Tengku Amir Shah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tengku Amir Shah
Tengku Amir Shah (cropped).jpg
Tengku Amir Shah nel 2017.
Raja Muda di Selangor
Stemma
In carica dal 3 maggio 2002
Predecessore Tengku Idris Shah
Nome completo Tengku Amir Shah ibni Sultan Sharafuddin Idris Shah
Nascita Pacific Presbyterian Hospital, San Francisco, 12 dicembre 1990 (30 anni)
Padre Sharafuddin di Selangor
Madre Cik Puan Nur Lisa Idris binti 'Abdu'llah nata Lisa Davis
Religione Musulmano sunnita

Tengku Amir Shah ibni Sultan Sharafuddin Idris Shah (San Francisco, 12 dicembre 1990) è un principe malese, Raja Muda di Selangor dal 3 maggio 2002.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tengku Amir è nato nel Pacific Presbyterian Hospital di San Francisco il 12 dicembre 1990 ed è il terzo figlio dell'allora Raja Muda di Selangor, Tengku Idris Shah. Sua madre, Cik Puan Nur Lisa Idris binti Abdullah, che si chiamava Lisa Davis prima della sua conversione all'Islam, è nata negli Stati Uniti.[1] Come tale, egli ha origini per metà americana. È stato educato presso il St John's Institution di Kuala Lumpur.

Il 3 maggio 2002 è stato proclamato Raja Muda di Selangor.[2]

Nel 2009 si è diplomato al Wellington College di Crowthorne.[3] Nel 2014 si è laureato all'Università di Leeds.

È patrono di alcune organizzazioni di beneficenza, tra cui Cheshire Home e la Fondazione Raja Muda di Selangor (Yayasan Raja Muda Selangor) dal 2003.[3]

Nel 2014, un sito web ha pubblicato la falsa notizia secondo la quale Tengku Amir si era convertito al Cattolicesimo.[4][5]

Onorificenze[6][modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze di Selangor[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Gran Comandante dell'Ordine della Corona di Selangor - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Comandante dell'Ordine della Corona di Selangor
— 11 dicembre 2005[7]
Cavaliere Gran Comandante dell'Ordine del Sultano Sharafuddin Idris Shah - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Comandante dell'Ordine del Sultano Sharafuddin Idris Shah
— 2010[7]
Membro di I Classe dell'Ordine Famigliare Reale di Selangor - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine Famigliare Reale di Selangor
— 11 dicembre 2016
Medaglia dell'incoronazione del sultano Salahuddin - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'incoronazione del sultano Salahuddin
— 12 dicembre 1990
Medaglia del giubileo d'argento del sultano Salahuddin - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento del sultano Salahuddin
— 12 dicembre 1990
Medaglia dell'incoronazione del sultano Sharafuddin - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'incoronazione del sultano Sharafuddin
— 8 marzo 2003

Onorificenze malesi[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia dell'investitura del sultano Salahuddin a Yang di-Pertuan Agong - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'investitura del sultano Salahuddin a Yang di-Pertuan Agong
— 26 aprile 1999
Cavaliere Gran Comandante dell'Ordine della Corona di Kelantan (Kelantan) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Comandante dell'Ordine della Corona di Kelantan (Kelantan)
— [7]
Medaglia del giubileo d'argento del sultano Ismail Petra (Kelantan) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento del sultano Ismail Petra (Kelantan)
— 30 marzo 2004

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Life's a simple and beautiful journey, says Sultan, in Sultan of Selangor's Birthday, New Straits Times, 11 dicembre 2002, pp. 6–8. URL consultato il 3 giugno 2011.
  2. ^ Tengku Amir Shah, 11, appointed Raja Muda of Selangor, Utusan Malaysia, 13 giugno 2002. URL consultato il 3 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  3. ^ a b Hua Chee Kee, Prince Caring, The Star (Malaysia), 4 novembre 2009. URL consultato il 3 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2013).
  4. ^ Thestar, su therakyatpost.com. URL consultato il 9 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2017).
  5. ^ Thestar
  6. ^ Royal Ark
  7. ^ a b c Gigablog, Article about Tengku Amir Shah Archiviato il 12 dicembre 2013 in Internet Archive. mentioning the orders received.