Formattazione del testo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Testo formattato)

La formattazione del testo è il procedimento di strutturazione e decorazione grafica che rende un testo puro adeguato alla stampa su libri, periodici o quotidiani o alla visualizzazione su supporti digitali come i documenti dei programmi di videoscrittura, siti web o libri elettronici.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La formattazione si compone solitamente di più livelli. La strutturazione consiste della suddivisione del testo in unità logiche, come i capitoli, i paragrafi, i capoversi o le liste, puntate o numerate, o le note a pié di pagina. La decorazione assegna uno stile di presentazione agli elementi del testo, decidendo ad esempio il rientro dei paragrafi, la suddivisione in pagine e le caratteristiche dei caratteri: tipi, dimensioni, grassetti, corsivi, interlinee, apici e pedici, ecc. Nel caso particolare di ipertesti è presente un terzo livello di formattazione, oltre a questi primi due: quello dei collegamenti che costituiscono rinvii ad altri ipertesti.

Nell'era dell'informazione, all'inizio della diffusione di Internet, erano di uso comune alcune convenzioni di formattazione per l'utilizzo di strumenti di comunicazione come e-mail, LISTSERV, Usenet, ecc.:[1][2]

  • fra asterischi per dare enfasi: La nuova stampante si era *bloccata* un'altra volta.
  • fra trattini bassi per sottolineare: La nuova stampante si era _bloccata_ un'altra volta.
  • fra trattini bassi per citare il titolo di un libro: Per avere un'idea del Software Libero si può iniziare leggendo il libro _Codice_Libero_.
  • in maiuscolo per i titoli: CAPITOLO 1: PER VOLONTA' DI UNA STAMPANTE
  • in maiuscolo per urlare: La nuova stampante si era BLOCCATA un'altra volta.
  • con spazi La nuova stampante si era b l o c c a t a un'altra volta.[senza fonte]

Oggi sono disponibili numerose applicazioni per leggere, scrivere e modificare testo formattato (vedi Infra).

Utilizzo di un linguaggio di markup[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Linguaggio di markup.

Qualora non sia possibile formattare il testo con strumenti opportuni predefiniti e semplificativi[In che senso?] è possibile utilizzare un linguaggio di markup (il più noto di essi è l'HTML) che produce gli stessi risultati anche se presenta l'inconveniente di una complessità di scrittura in genere più elevata. La stessa Wikipedia, nella modifica delle pagine tramite l'editor di testo, utilizza un linguaggio di markup molto semplificato interpretato dal software MediaWiki.

Un essere umano potrebbe trovare più o meno comprensibile un certo testo formattato a seconda della complessità del linguaggio di markup in cui il testo è scritto. Esistono linguaggi di markup leggeri che consentono di scrivere testo formattato estremamente semplice da comprendere perché differisce poco dal relativo testo puro. In altri casi (SGML, XHTML, DocBook, ...) la complessità è così alta che una persona deve prima studiare il linguaggio stesso per essere in grado di comprendere il significato del relativo testo formattato.

Leggere, scrivere e modificare[modifica | modifica wikitesto]

Per scrivere del testo formattato è possibile usare editor di testo puro, come Blocco note o gedit, e aggiungere le informazioni di stile utilizzando un particolare linguaggio di markup, in cui per ciascuna informazione esiste un marcatore specifico (tag). Un software di visualizzazione, in grado di comprendere il linguaggio di markup, non visualizzerà i tag, ma mostrerà il testo puro presentandolo nello stile indicato dai tag.

Per "nascondere" la complessità del linguaggio di markup alcuni editor di testo puro si sono evoluti[Da soli?]: mostrano il testo formattato come se fosse testo puro. Se l'utente vuole aggiungere un'informazione di stile (per esempio mettere delle parole in grassetto) è l'editor stesso che gestire la complessità del linguaggio di markup aggiungendo o togliendo i relativi marcatori (tag) dal "sottostante" testo formattato.

Tale approccio teso a nascondere la complessità è seguito anche dagli editor WYSIWYG. Alcuni di essi, però, non permettono di salvare il testo in un file di testo puro o in un formato aperto, ma consentono di salvare il testo (che sembra testo puro) solo in un file binario o comunque codificato in un formato proprietario. In quest'ultimo caso, pertanto, il testo formattato non è direttamente disponibile ad un essere umano, ma è leggibile e modificabile solo a patto di possedere quel particolare editor WYSIWYG.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2.1.1 Per i messaggi di posta (e-mail), bertola.eu.
  2. ^ (EN) Arlene Rinaldi, The Net: User Guidelines and Netiquette, courses.cs.vt.edu.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica