Teoria del passaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

La teoria del passaggio (in inglese gateway drug theory) è la teoria secondo cui l'uso di alcune sostanze stupefacenti predisponga al futuro consumo di altre sostanze illecite. Ciò si ritiene sia dovuto a fattori biologici (alterazioni a livello del sistema nervoso), psicologici (vulnerabilità) e sociali (contatto con ambienti illeciti).[1] Molto più comunemente però si riferisce alla teoria secondo cui l'utilizzo di droghe "leggere" come quelle derivate dalla cannabis[2] aumenterebbe la probabilità di un futuro uso delle droghe così dette "pesanti" ovvero di sostanze più dannose e capaci di creare dipendenza come eroina, morfina o cocaina.

Casi tipici[modifica | modifica wikitesto]

Il concetto fondante della teoria è che l'uso di una sostanza ricreativa possa predisporre al futuro uso di sostanze illecite sempre più potenti e pericolose, e che quindi il passaggio da una sostanza stupefacente ad un'altra non sia casuale ma mostri un trend tipico. La teoria è stata chiaramente dimostrata non solo nel caso delle droghe "pesanti" ma anche per altre sostanze ricreative come alcol, nicotina, cannabis ed energy drinks.[1][3] È doveroso sottolineare che maggiore predisposizione non è sinonimo di certezza dell'utilizzo, ma di una maggiore probabilità che dipende oltre che dalla sostanza, anche da fattori personali e dal contesto sociale.

A titolo di esempio, uno studio condotto negli USA su 14,577 ragazzi ha mostrato che i maggiori utilizzatori di bevande alcoliche e i binge drinkers hanno una maggiore probabilità di utilizzare in futuro tabacco, marijuana o altre sostanze illecite; gli adolescenti che fumano sigarette hanno una probabilità tra 15 e 80 volte maggiore di provare sostanze illecite rispetto a coloro che non fumano regolarmente;[4] l'uso regolare di cannabis è associato ad un rischio 2 volte maggiore di fare misuso di alcol;[5] curiosamente, le e-cig sono state dimostrate essere un gateway verso le sigarette nei soggetti che non hanno mai fumato.[6]

Caso della cannabis[modifica | modifica wikitesto]

La teoria del passaggio, così come è nota ai più, nacque negli Stati Uniti negli anni '30 quando il Federal Bureau of Narcotics promosse una campagna a favore del proibizionismo della cannabis, indicandola come la responsabile di diversi casi di dipendenza da narcotici. Questa teoria è stata oggetto di critiche e nel corso degli anni ha generato ampi dibattiti per verificarne la reale fondatezza scientifica.[7]

Studi condotti su cavie e più recentemente su esseri umani, hanno mostrato come l'uso di marijuana aumenti i recettori della dopamina, un neurotrasmettitore implicato nella ricerca di stimoli piacevoli, e ciò potrebbe potenzialmente predisporre alcuni soggetti all’uso di altri stupefacenti.[8] Tuttavia, ampi studi hanno dimostrato che la cannabis non causa il passaggio all'uso di droghe pesanti: nella grande maggioranza dei consumatori (adulti e saltuari) essa è una fine, anziché una droga di passaggio; la probabilità che qualcuno approdi verso altre droghe illegali è determinata più da inclinazioni personali e situazioni sociali (contesto criminale associato all'utilizzo di cannabis) piuttosto che dal precedentemente uso di cannabis.[9]

Benché maggioranza dei consumatori adulti e saltuari sia quindi esule dal "passaggio", questo rischio esiste in adolescenza quando il cervello, ancora in sviluppo, è più sensibile agli effetti delle sostanze psicotrope: è stato dimostrato come l'uso della cannabis in adolescenza possa sovra-stimolare ed alterare le strutture del piacere e della ricompensa nel cervello, aumentando la successiva suscettibilità all'uso di sostanze stupefacenti.[10] Secondo i risultati di uno studio, coloro che hanno fatto uso di cannabis prima dei 17 anni sono dalle 2 alle 5 volte più soggetti a fare uso di droghe pesanti.[11]

Un report pubblicato nel 2020 dal National Institute on Drug Abuse (USA) sulla base dei risultati di una ampia indagine, ha stabilito che l'uso di cannabis in alcuni casi "può predisporre all'uso di altre sostanze stupefacenti, sia lecite che illecite" e che "gli adulti consumatori di cannabis hanno una maggiore probabilità, rispetto a chi non ne fa uso, di sviluppare un disturbo da uso di alcol".[12] Lo stesso report sottolinea anche che un rischio simile è associato all'utilizzo di Nicotina e all'Alcool.

