Teodoro Locsin Jr.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teodoro Lopez Locsin Jr.
PH06-KING8 (cropped).jpg

Segretario degli Affari Esteri della
Repubblica delle Filippine
In carica
Inizio mandato 17 ottobre 2018
Presidente Rodrigo Duterte
Predecessore Alan Peter Cayetano

Dati generali
Partito politico PDP-Laban
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Università Università Ateneo de Manila
Università di Harvard
Professione diplomatico, giurista, giornalista

Teodoro "Teddy Boy" Lopez Locsin Jr. (Manila, 15 novembre 1948) è un politico, diplomatico e giurista filippino, ministro degli Esteri del Governo Duterte dal 17 ottobre 2018.

È stato membro della Camera dei rappresentanti filippina dal 2001 al 2010, nonché ambasciatore delle Filippine alle Nazioni Unite per il biennio 2017-18.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Manila il 15 novembre 1948. Suo padre era il celebre giornalista ed editore Teodoro Locsin Sr., appartenente al ramo Negrense della famiglia Locsin di Molo, Iloilo. Compie i suoi studi dapprima all'Università Ateneo de Manila, dove si laurea in giurisprudenza, e consegue successivamente un LL.M. presso l'Università di Harvard.

Tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '80 alterna la sua attività di avvocato con quella di giornalista, diventando portavoce della presidente Corazón Aquino nel 1986. Dal 2001 al 2010 siede alla Camera dei rappresentanti, e per un breve periodo insegna diritto all'istituto universitario benedettino San Beda, tra il 2015 e il 2017. Nel 2017 viene designato rappresentante permanente delle Filippine presso le Nazioni Unite dal presidente Rodrigo Duterte[1], cessando da quest'ultimo incarico nell'ottobre 2018, quando accetta di diventare segretario agli Affari Esteri[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62899196 · ISNI (EN0000 0000 2349 5756 · LCCN (ENn82132507 · WorldCat Identities (ENlccn-n82132507