Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni

Testudo graeca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tartaruga greca
Nabeulensis sarda.JPG
Testudo graeca
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Testudines
Sottordine Cryptodira
Famiglia Testudinidae
Genere Testudo
Specie T. graeca
Nomenclatura binomiale
Testudo graeca
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Furculachelys nabeulensis, Testudo anamurensis, Testudo antakyensis, Testudo armeniaca, Testudo buxtoni, Testudo flavominimaralis, Testudo floweri, Testudo graeca, Testudo ibera, Testudo nikolskii, Testudo pallasi, Testudo perses, Testudo terrestris, Testudo whitei, Testudo zarudnyi

Nomi comuni

Tartaruga greca, tartaruga moresca

Sottospecie
  • Testudo graeca ssp. anamurensis
  • Testudo graeca ssp. antakyensis
  • Testudo graeca ssp. armeniaca
  • Testudo graeca ssp. cyrenicae
  • Testudo graeca ssp. flavominimaralis
  • Testudo graeca ssp. graeca
  • Testudo graeca ssp. ibera
    (sin. Testudo graeca ssp. buxtoni)
  • Testudo graeca ssp. lamberti
  • Testudo graeca ssp. marokkensis
  • Testudo graeca ssp. nabeulensis
    (sin. Furculachelys nabeulensis)
  • Testudo graeca ssp. nikolskii
  • Testudo graeca ssp. pallasi
  • Testudo graeca ssp. perses
  • Testudo graeca ssp. soussensis
  • Testudo graeca ssp. terrestris
    (sin. Testudo graeca ssp. floweri)
  • Testudo graeca ssp. whitei
  • Testudo graeca ssp. zarudnyi

La testuggine greca o tartaruga moresca (Testudo graeca Linnaeus, 1758) è un rettile appartenente all'ordine delle testuggini.

Areale della specie[modifica | modifica wikitesto]

Areale della Testudo graeca

Specie paleartica occidentale, in Europa è presente in: Italia, Grecia orientale, Spagna, Turchia europea, in alcune isole del Mar Mediterraneo e lungo le coste bulgare e romene del Mar Nero. In Asia è molto comune in Turchia (unico paese in cui è facilmente incontrabile e non a rischio), Asia Minore, Iran, fino ai confini del Pakistan. Nel Nordafrica è diffusa in Marocco, Algeria, Tunisia e Libia.

Presenza in Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia questa specie è stata introdotta in epoca storica. La sottospecie più diffusa è la Testudo graeca ibera (da Iberia una antica regione dell'Asia anteriore, l'attuale Imeretia), anche se le continue immissioni ed incroci con esemplari di svariate sottospecie rende quasi sempre impossibile una corretta classificazione. La presenza in: Toscana, Lazio, in Liguria, Puglia, Sardegna e Sicilia sovente è riferibile a esemplari fuggiti dalla cattività. Colonie allo stato selvatico sono presenti a Pantelleria e in Sardegna. Gli esemplari sardi[2] hanno caratteristiche intermedie tra la T. graeca graeca e la T. graeca nabeulensis della Tunisia.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Tubercoli cornei

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Facilmente confondibile con l'assai simile T. hermanni, la T. graeca è riconoscibile per la presenza di tubercoli cornei ai lati delle cosce, generalmente assenti nelle altre Testudo. Inoltre all'apice della coda essa è priva, o è presente solo in qualche raro esemplare, dell'astuccio corneo che caratterizza la T. hermanni . Altro elemento che la differenzia è un unico scuto sopracaudale (doppio nella T. hermanni), anche se sono documentati numerosi esemplari con la scaglia bipartita. Tra le varie sottospecie, ma anche tra gli esemplari appartenenti a una stessa sottospecie, si riscontra una ampia gamma di variazione delle dimensioni e della livrea del carapace che rendono spesso difficile una identificazione certa della sottospecie. Nella T. graeca ibera, la sottospecie più diffusa in Italia, le dimensioni medie degli adulti sono di: 25 cm nelle femmine e di 16 cm nei maschi; anche se in Europa orientale sono stati osservati esemplari di 35 cm di lunghezza, dal peso di 5 kg (Beshkov 1997). È documentata in Italia una femmina, di circa 20 anni e allevata in cattività, dal peso di 6 kg [1]. Mediamente nella T. graeca nabeulensis della Sardegna, le femmine raggiungono i 18 cm e i maschi i 15 cm.

Sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

T. graeca della Sardegna

Sono proposte svariate sottospecie:

Giovani esemplari di T.g.ibera (Turchia, sinistra) e T.g.graeca (Nord Tunisia, destra)

Revisione delle sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, in seguito all'evoluzione degli studi di comparazione genetica, è in atto un profondo processo di revisione[6][7] della classificazione delle varie sottospecie.

Dimorfismo sessuale[modifica | modifica wikitesto]

Dimorfismo sessuale, femmina (sinistra) maschio (destra)

Il riconoscimento del sesso avviene attraverso l'individuazione dei caratteri sessuali secondari. I maschi possiedono una coda lunga, robusta e grossa alla base. La femmina ha coda piccola e corta. La distanza dell'apertura cloacale dalla base della coda è maggiore nel maschio. I maschi adulti presentano una concavità nel piastrone per facilitare la monta sul carapace della femmina, il piastrone delle femmine e degli esemplari giovani e subadulti è piatto; l'angolo formato dagli scuti anali del piastrone è molto maggiore nel maschio; l'altezza degli stessi scuti è però maggiore nella femmina. Lo scuto sopracaudale del maschio è curvo verso il basso, nella femmina è allineato con il resto del carapace.

Sensi[modifica | modifica wikitesto]

Le testuggini hanno una vista eccellente: sanno distinguere forme, colori e riconoscono anche persone. Hanno un senso dell'orientamento molto preciso: se vengono spostate qualche centinaio di metri dal territorio al quale sono molto legate ci ritorneranno in breve tempo. Sono molto sensibili alle vibrazioni del suolo anche se non hanno un udito sviluppato. L'odorato invece è ben sviluppato ed ha un ruolo importante nel riconoscimento del cibo e dei sessi

Eco-etologia[modifica | modifica wikitesto]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Le tartarughe greche sono animali ectotermi e nelle prime ore della giornata si crogiolano al sole per innalzare la temperatura corporea ed attivare le funzioni metaboliche. L'esposizione al sole permette di assumere i raggi UVB atti alla sintesi della vitamina D. Raggiunta la temperatura corporea necessaria per l'attivazione degli enzimi atti alla digestione le tartarughe si dedicano alla ricerca del cibo. Con temperature atmosferiche superiori ai 27 °C diventano apatiche e cercano refrigerio scavando piccole buche al riparo della vegetazione bassa o riparandosi in piccoli anfratti. Con la discesa delle temperature si ha la ripresa dell'attività.

Letargo[modifica | modifica wikitesto]

Ogni sottospecie di Testudo graeca ha modalità di letargo differenziate e in alcuni casi vanno in estivazione nella stagione calda. Le sottospecie acclimatate alle nostre latitudini in autunno, al calare delle temperature smettono di alimentarsi, anche per più di 20 giorni, per poter svuotare completamente l'intestino da residui di cibo. Diventano sempre più apatiche e, verso novembre o dicembre a seconda della latitudine, iniziano ad interrarsi o a ripararsi in luoghi protetti e cadono in letargo. In natura gli esemplari si interrano anche di 10-20 centimetri.

La temperatura ideale di letargo, calcolata nel luogo di interramento è di 5 °C, superiori ai 10 °C le inducono in uno stato di dormiveglia pericoloso per l'esaurimento delle scorte di grasso necessarie a superare l'inverno. Il letargo è una fase metabolica assolutamente necessaria per questa specie, va impedito solo in caso di malattia o debilitazione.

La principale causa di morte, nel caso di esemplari tenuti a svernare all'interno di abitazioni da allevatori improvvisati è proprio la temperatura, che si presenta troppo alta per consentire il letargo e troppo bassa per consentire di continuare ad alimentarsi.

In queste situazioni se si vorrà tenerlo attivo, l'esemplare andrà collocato in un terrario riscaldato con un punto caldo sui 28 °C ed un punto fresco e ombreggiato sui 18 °C, con un substrato di 5 cm circa composto da un 40% di torba bionda di sfagno, un 40% di terriccio naturale privo di concimi e fitofarmaci ed un 20% di sabbia di fiume. Essenziale è una lampada UVB specifica per rettili necessaria per la sintesi della vitamina D occorrente per fissare il calcio. Se si opta per un letargo controllato la testuggine andrà posta in una contenitore protetto dai roditori con una rete metallica, ricolmo del medesimo substrato del terrario. Il contenitore andrà collocato in un locale buio con temperature tra i 4 °C e gli 8 °C e una sufficiente umidità ambientale, 70%UR. Il risveglio avviene generalmente nel mese di marzo ed è legato al rialzarsi delle temperature diurne.

Accoppiamento[modifica | modifica wikitesto]

Accoppiamento

Con il risveglio inizia il corteggiamento da parte del maschio con un rituale che prevede inseguimenti, morsi e colpi di carapace alla femmina. Il maschio di T. graeca è molto aggressivo e se ne consiglia la separazione dalla femmina e dagli altri maschi al di fuori dell'accoppiamento. Il maschio monta sul dorso della femmina per la copula che avviene con l'estroflessione del pene contenuto nella grossa coda e in questa occasione emette l'unico verso udibile di questi rettili per il resto muti. La femmina può arrivare fino a 4 anni di anfigonia ritardata, conservando lo sperma in un apposito organo, la spermateca, all'interno dell'ovidutto.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Animali longevi, si hanno notizie di esemplari centenari, raggiungono la maturità sessuale intorno ai 10 anni. Le Testudo sono ovipare, le deposizioni avvengono in buche scavate dalla femmina nel terreno con le zampe posteriori. Le femmine di T.graeca depongono anche in tre volte, da maggio a luglio, un numero variabile di uova, generalmente in proporzione alla taglia dell'esemplare e alla specifica sottospecie. Il tempo di incubazione, 2 o 3 mesi circa, e il sesso sono in relazione con la temperatura. Con temperatura di incubazione inferiore ai 30,5 °C si avrà una preponderanza di esemplari maschi, con temperatura superiore ai 30,5 °C in maggioranza femmine. Giunto il momento della schiusa, spesso agevolata da una giornata di pioggia, il tartarughino per rompere il guscio si avvale del cosiddetto "dente dell'uovo", un tubercolo corneo posto tra le narici e la mascella superiore destinato a sparire in pochi giorni. La fuoriuscita dall'uovo dura anche 48 ore e in questo arco di tempo viene assorbito totalmente il sacco vitellino.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Maschio di 50 anni

Sono rettili prettamente vegetariani. Gli esemplari selvatici vivono in un habitat caratterizzato da lunghi periodi di aridità che li costringe a nutrirsi di erbe secche, in queste condizioni integrano la loro dieta mangiando artropodi o chiocciole, queste ultime utili per l'apporto di calcio del guscio. Saltuariamente non disdegnano escrementi o piccole carogne. Gli esemplari allevati in cattività sono generalmente sovralimentati e non vanno assolutamente nutriti con: carne, latte, formaggi, alimenti per cani e gatti, uova, pane, latte, agrumi, kiwi, lattuga (anche se come alimentazione gradiscono anche dei fegati di mammiferi cotti).

Il tarassaco, la cicoria e il radicchio rosso sono alcune delle verdure adatte alla loro alimentazione per l'alto rapporto di calcio rispetto al fosforo e per le fibre in esse contenute. Alti apporti proteici e di fosforo con bassi valori di calcio portano a deformazioni permanenti del carapace e danni agli organi interni.

Evidente segno di una cattiva alimentazione è un carapace con gli scuti appuntiti e scanalati nelle suture, la cosiddetta piramidalizzazione, al contrario un carapace in forma di una levigata semicalotta ovale è segno di una corretta alimentazione.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Macchia mediterranea

Gli habitat della tartaruga greca variano molto a seconda della sottospecie ma in generale sono tipicamente mediterranei, compresi nella zona fitoclimatica del Lauretum e caratterizzati da inverni miti con precipitazioni moderate ed estati secche con temperature elevate. Questa specie trova rifugio e nutrimento nella vegetazione bassa cespugliosa della gariga, fra gli arbusti della macchia mediterranea e nel sottobosco fino a quota collinare temperata. In Italia gli habitat in cui sono ancora possibili dei ritrovamenti e sono presenti dei gruppi vitali sono le dune sabbiose costiere, ricche di vegetazione, le pinete costiere di pini mediterranei con sottobosco di arbusti mediterranei, le leccete e le sugherete. Occasionalmente sono stati osservati esemplari in aree destinate all'uso agricolo quali gli oliveti, gli agrumeti, i mandorleti ed i vigneti.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Venditore ambulante di tartarughe. Incisione di G. A. Remondini, XVII secolo.

Sin dall'antichità tenute come animali da giardino, le specie appartenenti al genere Testudo sono a grave rischio di scomparsa nell'ambiente naturale, soprattutto per fattori antropogenici quali l'agricoltura meccanizzata e l'uso dei fitofarmaci, il traffico automobilistico, gli incendi, la distruzione dell'ambiente naturale e l'urbanizzazione, la cattura illegale e la predazione da parte di animali selvatici (soprattutto per colpa dell'introduzione negli anni ottanta a fini venatori del cinghiale ungherese, più grande ed aggressivo dell'autoctono). La cattura a fini alimentari umani pare del tutto scomparsa in Italia. Da alcuni anni il divieto di cattura degli esemplari in natura ha spinto sempre più gli appassionati nel dedicarsi all'allevamento delle varie specie di Testudo e attualmente, in Italia ed altri paesi europei, gli esemplari allevati superano di gran numero quelli selvatici. Gli sforzi degli allevatori sono tuttavia vanificati da una legislazione che non ha ancora preso atto di questa nuova realtà.

Storia, arte e cultura[modifica | modifica wikitesto]

Apollo con la Chelys-lyra ricavata dal carapace di una Testudo, pittura vascolare greca, ca. 460 a.C.

Introdotta in più riprese nella penisola italiana dall'uomo, fin dall'antichità è stata catturata e allevata per usi alimentari, utilitaristici e come animale da giardino. Dal carapace se ne ricavavano svariati oggetti di uso comune, preziosi inserti in opere di ebanisteria e gioielleria e casse armoniche per strumenti musicali. La mitologia greca ci narra che l'inventore della lira fu Hermes. Un giorno il dio trovò all'interno della grotta una tartaruga. La uccise, ne prese il carapace e tendendo sette corde di budello di pecora su due corni di antilope ne ricavò lo strumento musicale. In seguito Ermes la regalò ad Apollo, e questi al figlio Orfeo. Numerosi sono i rinvenimenti di gusci o oggetti da essi ricavati in sepolture antiche. Nel passato furono allevate da alcuni ordini monastici perché le loro carni, ritenute altamente nutritive soprattutto per gli infermi, erano tra le poche di cui la Chiesa cattolica consentiva il consumo nei giorni di astinenza[8]. Sin dai primordi dell'arte, innumerevoli sono le raffigurazioni di testuggini; in alcune di esse è possibile identificare con certezza l'appartenenza alla specie T.graeca. In letteratura è ricorrente il personaggio della tartaruga come raffigurazione della longevità e della pacatezza, famoso è il racconto di Esopo, La lepre e la tartaruga. In matematica è da ricordare, Achille e la tartaruga, il secondo dei paradossi formulati da Zenone di Elea.

Legislazione[modifica | modifica wikitesto]

Inserita in Red List, come tutti i rettili del genere Testudo, la T. graeca è protetta dalla Convenzione di Berna[9] allegato II, inclusa nella CITES appendice II dal 01/07/75 e in allegato A del Regolamento dell'Unione Europea 1332/2005, per cui è assolutamente vietato il prelievo in natura e regolamentato l'allevamento e il commercio degli esemplari in cattività. In Italia i compiti di sorveglianza e di gestione delle norme applicative delle convenzioni internazionali per la tutela delle specie animali sono di competenza del Corpo Forestale dello Stato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tortoise & Freshwater Turtle Specialist Group 1996, Testudo graeca, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2016.3, IUCN, 2016.
  2. ^ T.g.nabeulensis 'Sarda'
  3. ^ Descritta da Boulenger (1920) partendo dallo studio di un unico esemplare conservato nel British Museum, tassonomicamente viene generalmente considerata sinonimo di T.g.ibera. L'olotipo è in uno stato di conservazione non ottimale e presenta la scaglia sopracaudale divisa, probabilmente frutto di una aberrazione individuale (Perälä, 2002). Da alcuni (Perälä & Pieh, 2002) viene considerata come sottospecie valida; ma non se ne conoscono altri esemplari, non è mai stata studiata in natura, né delimitata una distribuzione certa, (viene ipotizzato un areale lungo la costa iraniana del Mar Caspio), né se ne conosco le abitudini.
  4. ^ UNEP Distribuzione Furculachelys nabeulensis
  5. ^ A. C. Highfield, The status and nomenclature of T.graeca terrestris and T.graeca floweri
  6. ^ Mitochondrial haplotype diversity in the tortoise species Testudo graeca from North Africa and the Middle East, pubmedcentral.nih.gov.
  7. ^ Genetic Evidence for Premature Taxonomic Inflation in Middle Eastern Tortoises (PDF), fieldmuseum.org.
  8. ^ De Grossi Mazzorin J. , Minniti C. , 2000: Alimentazione e pratiche religiose: il caso di due contesti monastici a Roma tra il XVI e il XVIII secolo, in Atti del 2º Convegno degli Archeozoologi Italiani, Asti 14-16 novembre 1997, Forlì, pp. 327-339.
  9. ^ Sito ufficiale della Convenzione di Berna, web.archive.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Beobachtungen an der Maurischen Landschildkrote, Testudo graeca terrestris Forskål, 1775, in Sudwestsyrien. Aquar. Terr. Mon. Ornith. Vivarium. 32(1):389-392
  • (DE) Eiselt, J. and Spitzenberger, F. (1967). Ergbinisse zoologischer Sammelreisen in der Turkei: Testudines. Ann. Nat. Hist. Mus. Wein. 70: 357-378
  • (DE) Esterbauer, H. (1985) Okologische und verhaltensbiologische *(DE) Forcart, L. (1950) Amphibien und Reptilien von Iran. Verh. Naturforsch. Ges. Basel. 61:141-156
  • (DE) Freyhof, J. (1983) Beobachtungen zur Trachtigkeitsdauer bei der Maurischen Landschildkroten, Testudo graeca terrestris. Das Aquarium (173):605-608
  • (DE) Herrn, C. P. (1966) Testudo graeca terrestris Forskal neu fur die Turkei. Stuttgarter Beitrage zur Naturkunde (155):1-2
  • (DE) Mertens, R. (1946) Uber einige mediterrane Schildkrotenrassen. Senckenbergiana Biol. 27:111-118
  • (DE) Mertens, R. (1956) Amphibien aus Reptilien aus s. o. Iran, 1954. Jahresh. Ver. Vaterl. Naturkd. Wurttemb, 111:90-97
  • (DE) Mlynarski, M. (1969) Fossile Schildkroten. A. Zeimsen Verlag. pp. 1–128
  • (DE) Obst, F. J. and Meusel, W. (1963 and 1978) Die Landschildkroten Europas. A. Ziemsen Verlag, Wittenberg Lutherstadt
  • (DE) Schleich, H. H. (1989) Merkmalsausbildungen an Landschildkroten in Nord-ost-Libyen (Testudines: Testudinidae). Herpetozoa 1(3/4):97-108
