Decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Testo unico sulla finanza)

Il Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, noto più semplicemente come Testo unico della finanza (abbreviato TUF) è la principale fonte normativa italiana in materia di finanza, emanato con il decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58, che ha sostituito la previgente normativa in materia.

È entrato in vigore il 1º luglio 1998.

Genesi e obiettivi[modifica | modifica sorgente]

Il Parlamento, con la legge comunitaria per il 1994 (legge 6 febbraio 1996 n. 52), agli articoli 8 e 21 delegava il governo ad emanare, entro due anni, un testo unico di coordinamento della normativa in materia di intermediazione finanziaria. A tal fine il Governo nominò una commissione tecnica presieduta dall'allora Direttore generale del Ministero del Tesoro Mario Draghi (per questo il Testo unico sulla finanza è talora ricordato come legge Draghi) che elaborò il progetto poi confluito nel d.lgs. 58/1998.

Le linee guida nella stesura del TUF sono state:

  • la realizzazione di una legislazione semplice in modo da fissare nella normativa primaria solo i principi generali, lasciando i dettagli tecnici ai regolamenti e, ove possibile, all'autoregolamentazione dei mercati e degli intermediari finanziari;
  • il rafforzamento dei meccanismi di governance delle società, precisando meglio i compiti dei diversi organi societari e specificando gli obblighi informativi, a tutela del mercato e degli azionisti di minoranza, senza, tuttavia, limitare l'autonomia contrattuale o impedire all'impresa di produrre ricchezza;
  • la creazione di una normativa italiana coerente e competitiva con quella dei Paesi dell'Unione europea, per non creare svantaggi competitivi ai danni delle imprese di investimento italiane.

Materie disciplinate[modifica | modifica sorgente]

Il testo unico disciplina in maniera organica le interazioni tra soggetti che operano sul mercato finanziario, regolando i principali aspetti dell'intermediazione finanziaria.

Sostanzialmente si tratta di un testo unico di coordinamento delle norme vigenti in materia di servizi di investimento nel settore dei valori mobiliari con le norme di recepimento delle direttive EUROSIM (con d.lgs. 23 luglio 1996 n. 415) e di riforma del diritto delle società quotate.[1]

Disposizioni comuni[modifica | modifica sorgente]

La Parte I sulle Disposizioni comuni contiene le definizioni giuridiche dei vari concetti utilizzati nel testo normativo e regola i rapporti con il diritto comunitario nonché indica la Consob come principale autorità competente in materia.

Sulla scorta di quanto già visto nel Testo Unico Bancario (TUB) del 1993 (in vigore dal 1º gennaio 1994), anche il testo unico finanziario fa una lunga lista di definizioni. L'importanza di queste è da attribuire al fatto che nello specifico della tematica finanziaria-giuridica ogni termine deve essere considerato con l'accezione definita per legge. La materia finanziaria è tuttavia creativa, per cui si possono avere definizioni considerabili alla stregua di macrocategorie, nelle quali far rientrare di volta in volta ciò che il mercato in continua evoluzione, elabora come nuovo strumento.

Norme in materia di vigilanza[modifica | modifica sorgente]

In primo luogo, viene sancita una divisione di compiti tra le due Autorità di vigilanza (Consob e Banca d'Italia) sulla base di differenti finalità. Alla prima è affidato il compito di sorvegliare sulla trasparenza dei mercati e delle negoziazioni e sulla correttezza degli intermediari. Alla seconda, invece, spettano la vigilanza sulla stabilità delle imprese di investimento ed i controlli prudenziali, anche sulle banche.

Infine, spetta alla Banca d'Italia stipulare accordi con le Autorità di vigilanza degli altri Paesi europei ai fini di creare le necessarie collaborazioni per una corretta sorveglianza dei gruppi operanti in più Stati membri dell'Unione europea.

Gruppo finanziario[modifica | modifica sorgente]

Per la prima volta viene regolamentati il cosiddetto gruppo finanziario, ad imitazione del gruppo bancario previsto dal TUB. Ai fini di vigilanza, la Banca d'Italia, sentita la Consob, ha il potere di definire due distinte nozioni di gruppo finanziario:

  • La prima rileva per la procedura autorizzativa delle Società di Intermediazione Mobiliare (SIM), allorché sia richiesto che essa appartenga ad un gruppo la cui struttura non sia tale da impedire l'effettivo esercizio delle vigilanza.
  • La seconda serve, invece, a delimitare i confini della vigilanza consolidata, introdotta, per le imprese di investimento, proprio dal TUF. In particolare, è previsto che la capogruppo sia l'unica interlocutrice dell'Autorità di vigilanza e che sia tenuta a trasmettere le istruzioni da questa ricevute alle società facenti parte del gruppo.

Società di gestione del risparmio (SGR)[modifica | modifica sorgente]

Una delle maggiori innovazioni del TUF è la creazione delle Società di gestione del risparmio (SGR), come intermediari finanziari autorizzati a svolgere il servizio di gestione di patrimoni mobiliari sia su base individuale sia su base collettiva. Nasce così anche in Italia la figura del gestore unico, già presente negli altri Paesi europei.

Privatizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Completando l'opera del Decreto Eurosim (d. lgs. 415/1996), che aveva privatizzato la Borsa Italiana, il Mercato Italiano dei Futures e il Mercato Telematico dei titoli di Stato, il TUF dà mandato al Ministero del Tesoro di trasformare il sistema di gestione centralizzata dei Titoli di Stato in una struttura privatistica, partecipata dagli operatori finanziari, e prevede la liberalizzazione della partecipazione al capitale della Monte Titoli S.p.A. e la cessione della quota in essa detenuta dalla Banca d'Italia.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Roberto Caparvi, Il mercato mobiliare italiano, Milano, FrancoAngeli, 2003

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dipartimento del Tesoro - Testo unico in materia di intermediazione finanziaria (T.U.I.F.)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]