Tenesmo rettale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Tenesmo rettale
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 787.99
ICD-10 R19.8

Il tenesmo rettale è uno spasmo doloroso dell'ano che si accompagna ad una sensazione di bisogno impellente di defecare, e che nella maggior parte dei casi compare improvvisamente la notte durante il sonno e passa dopo pochi minuti.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Negli altri casi:

  • può essere indotto da un processo infiammatorio che interessi il retto, l'ano ed i tratti più distali del colon, ma in questi casi si presenta per lo più successivamente a rettocolite ulcerosa, proctiti specifiche (come infezioni a trasmissione sessuale) o aspecifiche (come la malattia di Crohn e ragadi anali)
  • può dipendere da forme di autogestione ("fai da te") scorretta della stipsi cronica da parte del paziente[1]
  • non meno rare sono le cause psicogene, che causano colite spastica di natura nervosa
  • Il sintomo può essere infine legato alla presenza di neoplasie del colon-retto (in particolare nei tratti ampollare e sotto-ampollare)
  • Il tenesmo rettale è anche uno dei possibili sintomi causati dal morbo del colera
  • il tenesmo, associato con vomito, dolori addominali e febbre modica sta ad indicare la sintomatologia della dissenteria bacillare causata dalle Shigelle
  • può anche essere causato da infestazioni da Schistosoma mansoni, agente eziologico della schistosomiasi intestinale ed epatosplenica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Stefano Corazziari, Stipsi cronica, Milano, Messaggi International Srl, Giugno 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina