Terminologia numismatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa voce è un insieme di brevi definizioni di termini propri dalla numismatica.

La numismatica (antico greco: νομισματική) è lo studio scientifico del denaro e della sua storia in tutte le sue varie forma. In genere i numismatici studiano prevalentemente le monete, tuttavia la disciplina include anche lo studio delle banconote, certificati azionari, medaglie e, più in generale, di tutti i mezzi di pagamento e degli oggetti monetiformi.

Monete[modifica | modifica wikitesto]

I termini seguenti si riferiscono prevalentemente alle monete o ad altre forme di denaro metallico.


Indice
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V Z
FontiAltri progetti

A[modifica | modifica wikitesto]

Æ
sigla usata per indicare monete in rame o bronzo. Dal latino Aes, con questo significato.
Acciaio inossidabile
una lega di ferro, carbonio e altro che previene la formazione della ruggine.
Acmonital
(acciaio monetario italiano): una lega usata in Italia per la coniazione delle monete.
Affrontato
termine usato per indicare due figure poste una di fronte all'altra.
al pezzo
l'espressione si usa quando il peso del tondello è verificato singolarmente. Se si conta il numero dei tondelli prodotti da una data quantità di metallo si usa l'espressione "al marco".
Anepigrafo
moneta o (faccia) in cui è rappresentato esclusivamente il tipo senza legenda.
AR
sigla usata per indicare monete in argento. Dal latino argentum. In chimica il metallo è invece indicato con Ag.
Asse del conio
rapporto tra la posizione del dritto e rovescio: misura la differente angolazione tra l'asse del dritto e quello del rovescio. Si misura in gradi o in ore del quadrante dell'orologio
AV
sigla usata per indicare monete in oro. Dal latino aurum, scritto AVRVM. In chimica il metallo è indicato con Au.

B[modifica | modifica wikitesto]

BI
sigla usata per indicare monete in biglione (v. sotto).
Biga (o quadriga) veloce
è comunemente in uso tra i numismatici per indicare una biga al galoppo, mentre l'espressione biga (o quadriga) lenta è usata se i cavalli sono al passo.
Biglione
una lega di argento con meno del 50% di metallo pregiato; a volte lo stesso termine è usato anche per indicare l'oro a bassa caratura.
Bordo
margine della moneta leggermente in rilievo.
Bratteato
sottile moneta d'argento battuta solo su una faccia
Bronzital
lega di bronzo composta da rame e alluminio usata nelle monete italiane
Bronzo
lega di rame con zinco e stagno.

C[modifica | modifica wikitesto]

Campo
lo spazio della faccia della moneta libero da immagini e legende
Carato
unità di misura pari a 0,2 grammi, cioè 1/24 di oncia. Viene usato per quantificare le parti di oro in una lega. Un carato equivale a una parte di oro su 24: 18 carati è pari a 750/1.000 di fino.
Centum 
termine latino per indicare un centesimo dell'unità monetaria. In inglese cent, italiano centesimo, altre lingue centavos, centimos, centesimos, centimes.
Collare
anello esterno usato nel processo di coniazione che tiene fermo il tondello mentre viene colpito dagli altri conii. A volte reca un terzo conio.
Conio
Il pezzo metallico con l'impronta, usato per coniare le monete.
Contorno
margine della moneta che spesso contiene lettere o altre decorazioni.
Contromarca
Lettera o altro punzonato su una moneta per cambiare il valore, il nome dell'autorità che emette. Sono punzonate anche monete che fanno parte di alcune collezioni rinascimentali.
Corona
Moneta di grande modulo, prevalentemente coniata in metallo prezioso.
Corso legale
Moneta, o più in generale valuta che deve essere accettata in pagamento.

D[modifica | modifica wikitesto]

Data Alterata
Data falsa messa su una moneta per frodare i collezionisti, di solito per renderla di maggior valore.
Divisa
Schema o emblema usato nel disegno di una moneta.
Difetto di conio
Imperfezione di vario tipo causata da un conio danneggiato.
Double Eagle
moneta d'oro degli Stati Uniti da 20 dollari.
Doblone
Nome popolare di monete d'oro spagnole dal valore di un doppio scudo d'oro.
Dollaro spagnolo
Espressione usata in ambito anglosassone per indicare il pezzo da 8, la moneta d'argento da 8 reales coniata dalla Spagna e dalle sue colonie dal 1497 al 1864.
Dritto (o diritto)
Faccia della moneta con la figura più importante. Opposto al rovescio. Non sempre è chiaro quale sia il dritto. Nelle monete antiche in genere si considera dritto il lato impresso dal conio di incudine e quindi convesso.

E[modifica | modifica wikitesto]

Eagle (aquila)
Moneta d'oro degli Stati Uniti del valore di 10 dollari. Lo stesso nome è usato per le monete di pari valore emesse dopo il 1986 in lega meno pregiata.
Effigie
L'immagine raffigurata di una persona (o più).
Electrotype
Riproduzione di una moneta, eseguita con il processo di elettrodeposizione, spesso usata nelle mostre.
Elettro
Lega naturale di oro e argento. Usata nelle prime coniazioni dell'Asia minore. Abbreviata con El.
Errore di conio
Uno degli errori che può presentare una moneta, può essere dovuto a varie cause.
Esergo
Sezione inferiore della moneta, separata dal tipo principale della moneta, in essa sono situati: il valore, la data o l'etnico, ecc.
Etnico
nelle monete greche era riportato non il nome della città ma quello della popolazione, di norma al genitivo plurale (dei Siracusani, dei Napoletani, ecc.).

F[modifica | modifica wikitesto]

Finezza
purezza del contenuto del metallo prezioso espressa in millesimi. Anche titolo.
Fronte
faccia principale di una banconota. Di norma riporta le indicazioni dell'autorità emittente.

G[modifica | modifica wikitesto]

Gettone
(Token coin) pezzo monetiforme coniato da un privato che può essere usato in cambio di beni o servizi.

H[modifica | modifica wikitesto]

I[modifica | modifica wikitesto]

Ibrido
Moneta battuta con due conii non previsti a essere usati assieme.
Impronta
l'insieme del tipo e della legenda, che costituisce quindi il disegno completo di una faccia della moneta.
Incisore
Persona che incide l'immagine in un conio.
Incuso
parte del disegno della moneta che è incavato sotto il livello della superficie.

J[modifica | modifica wikitesto]

K[modifica | modifica wikitesto]

Klippe
termine tedesco che indica monete, per lo più di necessità, battute usando tondelli poligonali, tagliati in modo a volte irregolare da lastre metalliche. In genere hanno quattro o più lati.

L[modifica | modifica wikitesto]

Laureato
testa con corona d'alloro.
Lega
Miscela omogenea di due o più elementi, in cui il composto finale ha proprietà metalliche.
Legenda
lettere e parole presenti sulla moneta; assieme al tipo forma l'impronta.
Lingotto
metallo prezioso (platino, oro e argento) in varie forme, per lo più parallelepipedo, valutata a peso.

M[modifica | modifica wikitesto]

Metallo monetario
il metallo usato per battere moneta. I più frequenti sono argento (AR), oro (AV o AU) e bronzo (AE o Æ). Nella monetazione moderna sono usate leghe speciali.
Millesimo
anno di coniazione di una moneta.
Modulo
diametro di una moneta, comunemente espresso in millimetri; per le monete non circolari di norma si riporta il diametro maggiore.
Moneta anepigrafa
monete (o faccia) su cui non è presente la legenda
Moneta bimetallica
moneta il cui tondello è composto da due o più metalli.
Moneta d'imitazione
moneta coniata da una zecca copiando quella di un'altra più famosa, pratica diffusa sia nell'antichità sia nel Medioevo.
Moneta fusa
moneta prodotta colando metallo in uno stampo.
Moneta ossidionale
moneta di emergenza coniata durante un assedio (dal lat. obsidium, assedio)
Monetazione
il sistema monetario di uno stato o di una comunità omogenea da un punto di vista culturale, storico, ecc.
Motto
Frase o insieme di parole che descrivono motivazioni o intenzioni di un gruppo o di un'organizzazione.
Monofacciale
vedi Uniface

N[modifica | modifica wikitesto]

Notgeld
denaro di emergenza o di necessità (tedesco)

O[modifica | modifica wikitesto]

Oro nordico
lega usata nelle monete 10, 20 e 50 euro-cent

P[modifica | modifica wikitesto]

Patina
pellicola superficiale causata dall'ossidazione, usualmente verde o marrone che si trova per lo più su monete d'argento o di bronzo.
Pegaso
nome attribuito comunemente alla monete coniate dalla città di Corinto, con l'immagine di Pegaso in volo al dritto e Atena al rovescio, e alle monete coniate da altre città greche con gli stessi tipi e le stesse caratteristiche ponderali.
Peso monetario
peso di bronzo od ottone usato per verificare il peso delle monete. Porta l'indicazione della moneta da verificare.
Piede
numero di pezzi che possono essere prodotti con una certa quantità di metallo (prezioso).
Piedfort
Parola francese che indica una moneta coniata su un tondello più spesso del solito.
Proof
(o "fondo a specchio") - moneta il cui tondello prima della coniazione viene lucidato e viene battuta usando conii di particolare qualità. Si tratta di una produzione indirizzata ai collezionisti.
Prova
(Essay) - tondello che viene battuto per verificare il disegno di una nuova, prima di cominciarne la produzione.
Punzone
asta di metallo che reca all'estremità una lettera o un segno in positivo che è usato per imprimere il disegno della moneta su un conio.

Q[modifica | modifica wikitesto]

Quadriga veloce
vedi biga

R[modifica | modifica wikitesto]

Retro
faccia di una banconota, opposta a fronte (v.)
Riconiaggio
una moneta battuta con un conio originale ma in una data successiva all'emissione originale. Il tallero di Maria Teresa è forse l'esempio più noto.
Ricottura
riscaldamento di una moneta a temperatura inferiore a quella di fusione, seguito da lento raffreddamento, per ridurre tensioni residue interne
Rigatura
un insieme di piccole righe presenti sul bordo di alcune monete.
Rilievo
parte del disegno di una moneta che è più in alto rispetto al campo.
Rovescio
faccia opposta al dritto (v.)

S[modifica | modifica wikitesto]

Saggio (Assay
Test per accertare il peso e la purezza di una moneta.
Scala di Mionnet
scala ideata da Mionnet per misurare il modulo delle monete.
Scultore
Artista che ha creato il disegno della moneta.
Segno di zecca (o marchio di zecca) 
Lettera o simbolo usata per indicare in quale zecca è stata coniata la moneta.
Sequenza dei conii 
Metodo, introdotto da Friedrich Imhoof-Blumer, per ricostruire la datazione relativa della monete. Si basa sull'analisi dei conii.
Serie
Insieme di monete coniate con uno specifico disegno e valore.
Serie annuale
Insieme di monete emesse in una specifica annata, contenente un esemplare di ogni denominazione di quell'anno.
Sovrabattitura
coniazione usando una moneta precedentemente coniata anziché un tondello. L'analisi delle sovrabattiture è uno dei metodi usati per valutare la datazione reciproca delle monete.

T[modifica | modifica wikitesto]

Tipo
il disegno originale che distingue la moneta; assieme alla legenda forma l'impronta.
Tipo parlante
tipo presenta un disegno che richiama il nome della comunità (una rosa (rhodon) per Rodi).
Titolo
percentuale di metallo prezioso presente nella moneta.
Tondello
disco metallico liscio preparato a ricevere l'impronta del conio.
Tosatura
pratica con cui si asporta parte della moneta allo scopo di impossessarsi di metallo prezioso.

U[modifica | modifica wikitesto]

Unicum 
termine latino usato per indicare un pezzo di cui non si conosce un altro esemplare.
Uniface 
termine inglese per indicare una moneta (o oggetto monetiforme) impresso solo su un lato. Lo stesso termine è usato anche per le banconote. Anche monofacciale e bratteato.

V[modifica | modifica wikitesto]

Valore intrinseco
Valore del metallo prezioso contenuto in una moneta.
Varietà
Disegno di una moneta o gruppo di monete che lo differenzia dalle altre della stessa serie.
Varietà di conio
Alterazione minore nel disegno del conio durante la sua vita.

X[modifica | modifica wikitesto]

Y[modifica | modifica wikitesto]

Z[modifica | modifica wikitesto]

Zecca
laboratorio o officina per la fabbricazione di monete.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Numismatica Portale Numismatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Numismatica