Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Testo unico degli enti locali)
Jump to navigation Jump to search

Il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 (conosciuto e definito anche Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, abbreviato in TUEL o anche TUOEL) è una legge della Repubblica Italiana che stabilisce i principi e le disposizioni in materia di ordinamento degli enti locali italiani.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Tale decreto, raccoglie l'ordinamento istituzionale e contabile degli enti locali:

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il TUEL è composto da 276 articoli. Diviso in 4 parti, la prima parte ha 6 titoli, la seconda parte 8 titoli. La terza e quarta parte non hanno titoli come segue:

  • PARTE I - ORDINAMENTO ISTITUZIONALE
    • TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI
    • TITOLO II - SOGGETTI
    • TITOLO III - ORGANI
    • TITOLO IV – ORGANIZZAZIONE E PERSONALE
    • TITOLO V – SERVIZI E INTERVENTI PUBBLICI LOCALI
    • TITOLO VI - CONTROLLI
  • PARTE II – ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE
    • TITOLO I – DISPOSIZIONI GENERALI
    • TITOLO II – PROGRAMMAZIONE E BILANCI
    • TITOLO III – GESTIONE DEL BILANCIO
    • TITOLO IV - INVESTIMENTI
    • TITOLO V - TESORERIA
    • TITOLO VI – RILEVAZIONE E DIMOSTRAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE
    • TITOLO VII – REVISIONE ECONOMICO-FINANZIARIA
    • TITOLO VIII – ENTI LOCALI DEFICITARI O DISSESTATI
  • PARTE III – ASSOCIAZIONI DEGLI ENTI LOCALI
  • PARTE IV – DISPOSIZIONI TRANSITORIE ED ABROGAZIONI

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Principali novità[modifica | modifica wikitesto]

Tra le novità introdotte dal TUEL, ricordiamo:

  • il potenziamento delle competenze dirigenziali estese, tranne in alcuni casi, a tutti gli atti di gestione e a quelli di natura amministrativa;
  • l'attribuzione agli enti locali di una più ampia autonomia per la disciplina della selezione del personale;
  • l'estensione degli spazi di partecipazione popolare ai cittadini dell'Unione europea e agli stranieri soggiornanti regolarmente.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 dello Stato Italiano.