Il rapporto La Guardia[modifica | modifica wikitesto]

Che la marijuana non conducesse all'uso di droghe pesanti era tra i risultati pubblicati nel 1944 dal famoso Rapporto La Guardia (La Guardia Marijuana Committee), commissionato dal sindaco di New York Fiorello La Guardia per verificare le asserzioni dell'FBN riguardo ai presunti danni provocati dal fumo di cannabis. Esso evidenziò come la marijuana non fosse causa di violenza ma potesse addirittura essere un farmaco contro le dipendenze da alcool o eroina[13]. Harry Anslinger, capo dell'FBN, denunciò il sindaco Fiorello La Guardia, la New York Academy of Medicine e i medici che per anni avevano lavorato alle ricerche per il rapporto, dichiarando che non avrebbero fatto più esperimenti e studi sulla marijuana senza un suo permesso personale, pena l'arresto per infrazione delle leggi sugli stupefacenti[14].

Usando il potere di Ufficiale del Governo degli Stati Uniti fece fermare, fra il 1944 e il 1945, ogni ricerca in corso sui derivati della cannabis e incaricò la American Medical Association di prepararne una che rispecchiasse le posizioni governative. Va notato che nel 1937 la A.M.A. si era opposta al passaggio del Marijuana Tax Act. Nel 1939 però circa 3.000 membri dell'Associazione vennero arrestati dagli agenti del Federal Bureau of Narcotics di Anslinger, incaricati di perseguire i dottori che prescrivevano narcotici per quelli che egli giudicava scopi illeciti: alla fine del 1939 la American Medical Association stipulò un accordo con Anslinger e nel corso dei dieci anni successivi, dal 1939 al 1949, solo tre medici furono accusati per utilizzo di droghe illecite[14].

Lo studio condotto dalla A.M.A. su richiesta personale di Anslinger, fra il 1944 e il 1945, doveva smentire quanto dichiarato precedentemente nel Rapporto La Guardia: vi si trovano asserzioni come "del gruppo sperimentale, 34 erano negri e uno era bianco; quelli che fumavano marijuana divenivano irrispettosi dei soldati bianchi e degli ufficiali durante la segregazione militare"[14][15].

Si sarebbe dovuto attendere il 1972 affinché la stessa fonte istituzionale che aveva fabbricato e diffuso tutta la serie di voci scientificamente infondate sulla cannabis (la Casa Bianca, nella figura della Commissione Shafer) ammettesse che "quei racconti erano ampiamente falsi" e che "se si esamina accuratamente la documentazione, non si trova conferma dell'esistenza di una relazione causale tra l'uso di marihuana e l'eventuale uso di eroina".[16] Veniva quindi palesemente dichiarato che il bando sulla cannabis era stato attuato e sussisteva "senza che nessuna ricerca seria e completa fosse stata eseguita sugli effetti della marijuana: la sostanza veniva accusata di essere stupefacente, di causare dipendenza fisica, di provocare crimini violenti e pazzia".[16]

Dagli anni ottanta a oggi[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante questo, la confusione diffusa e scarsa conoscenza scientifica dell'opinione pubblica in tema di "droghe"[17][18] fece sì che questa voce rimanesse in vita, riciclata ampiamente dai proibizionisti negli anni ottanta e spesso, più o meno in buona fede, passata per verità scientifica accertata. Reagan e la moglie Nancy negli Stati Uniti, così come Bettino Craxi in Italia, furono fautori della "War on Drugs" e di un conseguente inasprimento delle leggi riguardanti la cannabis, usando questo assunto come principale cavallo di battaglia.

In Italia, al 2009, sono ancora molti i politici che affermano che non esistano differenze tra "droghe leggere" e "droghe pesanti" e che le prime costituiscano un ponte per le seconde, e che rappresentino un mezzo di evasione dalla "realtà" attraverso la "cultura della droga". In più occasioni hanno manifestato opinioni simili, tra gli altri, Gianfranco Fini, Carlo Giovanardi, Pier Ferdinando Casini, Girolamo Sirchia (ex Ministro della Salute), Ignazio La Russa, Antonio Tajani.

In maniera simile alla Teoria del passaggio (nella sua accezione comune), è diffusa nell'opinione pubblica la cosiddetta "Teoria del 16 percento", secondo la quale la marijuana in vendita "oggi" sarebbe molto più potente di quella del "passato", a causa di un contenuto medio di THC superiore di oltre il 16% che la qualificherebbe a pieno titolo come "droga pesante".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Michael M. Vanyukov, Ralph E. Tarter e Galina P. Kirillova, Common liability to addiction and “gateway hypothesis”: Theoretical, empirical and evolutionary perspective, in Drug and alcohol dependence, vol. 123, Suppl 1, 2012-6, pp. S3–17, DOI:10.1016/j.drugalcdep.2011.12.018. URL consultato il 29 gennaio 2020.
  2. ^ in questo senso definite "sostanze di passaggio"
  3. ^ (EN) National Institute on Drug Abuse, Energy drinks and risk to future substance use, su www.drugabuse.gov, 8 agosto 2017. URL consultato il 29 gennaio 2020.
  4. ^ (EN) Kirby T, Barry Ae, Alcohol as a Gateway Drug: A Study of US 12th Graders, su The Journal of school health, 2012-08. URL consultato il 29 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 gennaio 2020).
  5. ^ Andrea H. Weinberger, Jonathan Platt e Renee D. Goodwin, Is cannabis use associated with an increased risk of onset and persistence of alcohol use disorders? A three-year prospective study among adults in the United States, in Drug and alcohol dependence, vol. 161, 1º aprile 2016, pp. 363–367, DOI:10.1016/j.drugalcdep.2016.01.014. URL consultato il 29 gennaio 2020.
  6. ^ (EN) Matthew C. Fadus, Tracy T. Smith e Lindsay M. Squeglia, The rise of e-cigarettes, pod mod devices, and JUUL among youth: Factors influencing use, health implications, and downstream effects, in Drug and Alcohol Dependence, vol. 201, 1º agosto 2019, pp. 85–93, DOI:10.1016/j.drugalcdep.2019.04.011. URL consultato il 29 gennaio 2020.
  7. ^ Lester Grinspoon, "Marihuana Reconsidered", Harvard University Press, Cambridge (Mass.), 1971 e Rufus King, "The Drug Hang-Up; America's Fifty-Year Folly", Charles C. Thomas, Springfield (Ill.), 1972
  8. ^ http://www.drugabuse.gov/publications/marijuana/marijuana-gateway-drug
  9. ^ Europe PMC, su europepmc.org. URL consultato il 29 gennaio 2020.
  10. ^ (EN) Maria Ellgren, Sabrina M. Spano e Yasmin L. Hurd, Adolescent Cannabis Exposure Alters Opiate Intake and Opioid Limbic Neuronal Populations in Adult Rats, in Neuropsychopharmacology, vol. 32, n. 3, 2007-03, pp. 607–615, DOI:10.1038/sj.npp.1301127. URL consultato il 29 gennaio 2020.
  11. ^ http://medicalmarijuana.procon.org/view.source.php?sourceID=000815
  12. ^ (EN) National Institute on Drug Abuse, Is marijuana a gateway drug?, su National Institute on Drug Abuse, --. URL consultato l'11 ottobre 2021.
  13. ^ Hemp Around Their Necks by Harry Anslinger
  14. ^ a b c Jack Herer - L'Imperatore non ha vestiti
  15. ^ “Army Study of Marijuana,” Newsweek, 15 gennaio 1945
  16. ^ a b National Commission on Marihuana and Drug Abuse, "Marihuana. A signal of Misunderstanding"
  17. ^ Drugs myths - TheSite.org, su thesite.org. URL consultato il 17 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2010).
  18. ^ Marijuana Policy Facts | Effects of Marijuana | Drug Policy Alliance Archiviato il 16 febbraio 2011 in Internet Archive.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina