Emma (wrestler)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tenille Dashwood)
Jump to navigation Jump to search
Tenille Dashwood
Emma WrestleMania Axxess 2015.jpg
Emma nel marzo del 2015.
NomeTenille Averil Dashwood
Ring nameEmma[1]
Emmalina
Tenille Dashwood
Tenille Tayla
Valentine
NazionalitàAustralia Australia
NascitaMelbourne[1]
1º marzo 1989 (30 anni)
Residenza dichiarataMelbourne[2]
Altezza dichiarata165[2] cm
Peso dichiarato60[2] kg
AllenatoreLance Storm[1]
Debutto2008[1]
Progetto Wrestling

Tenille Averil Dashwood (Melbourne, 1º marzo 1989) è una wrestler australiana sotto contratto con Impact Wrestling , nota per i suoi trascorsi come Emma nella World Wrestling Entertainment (WWE) tra il 2012 e il 2017.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi (2005–2008)[modifica | modifica wikitesto]

Tenille Dashowwd venne introdotta nel mondo del wrestling nel 2002 da suo fratello maggiore Jake, all'età di 13 anni. Nel 2005 fece qualche apparizione per la Pro Wrestling Women's Alliance (PWWA) con il ring-name di Valentine. Tuttavia, fino al 2007 venne impiegata soltanto come aiutante nel montare i ring per via di alcuni problemi alla spalla sinistra. Ad inizio 2008 si trasferì a Calgary (Canada) per allenarsi alla Storm Wrestling Academy sotto la guida di Lance Storm.

Circuito indipendente (2008–2009)[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2008 Tenille Dashowwd fece ritorno in Australia, dove iniziò a combattere con una certa regolarità. Il 24 ottobre fece il suo esordio nel wrestling professionistico, partecipando ad uno show della Chaos Championship Wrestling (CCW) in cui prese parte ad un Fatal 4-Way match contro Cassie Kai, Vixsin e Kellie Skater, vinto da quest'ultima. Il 22 febbraio 2009 vinse la prima edizione del torneo Queen of the Warriors organizzato dalla PWWA, sconfiggendo Kellie Skater in finale.

Shimmer Women Athletes (2009–2011)[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 maggio 2009 Tenille Dashwood fece il suo esordio nella Shimmer Women Athletes (SWA), perdendo contro Amber O'Neal. Il 1º agosto sconfisse Nicole Matthews e Veronika Vice in un Triple Threat match, vincendo così l'ECCW SuperGirls Championship. Mantenne il titolo fino al 27 novembre, quando venne sconfitta da Veronika Vice. Il 19 marzo 2010 riconquistò la cintura proprio contro la Vice, prima di perderlo definitivamente in un Table match contro Nicole Matthews.

Florida Championship Wrestling (2011–2012)[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 marzo 2011 Tanille Dashwood firmò un contratto con la World Wrestling Entertainment (WWE), dopo aver partecipato ad un provino organizzato dalla Florida Championship Wrestling (FCW), all'epoca territorio di sviluppo della WWE. Debuttò in FCW più di un anno dopo, il 1º agosto 2012, partecipando ad una 6-Women Battle Royal vinta da Audrey Marie.

World Wrestling Entertainment (2012-2017)[modifica | modifica wikitesto]

NXT (2012–2014)[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla chiusura della Florida Championship Wrestling (FCW) nell'agosto del 2012, Emma venne spostata ad NXT. Nel 2014 ottenne una title-shot per l'NXT Women's Championship da sfruttare il 27 febbraio ad NXT Arrival contro Paige; tuttavia venne sconfitta dalla wrestler inglese.

Roster principale (2014–2015)[modifica | modifica wikitesto]

Debutta nel main roster in veste di manager di Santino Marella. A WrestleMania XXX prende parte al Vickie Guerrero's Divas Championship Invitational, senza riuscire ad imporsi. Fa un paio di match con Santino Marella vincendo contro Fandango Summer Rea e Layla. Dopo il suo arresto, la WWE il 2 luglio annuncia tramite il suo sito ufficiale il rilascio di Emma, ma dopo poche ore dal suo rilascio dalla compagnia, la WWE stessa riassume Emma nel proprio roster annunciando però che verranno presi dei provvedimenti riguardo al suo comportamento contro la legge. Il 15 luglio combatte il suo primo match dopo l'arresto e vince contro Cameron. Nella puntata successiva di Raw, combatte in coppia con Natalya contro AJ Lee e Paige, uscendo sconfitta. Alle Survivor Series, fa parte del Team Fox che affronta il Team Paige, dove nell'occasione elimina Summer Rae. Nella puntata di Raw del 13 aprile, perde una battle royal vinta da Paige. Nella puntata di Main Event del 14 aprile, perde contro la rientrante Layla.

