Teodoro di Pavia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Teodoro di Pavia

Vescovo e confessore

Nascita VII secolo
Morte 778
Venerato da Chiesa cattolica
Santuario principale Chiesa di San Teodoro a Pavia
Ricorrenza 20 maggio
Patrono di Pavia-Stemma.png Pavia

Teodoro di Pavia (VII secolo778) è stato il ventunesimo vescovo di Pavia, venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Teodoro fu un membro del clero pavese fino a diventare vescovo di Pavia nel 740. Il suo episcopato fu all'insegna dalla guerra tra i Franchi e i Longobardi, che vide nel 754 l'assedio di Pavia. Durante la guerra fu esiliato e ritornò alla propria sede dopo la vittoria di Carlo Magno. Morì attorno al 778. Le spoglie del santo vennero poste nella chiesa di San Giovanni in Borgo, per poi essere traslate nella basilica di Sant'Agnese, in seguito intitolata a san Teodoro.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Martirologio Romano il giorno dedicato al santo è il 20 maggio:

« A Pavia, san Teodoro, vescovo, che patì l’esilio al tempo della guerra tra Franchi e Longobardi. »
(Martirologio Romano)

Teodoro è patrono della città di Pavia insieme con san Siro e sant'Agostino. Numerose leggende fiorirono attorno alla vita del santo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]