Terminale (software)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Terminale (applicazione))
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la categoria di applicazioni che emulano terminali testuali, vedi Terminale virtuale.
Terminale
Logo
Finestra di Terminale 2.2 di macOS
Finestra di Terminale 2.2 di macOS
Sviluppatore Apple Inc.
Ultima versione 2.7.1 (388)
Sistema operativo macOS
Linguaggio C
Objective-C
Genere Terminale
Licenza Fornito con macOS
(licenza non libera)
Sito web www.apple.com/it

Terminale è un'applicazione sviluppata da Apple Inc. per il suo sistema operativo macOS. È un emulatore di terminale e, come nei sistemi operativi Unix-like, permette all'utente di interagire con il sistema attraverso una interfaccia a riga di comando.

Come ogni emulatore di terminale, l'applicazione offre un accesso, basato su riga di comando, al sistema operativo, in contrasto con la natura grafica di macOS.

Le opzioni disponibili sono: ansi, dtterm, nsterm, rxvt, vt52, vt100, vt102, xterm, xterm-16color and xterm-256color.

Terminale è spesso utilizzato per illustrare la differenza tra Classic e il nuovo macOS, sviluppato sulla base del sistema operativo Darwin.

La riga di comando[modifica | modifica wikitesto]

In generale, la riga di comando aperta tramite Terminale supporta le shell standard dei sistemi Unix-like, tra cui bash, rsh, tcsh, sh, csh e zsh ed inoltre è utile per svolgere alcuni compiti non eseguibili con l'interfaccia grafica, come impostare delle preferenze nascoste.

Di default, la linea di comando non può eseguire applicazioni appartenenti all'X Window System. Comunque sono disponibili diverse alternative, come X11, Fink o XDarwin. Recentemente, i server X.Org forniscono supporto in upstream per macOS. Questo permette all'utente di usare ogni emulatore di terminale disponibile di cui si è fatto il porting (come xterm).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Apple Portale Apple: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Apple