Ritorno ad NXT (2015–2016)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015, Emma ritorna ad NXT dicendo che la sua tenuta nel roster principale non aveva funzionato come lei stessa aveva pianificato. Inizia uno screzio con Bayley, mostrando anche segni di un turn heel, le due si affrontano con la sconfitta di Emma. Nella puntata di NXT del 29 aprile, Emma costa un match a Bayley, continuando la loro faida. Nella puntata di NXT del 13 maggio, viene ufficializzato che ad NXT TakeOver: Unstoppable Emma e Dana Brooke affronteranno il team formato da Bayley e Charlotte, ufficializzando il turn heel. Ad NXT TakeOver: Unstoppable, insieme a Dana Brooke vengono sconfitte da Bayley e Charlotte. Il 27 maggio batte Bayley, e dopo averla attaccata insieme a Dana Brooke vengono attaccate a loro volta da Charlotte. Il 10 giugno batte Blue Pants. Il 1º luglio sconfigge invece Carmella. L'8 luglio Emma e Dana Brooke vengono sconfitte da Sasha Banks e Charlotte. Il 22 luglio viene sconfitta da Bayley. Il 27 agosto, ad NXT Takeover: Brooklyn, vince il fatal four way tra Charlotte, Dana Brooke e Becky Linch. Il 23 settembre, insieme a Dana Brooke, insulta la nuova arrivata Asuka, durante la sua firma del contratto di NXT.

Varie faide e rilascio (2016–2017)[modifica | modifica wikitesto]

Emma è ritornata nel roster principale nella puntata di Main Event del 22 marzo al fianco di Summer Rae, attaccando Alicia Fox e Natalya. Il 3 aprile WrestleMania 32 ha partecipato ad un 10-Diva Tag Team match insieme a Lana, Naomi, Tamina e Summer Rae contro Brie Bella, Paige, Eva Marie, Alicia Fox e Natalya dove il suo team è stato sconfitto. Successivamente Emma ha iniziato una faida con Becky Lynch, sconfiggendola il 2 maggio a Raw. In seguito è stata affiancata da Dana Brooke ma il 16 maggio Emma ha subito un infortunio alla schiena, costringendo la Brooke ad allearsi con Charlotte.

Nella puntata di Raw del 3 ottobre 2016 sono state mostrate delle vignette di Emma in cui è stato presto annunciato il suo ritorno con il nuovo ringname Emmalina. Dopo circa diciassette settimane di vignette, Emmalina ha fatto il suo ritorno nella puntata di Raw del 13 febbraio 2017, limitandosi però ad apparire sullo stage e annunciando che ritornerà come Emma. Infatti Emma è ritornata come heel nella puntata di Raw del 3 aprile dove è stata sconfitta, insieme a Charlotte Flair e Nia Jax, dalla WWE Raw Women's Champion Bayley, Dana Brooke e Sasha Banks. Nella puntata di Raw del 1º maggio Emma, Alexa Bliss, Alicia Fox e Nia Jax hanno sconfitto Bayley, Dana Brooke, Mickie James e Sasha Banks. Successivamente Emma ha subito un infortunio alla spalla che la costringerà a rimanere fuori dalle scene per un periodo di tempo imprecisato. Nella puntata di Raw del 12 giugno Emma è tornata dall'infortunio ed è stata sconfitta, insieme alla WWE Raw Women's Champion Alexa Bliss e Nia Jax, da Dana Brooke, Mickie James e Sasha Banks. Nella puntata di Raw del 26 giugno Emma ha partecipato ad un Gauntlet match per determinare la contendente nº1 al WWE Raw Women's Championship di Alexa Bliss ma è stata eliminata da Nia Jax. Nella puntata di Main Event del 14 luglio Emma è stata sconfitta da Mickie James. Nella puntata di Raw del 24 luglio Emma è stata sconfitta da Nia Jax. Nella puntata di Main Event del 4 agosto Emma ha sconfitto Mickie James. Nella puntata di Raw del 7 agosto Emma ha preso parte ad un Triple Threat match assieme ad Alicia Fox e Sasha Banks per determinare una delle due sfidanti che si sarebbero affrontate per determinare la contendente nº1 al WWE Raw Women's Championship di Alexa Bliss per SummerSlam ma il match è stato vinto dalla Banks. Nella puntata di Raw del 14 agosto Emma è stata sconfitta da Mickie James. Nella puntata di Raw del 21 agosto Emma è stata sconfitta da Nia Jax. Nella puntata di Raw del 28 agosto Emma ha sconfitto Mickie James. Nella puntata di Raw del 4 settembre Emma e Nia Jax hanno sconfitto Alexa Bliss e Sasha Banks; con questa vittoria, sia Emma che Nia Jax sono state inserite nell'incontro per il WWE Raw Women's Championship a No Mercy. Nella puntata di Raw dell'11 settembre Emma è stata sconfitta da Sasha Banks. Il 24 settembre, a No Mercy, Emma ha partecipato ad un Fatal 5-Way match per il WWE Raw Women's Championship che includeva anche la campionessa Alexa Bliss, Bayley, Nia Jax e Sasha Banks ma il match è stato vinto dalla Bliss, che ha mantenuto il titolo. Nella puntata di Raw del 25 settembre Emma e Nia Jax sono state sconfitte da Bayley e Sasha Banks. Nella puntata di Raw del 2 ottobre Emma e Alicia Fox sono state sconfitte da Bayley e Sasha Banks. Nella puntata di Raw del 9 ottobre Emma ha vinto un Fatal 5-Way Elimination match che comprendeva anche Alicia Fox, Bayley, Dana Brooke e Sasha Banks (eliminando proprio quest'ultima) con in palio la possibilità di affrontare Asuka a TLC: Tables, Ladders & Chairs. Nella puntata di Raw del 16 ottobre Emma e Alexa Bliss sono state sconfitte da Bayley e Mickie James. Il 22 ottobre, a TLC: Tables, Ladders & Chairs, Emma è stata sconfitta da Asuka. Nella puntata di Raw del 23 ottobre Emma è stata nuovamente sconfitta da Asuka nella rivincita di TLC.

Il 29 ottobre 2017 la WWE ha annunciato sul suo sito ufficiale il rilascio di Emma.

Ring of Honor (2018–2019)[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al suo abbandono dalla WWE, Tenille Dashwood è tornata a combattere nel circuito indipendente, utilizzando il suo nome reale.

Il 10 febbraio 2018 ha debuttato in Ring of Honor (ROH), a Honor Reigns Supreme, combattendo in coppia con Mandy Leon e sconfiggendo Kelly Klein e Stacy Shadows. Successivamente si iscrive al primo torneo per decretare la prima campionessa femminile della Ring of Honor.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 giugno 2014 Tenille Dashwood è stata arrestata per taccheggio in un negozio della città di Hartford (Connecticut), dove ha rubato una cover per IPod da 21 dollari. Per questo motivo era stata inizialmente licenziata dalla WWE, salvo poi essere riassunta poche ore dopo.

Tra il 2015 e il 2016 ha avuto una relazione con il wrestler della WWE Matthew Cardona, meglio conosciuto con il ring-name di Zack Ryder.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Emma mentre applica la Emma Lock su Summer Rae.

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Emma mentre applica la Dil-Emma su Summer Rae.

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Wrestler di cui è stata manager[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Cannon
  • Dan Myers
  • Dylan Knight
  • Santino Marella
  • Scotty Mac
  • Stephen James and Foxx

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • The Dancing Queen

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • Feedback di Janet Jackson
  • #Emmalution di Brian Randazzo (2013–2015)
  • Chemical Mind di Jason Davis (27 maggio 2015–22 luglio 2015)
  • Real Deal di CFO$ (1º luglio 2015–21 agosto 2017)
  • All About Me di CFO$ (4 settembre 2017–29 ottobre 2017)
  • Spotlight degli Hot Tag Media Works (10 febbraio 2018–presente)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Ohio World Wrestling
    • OWW Women's Championship (1)
  • Pro Wrestling Alliance Queensland

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Tenille, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 5 aprile 2018.
  2. ^ a b c (EN) Emma, su wwe.com, WWE. URL consultato il 5 aprile 2018.
  3. ^ ECCW Women's Championship history, su wrestling-titles.com.
  4. ^ Ciara, Angrymarkette Spotlight: Tenille Tayla, su angrymarks.com. URL consultato il 24 luglio 2015.
  5. ^ Pro Wrestling Illustrated Magazine, Pro Wrestling Illustrated (PWI) Female 50 for 2015, The Internet Wrestling Database, 16 febbraio 2018. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  6. ^ Pro Wrestling Illustrated Magazine, Pro Wrestling Illustrated (PWI) Female 50 for 2016, The Internet Wrestling Database, 28 novembre 2016. URL consultato il 1º dicembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]