Terra da fonderia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La terra da fonderia è una terra che viene usata in fonderia per la preparazione delle forme transitorie, cioè dei contenitori entro cui viene colato il metallo fuso per la produzione di getti.

È costituita da un impasto naturale o sintetico di sabbia silicea, di agglomerante (argilla, bentonite, cemento, silicato di sodio o di etile, resina, olio di lino, catrame, melasso, ecc.) e di acqua.

Le caratteristiche di una terra sono:

  • plasticità e coesione: deve assumere correttamente la forma impressa dal modello e mantenerla durante la colata
  • porosità o permeabilità: deve lasciarsi attraversare dai gas che si formano durante la colata
  • refrattarietà: deve resistere alle elevate temperature di colata
  • sgretolabilità: deve essere in grado di rompersi facilmente dopo il raffreddamento del pezzo

Le terre debbono rispondere ai requisiti:

  • della purezza in quanto le impurità pregiudicano le proprietà: l'ossido di ferro e l'ossido di alluminio diminuiscono la refrattarietà, i carbonati di calcio e magnesio ed i sali di potassio diminuiscono la coesione a caldo.
  • dell'equilibrio contenuto dei componenti (silice, agglomerante, acqua) in quanto da questo dipende la refrattarietà, la resistenza, la permeabilità.

La terra di fonderia è molto usata nelle industrie, perché non è una lavorazione molto costosa

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 46133