Test di Finkbeiner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il test di Finkbeiner è un test individuale proposto dalla giornalista Christie Aschwanden relativo al sessismo nei mass media. Basato sul test di Bechdel, Aschwanden propone di verificare se un articolo che descrive una scienziata menzioni:

  • il fatto che sia una donna
  • il mestiere del marito
  • come riesca a gestire i figli
  • come promuova le sue studentesse
  • come sia stata stimolata dalla competitività nel campo
  • come sia stata un modello per altre donne
  • come sia stata "la prima donna a..."

Il nome del test deriva dalla giornalista Ann Finkbeiner, a cui era stato affidato il compito di stilare per Nature il profilo di una astronoma.[1] Il test è stato ripreso dalla stampa per criticare alcuni articoli del New York Times.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Curtis Brainard, ‘The Finkbeiner Test’, su Columbia Journalism Review, 22 marzo 2013.
  2. ^ (EN) Robbie Gonzalez, The New York Times fails miserably in its obituary for rocket scientist Yvonne Brill, su io9, 31 marzo 2013.
  3. ^ (EN) Theo Schall, Problems With How We Talk About Female Scientists, su Berman Institute Bioethics Bulletin, 13 maggio 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]