) e Araneae (ragni). È l'unico gruppo sovra-ordinario di aracnidi che è fortemente supportato negli studi filogenetici molecolari.[1] In questo gruppo sono presenti anche due ordini estinti, Haptopoda e Uraraneida.[2] Nel 2016 e nel 2018, due nuovi aracnidi fossili, Idmonarachne e Chimerarachne, sono stati inclusi in Tetrapulmonata, sebbene non siano stati assegnati a nessun ordine.[3]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Tetrapulmonata riceve il suo nome dalla presenza di polmoni a libro appaiati che occupano il secondo e il terzo segmento opistosomico, sebbene la coppia posteriore sia assente in Schizomida e nella maggior parte dei ragni araneomorfi. I precedenti sinonimi di questo lignaggio sono stati rifiutati; "Caulogastra , 1893" si riferisce al pedicello, che è simplesiomorfico per il lignaggio e convergente con Solifugae, e "Arachnidea Van der Hammen, 1977" è facilmente confuso con Arachnida. Il clade viene indicato come Pantetrapulmonata quando gli aracnidi estinti trigonotarbide vengono inclusi.[2]

Il nome "Pulmonata" è stato usato per questo gruppo fino al 2000, nel primo paragrafo di un articolo in Journal of Paleontology,[4] ma ciò crea un'ambiguità perché Pulmonata è un gruppo di gasteropodi.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle due coppie di polmoni a libro, altre sinapomorfie di Tetrapulmonata comprendono una grande faringe postcerebrale (ridotta in Uropygi), endosternite prosomica con quattro componenti segmentali, cheliceri subchelati, un'articolazione coxotrocanterica complessa nelle gambe ambulanti, un muscolo depressore pretarsale che si alza formando una rotula (convergente con Dromopoda, persa in Amblypygi), un pedicello formato, in parte, da elementi ventrale del secondo segmento opistomiale e un spermatozoo axoneme con una disposizione di 9+3 microtubuli.[5]

Filogenesi[modifica | modifica wikitesto]

Un cladogramma pubblicato nel 2014 divide Tetrapulmonata in due cladi, Schizotarsata e Serikodiastida. Gli Schizotarsata hanno le zampe ambulanti II-IV con il tarso con uno schema specifico di tre sottosegmenti (tarsomeres). I Serikodiastida (in greco significa "lavoratori della seta") condividono la capacità di produrre e utilizzare la seta. Il sister clade di Tetrapulmonata è l'ordine estinto di Trigonotarbida; insieme formano un clade che è stato chiamato "Pantetrapulmonata".[2]


Pantetrapulmonata

Trigonotarbida

Tetrapulmonata
Schizotarsata

Haptopoda

Pedipalpi
uropygids

Thelyphonida

Schizomida

Amblypygi

Serikodiastida

Uraraneida

Araneae

Nel 2016, un aracnide fossile dell'età tardo-carbonifera (Pennsylvaniano) è stato descritto come un nuovo genere, Idmonarachne. Sulla base della sua morfologia generale, è stato considerato appartenente a Serikodiastida, anche se la presenza di zipoli produttori di seta non è stata dimostrata. Come gli uraraneidi, mancava di filiere, ma mancava anche di un flagello, simile ai ragni. Un cladogramma basato sulla morfologia, colloca Idmonarachne tra Uraraneidae e i ragni:[3]


Serikodiastida

Uraraneida

Idmonarachne

Araneae

Il tardo Carbonifero sembra essere stato il tempo in cui c'era una maggiore diversità di aracnidi tetrapolmonati.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jerome C. Regier, Jeffrey W. Shultz, Andreas Zwick, April Hussey, Bernard Ball, Regina Wetzer, Joel W. Martin e Clifford W. Cunningham, Arthropod relationships revealed by phylogenomic analysis of nuclear protein-coding sequences, in Nature, vol. 463, nº 7284, 2010, pp. 1079–1083, DOI:10.1038/nature08742, PMID 20147900.
  2. ^ a b c Russell J. Garwood e Jason Dunlop, Three-dimensional reconstruction and the phylogeny of extinct chelicerate orders, in PeerJ, vol. 2, 2014, p. e641, DOI:10.7717/peerj.641, PMC 4232842, PMID 25405073.
  3. ^ a b c Russell J. Garwood, Jason A. Dunlop, Paul A. Selden, Alan R.T. Spencer, Robert C. Atwood, Nghia T. Vo e Michael Drakopoulos, Almost a spider: a 305-million-year-old fossil arachnid and spider origins, in Proceedings of the Royal Society B, vol. 283, nº 1827, 2016, p. 20160125, DOI:10.1098/rspb.2016.0125, PMC 4822468, PMID 27030415.
  4. ^ William A. Shear, Gigantocharinus szatmaryi, a new trigonotarbid arachnid from the late Devonian of North America (Chelicerata, Arachnida, Trigonotarbida), in Journal of Paleontology, vol. 74, nº 1, 2000, pp. 25–31, DOI:10.1017/s0022336000031218, JSTOR 1306881.
  5. ^ Jeffrey W. Shultz, Evolutionary morphology and phylogeny of Arachnida, in Cladistics, vol. 6, nº 1, 1990, pp. 1–38, DOI:10.1111/j.1096-0031.1990.tb00523.x.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Jeffrey W. Shultz. 2007. "A phylogenetic analysis of the arachnid orders based on morphological characters". Zoological Journal of the Linnean Society 150(?):221-265. (See External links below).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi