Terza guerra carnatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Terza guerra carnatica
parte della guerra dei sette anni e delle guerre carnatiche
Ruines de Pondichery en 1762.jpg
Le rovine di Pondicherry dopo le distruzioni operate dai britannici
Data1756-1763
LuogoCarnatic e Bengala, India
EsitoTrattato di Parigi:
  • restituzione alla Francia delle proprie stazioni commerciali
  • rinuncia della Francia ad amministrare i territori, cedendo il controllo dell'India alla Gran Bretagna
Schieramenti
Comandanti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La terza guerra carnatica o terza guerra del Karnataka (1756-1763) fu uno scontro combattuto nel teatro indiano durante la guerra dei sette anni e come parte della terza delle guerre carnatiche che portarono al predominare degli inglesi sulle coste orientali del subcontinente indiano.

Lo scoppio della guerra dei sette anni in Europa nel 1756 riaccese le ostilità tra francesi e inglesi anche in India. La terza guerra carnatica spostò il conflitto dall'India meridionale sino al Bengala dove le forze inglesi catturarono l'insediamento francese di Chandernagore (odierna Chandannagar) nel 1757. Ad ogni modo, la guerra si decise perlopiù con azioni militari a sud dello stato dove gli inglesi riuscirono a difendere con successo Madras, e dove Sir Eyre Coote sconfisse definitivamente i francesi, comandati dal conte di Lally nel corso della battaglia di Wandiwash nel 1760. Dopo la sconfitta a Wandiwash, la capitale francese in India, Pondicherry, cadde nelle mani degli inglesi nel corso di un assedio nel 1761.[1]

La guerra si concluse con la firma del trattato di Parigi nel 1763 che restituì Chandernagore e Pondicherry alla Francia, permettendo ai francesi di disporre delle "fabbriche" (stazioni commerciali) in India, ma proibì nel contempo a loro di amministrarne i territori. I francesi si accordarono per supportare il governo inglese, ponendo quindi così fine alle ambizioni francesi nel costruire un impero coloniale in India e rendendo la Gran Bretagna la potenza dominante in India.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Naravane, M.S. (2014). Battles of the Honorourable East India Company, A.P.H. Publishing Corporation. ISBN 9788131300343, pp. 150–159

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Naravane, M.S. (2014). Battles of the Honorourable East India Company, A.P.H. Publishing Corporation. ISBN 9788131300343