  • (DE) Siebenrock, F. (1897) Das Kopfskelet der Schildkroten. Sitz.ber. Akad. Wiss. Wien, Mathem. naturwiss. Kl.; 106:245-328
  • (DE) Siebenrock, F. (1909) Synopsis der rezenten Schildkroten, mit Berucksichtigung der in historischer Zeit ausgestorbenen Arten. Zool. Jb. Suppl. 10:427-618
  • (DE) Siebenrock, F. (1913) Schildkroten aus Syrien und Mesopotamien. Ann. Nat. Mus. Wien, 27:171-225
  • (DE) Strauch, A. (1862a) Chelonologische Studien, mit besonderer beziehung auf die Schildkrotensammlung. Mem. L'Academie Imp. des Sci. St. Petersbourg. Tome V, No.7
  • (DE) Walbaum, J. J. (1782) Chelonographia oder Beschreibung einiger Schildkroten nach naturlichen Urbildern
  • (DE) Wermuth, H. (1952) Testudo hermanni robertmertensi n. subsp. und ihr Vorkommen in Spanien. Senckenbergiana, 33:157-164
  • (DE) Wermuth, H. (1956) Versuch der Deutung einiger bisher ubersehener Schilkkroten-Namen. Zool. Beitr., Berl. (2):399-423
  • (DE) Wermuth, H. (1958) Status und nomenklatur der maurischen landschildkrote, Testudo graeca, in S. W. Asien und N. O. Africa. Senck. Biol. 39:149-153
  • (DE) Wermuth, H and Mertens, R. (1961). Schildkroten, Krokodile, Bruckenechsen. Gustav Fischer Verlag: Jena
  • (DE) Werner, F. (1895) Ueber eine Sammlung von Reptilien aus Persien, Mesopotamien und Arabien. Verh. Zool. Bot. Ges. Wien, 45:14
  • (DE) Werner, F. (1929) Beitrage zur Kenntnis der Fauna von Syrien und Persien. Zool. Anz. 81:238-242
  • (DE) Werner, F. (1936) Reptilien und Gliedertiere aus Persien. Festschrift zum 60 Geburtstage von Prof. Dr. Embrick Strand, 2:193-202
  • (DE) Werner, F. (1938) Reptilien aus Iran und Belutschistan. Zool. Anz. 121:265-271
  • (DE) Wettstein, O. (1951) Ergebnisse der Ostereichischen Iran-Expedition 1949/1950, Amphibien und Reptilien. Versuch einer tiergeographischen Gliederung Iran auf Grund des Reptilien-verbreitung. Sitzungsber. Osterr. Acad. Wiss. Math.-Naturwiss. Kl. 160:427-428
  • (EN) Anderson, S. C. (1979) Synopsis of the Turtles, Crocodiles, and Amphisbaenians of Iran. Proceedings of the California Academy of Sciences, 4th Series. Vol XL1, No.22, pp. 501–52
  • (EN) Annadale, N. (1906) Testudo baluchiorum, a new species. Journal of the Asiatic Society of Bengal, Vol.11, No.3, pp. 75–76
  • (EN) Arbel, Avraham. (1984) Plants and Animals of the Land of Israel: an illustrated Encyclopedia, Vol. 5. Tel Aviv. (Trans. J. R. Buskirk)
  • (EN) Bird, C. G. (1936) The Distribution of Reptiles and Amphibians in Asiatic Turkey. Ann. Mag. Nat. Hist. Series 10, 18: 257-281
  • (EN) Blandford, W. T. (1876) Eastern Persia, an account of the journeys of the Persian Boundary Commission, 1870-1872. Vol.2, The Zoology and Geology. London, 516pp
  • (EN) Bodenheimer, F. S. (1935) Animal Life in Palestine. Jerusalem
  • (EN) Boulenger, G. A. (1889) Cat. of the Chelonians, Rhynchocephalians, and Crocodiles in the British Museum. London
  • (EN) Boulenger, G. A. (1920) Description of a new land tortoise from northern Persia. Journ. Bombay Nat. Hist. Soc. 27:251-252
  • (EN) Buskirk, James. (1966) Turtles of the Holy Land. Int. Turtle Soc. J. 1:20-23.
  • (EN) Chkhkvadze, V. M. (1970) On the origin of the modern Palaearctic land tortoises. Bull. Acad. Sci. Georgian S. S. r. 57(1):245-247
  • (EN) Flower, S.S. INCLUDE
  • (EN) Gaffney, E. S. (1972) An Illustrated Glossary of Turtle Skull Nomenclature. Amer. Mus. Noviates, No. 2486:1-33
  • (EN) Gaffney, E. S. (1975) A phylogeny and classification of the higher categories of turtles. Bull. Amer. Mus. Nat. Hist., 155(5):387-436
  • (EN) Gray, J. E. (1844) Catalogue of the tortoises, crocodiles and amphisbaenians in the collection of the British Museum. London, 289pp
  • (EN) Highfield, A. C. (1988) New size record for T. hermanni GMELIN 1789. The Rephiberary. Newsletter of ASRA (U.K) No.132: 5-6
  • (EN) Highfield A.C., Articles
  • (EN) Highfield, A. C. (1989) Notes on dietary constituents for Herbivorous terrestrial chelonia and their effects on Growth and Development. ASRA (U.K) Journal, Vol.3 (3):7-20
  • (EN) Jackson, C. G. and Trotter,J. (1976) Accelerated growth rate and early maturity in Gopherus agassizi (Reptilia: Testudines). Herpetologica 32:139-145
  • (EN) Lambert, M. R. K. (1982) Studies on the growth, structure and abundance of the Mediterranean spur-thighed tortoise, Testudo graeca in field populations. J. Zool. Soc. London, 196:165-189
  • (EN) Loveridge, A. and Williams, E.E. (1957) Revision of the African tortoises and turtles of the suborder Cryptodira. Bull. Mus. Comp. Zool. Harv. Coll. 115:163-557.
  • (EN) Mitochondrial haplotype diversity in the tortoise species Testudo graeca from North Africa and the Middle East (PDF), bmc.ub.uni-potsdam.de.
  • (EN) Mlynarski, M. (1966) Morphology of the shell of Agrionemys horsfieldii (Gray 1844) (Testudines, Reptilia). Acta. Biol. Cracovia IX:219-223
  • (EN) Nikolksi, A. M. (1915) Fauna of Russia and adjacent Countries; Reptiles, Vol.1. Chelonia and Sauria. Translation; Israel Prog. Sci. Trans. Jerusalem 1963, 352pp
  • (EN) Phylogenetic Relationships among the Species of the Genus Testudo, ingentaconnect.com.
  • (EN) Perälä J. 2001. Mophological variation among middle eastern Testudo graeca L., 1758 (sensu lato), with a focus on taxonomy. Chelonii, 3: 78-93
  • (EN) Peters, J. A. (1964) A Dictionary of Herpetology. Hafner,N. Y., 392pp
  • (EN) Pritchard, P. C. H. (1979) Encyclopedia of Turtles. T.F.H. Publications, New York.
  • (EN) RAPD variation in Mediterranean turtle Testudo graeca L., ingentaconnect.com.
  • (EN) Ridgway (1912) Color standards and color Nomenclature. Washington
  • (EN) Romer, A. S. (1956) The Osteology of Reptiles. University of Chicago Press
  • (EN) Pritchard, P. C. H. (1966) Notes on Persian Turtles. Brit. Journ. Herpetology. 3:271-275
  • (EN) Stubbs, D., Hailey, A., Tyler, W. and Pulford, E. (1981) Expedition to Greece; A Report. University of Lond. Union Nat. Hist. Soc.
  • (EN) Stubbs,D. et. al. (1984) Population ecology of European Tortoises: review of field techniques. Amphibia-Reptilia (5):57-68
  • (EN) Tuck, R. G. (1971) Amphibians and Reptiles from Iran in the United States National Museum Collection. Bull. Maryland Herpet. Soc. Vol 7, No.3:48-86
  • (EN) Stubbs, D. (1989) in The Conservation Biology of Tortoises.IUCN
  • (EN) ITIS Taxonomy of: Testudo graeca
  • (EN) Swingland, I. R. and Klemens, M. (eds.), (1989) The Conservation Biology of Tortoises. IUCN
  • (EN) Tristram, H. B. (1885). The Flora and Fauna of Palestine. Palestine Exploration Fund, London
  • (EN) Williams, E. E. (1950) Testudo cubensis and the evolution of Western Hemisphere tortoises. Bull. Amer. Mus. Nat. Hist. 94 (9) :505-562. ries, 31:417-498
  • (ES) Díaz-Paniagua, C., Andreu, A. C. (2005). Tortuga mora – Testudo graeca, Enciclopedia Virtual de los Vertebrados Españoles. Carrascal, L. M., Salvador, A. (Eds.). Museo Nacional de Ciencias Naturales, Madrid
  • (FR) Dumeril, A. M. C. and Bibron, G. (1835) Erpetologie General ou Histoire Naturelle complete des Reptiles. Tome.2. Paris
  • (FR) Gervais, P. (1836) Enumeration de quelques especes de Reptiles provenant de Barbarie. Ann. Sci. Nat. (2) vi. pp. 308–313
  • (FR) Khozatsky, L.I and Mlynarski, M. (1966) Agrionemys - nouveau genre de tortues terrestres (Testudinidae). Bull. Ac. Polon. Sci. (2):123-125
  • (FR) Lortet, L. (1887) Observations sur les Tortues Terrestres et Paludines du Bassin de la Mediterranee. Arc. Mus. Nat. Hist. Lyon, Tom. IV, pp. 1–26
  • (FR) Manouria Revue, N° 22 mars 2004
  • (FR) Nikolski, A. M. (1897) Les Reptiles, amphibiens, et poissons recueillis par M. N. Zarudny dans la Perse orientale. Ann. Mus. Zool. Acad. Imp. Sci. St. Petersbourg, 2:306-348
  • (FR) Nikolski, A. M. (1899) Reptiles, amphibiens, et poissons, recueillis pendant le voyage de M. N. A. Zarudny en 1898 dans la Perse. Ann. Mus. Zool. Acad. Imp. Sci. St. Petersbourg, 4:375-417. *(FR) Strauch, A. (1862b) Essai D'une Erpetologie de L'Algerie. Mem. L'Acad. Imp. Sci. St. Petersbourg. Tome IV, No.7
  • (FR) Zarudny, N. A. (1903) Les reptiles, amphibiens, et poissons de la Perse orientale. Zap. Imp. Russ. Geog. Obs. Geog. 36(3):1-42
  • De Grossi Mazzorin J., Minniti C., 2000: Alimentazione e pratiche religiose: il caso di due contesti monastici a Roma tra il XVI e il XVIII secolo, in Atti del 2º Convegno degli Archeozoologi Italiani, Asti 14-16 novembre 1997, Forlì, pp. 327–339
  • Dizionario universale economico rustico, Roma 1797. Vol.XXI pag.148 Voce: Tartaruga., tartaportal.it.
  • Zavattari, E. (1930). Erpetologia della Cirenaica. Arch. Zool. Ital. 14(2):263
  • (LA) Carolus Linnaeus (1758): Caroli Linnæi &2ptac; Systema naturæ per regna tria naturæ, secundum classes, ordines, genera, species, cum characteribus, differentiis, synonymis, locis, Stockholm
  • (LA) Peter Forskål (1775) Descriptiones Animalium; Avium, Amphibiorum, Piscium, Insectorum, Vermium. Heineck and Faber
  • (LA) Gmelin, J. F. (1789) Systema Naturae. Ed. 13. (3). Amphibia et Pisces. Leipzig
  • (LA) Nikolski, A. M. (1896) Diagnosis reptilium et amphibiorum novorum in Persia orientali a N. Zarudny collectorum. Ann. Mus. Zool. Acad. Sci. St. Petersbourg, 4:369-372
  • (LA) Pallas, P. S. (1814) Zoographia rosso-asiatica, sistens omnium Animalium in extenso Imperio rossico et adjacentibus Maribus observatorum Recensionem, Domicilia, Mores et Descriptiones, Anatomem atque Icones plurimorum. 3 Vols
  • (LA) Schoepff, J. D. (1792) Historia Testudinum iconibus illustrata. Erlangen.i-xii
  • (TR) Basoglu, M. (1977) Turkiye Surungenleri. Ege Universitesi Fen Fakultesi Kitaplar Serisi No. 76. pp. 191–223

Manualistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Guida alle tartarughe terrestri, Marta Avanzi - De Vecchi Editore, 2002 ISBN 88-412-7620-7
  • Il manuale di pronto soccorso per rettili, Marco Salvadori - Schiff Editore, 2001
  • Il grande libro delle tartarughe acquatiche e terrestri, Marta Avanzi e Massimo Millefanti De Vecchi Editore, 2003 ISBN 88-412-7651-7
  • Tartarughe terrestri, Fabrizio Pirotta - Editore: Il Sole 24 Ore Edagricole, 2001 ISBN 88-506-4361-6
  • Tartarughe terrestri europee, Ursula Campi - Primaris sas, 2000 ISBN 88-85029-59-0
  • Terrario facile, Valentina Fabris e Luciano di Tizio - Primaris sas
  • Terralog (in inglese e tedesco), Holger Vetter - Edition Chimaira ISBN 3-930612-57-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Filmati[modifica | modifica wikitesto]

Foto[modifica | modifica wikitesto]

Parchi faunistici, zoo[modifica | modifica wikitesto]

Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 27 luglio 2007 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci in vetrina in altre lingue  ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki

Rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili