Terminale (telecomunicazioni)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Nelle telecomunicazioni, un terminale, o apparato terminale, è l'apparecchiatura, costituita da un monitor, una tastiera e una stampante, usata per trasmettere o ricevere dati da un sistema di elaborazione o trasmissione con cui è collegata[1]. Il terminale è il dispositivo ultimo con cui l'utilizzatore finale si interconnette e interagisce con la rete per la trasmissione dei dati[2].

Tipici esempi di apparati terminali sono gli apparati telefonici, sia fissi che mobili; i dispositivi per l'accesso diretto alla rete dati come computer e tablet collegati a Internet o genericamente in rete (es. LAN); i televisori o le rice-trasmittenti radiofoniche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuliano Vigini, Glossario di biblioteconomia e scienza dell'informazione, Milano 1985, pag. 101.
  2. ^ Definizione legislativa dal sito del Ministero italiano per lo Sviluppo Economico

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Telecomunicazioni Portale Telecomunicazioni: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di telecomunicazioni