Terra brigasca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terra Brigasca
Terra Brigasca (in italiano)
Pays brigasque (in francese)
Tera brigašca (in brigasco)
Stati Italia Italia
Francia Francia
Lingue Dialetto brigasco, italiano, francese
Flag of Tera Brigasca.svg
La bandiera della Terra brigasca

La Terra brigasca o Paese brigasco (Tera brigašca in dialetto brigasco, Pays brigasque in francese) viene da alcuni identificata come un'area etno-linguistica situata sulle Alpi marittime, al confine tra Francia e Italia e suddivisa tra le province di Cuneo e Imperia, ed il dipartimento delle Alpi Marittime.

La Terra brigasca[modifica | modifica wikitesto]

La posizione della Terra brigasca oggi, fra Francia e Italia

Centro di questa piccola area è Briga Marittima (Briga fino a 1865; La Brigue in francese), che con circa 500/600 abitanti è il borgo più grande ed ospita la stragrande maggioranza della popolazione brigasca; il centro fu capoluogo del comune di Briga Marittima (che comprendeva anche l'attuale Briga Alta), fino al 12 ottobre 1947, quando dalla neonata repubblica italiana, passò alla restaurata repubblica francese.

La posizione della Terra brigasca fino al 1947 solo in Italia

Il brigasco e la Terra brigasca[modifica | modifica wikitesto]

In tutto il territorio si parla il dialetto brigasco, una variante del ligure affine ad altre varietà della Val Roia (roiasco).

Vedi: brigasco.

Diffusione dei brigaschi[modifica | modifica wikitesto]

I brigaschi, ossia le persone che abitano l'area di dialetto brigasco sono circa 700/800, così distribuite:

In Francia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Parentela linguistica[modifica | modifica wikitesto]

Parlate ligure a Francia e Monaco

     + Figun (Alpes-Maritimes)

     + Figun (Var)

     Roiasco

     Tendasco (Roiasco)

     Brigasco (Roiasco)

     Monegasco

     Ligure coloniale (Bonifacio)

Dialetti liguri in territorio francese si parlavano, oltre che in val Roia (Briga, Tenda, Saorgio, Breglio, Fontan) importati dalla zona di Oneglia nel corso del sec. XV, più a est in località come Biot, Vallauris, Mons ed Escragnolles. Ancora di tipo schiettamente ligure (intemelio) è la varietà monegasca, lingua nazionale del Principato di Monaco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Garibaldi, Tra Centa e Roia, Imperia 2005
  • Pierleone Massajoli - Roberto Moriani Dizionario della cultura brigasca (Disiunari da cultüra brigašca), Alessandria 1991, Edizioni dell'Orso

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]