Tenebre (film 1982)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tenebre
Tenebre.JPG
i titoli di testa del film
Titolo originaleTenebre
Paese di produzioneItalia
Anno1982
Durata96 min
Generethriller, orrore, poliziesco
RegiaDario Argento
SoggettoDario Argento
SceneggiaturaDario Argento
ProduttoreClaudio Argento
Produttore esecutivoSalvatore Argento
Casa di produzioneSigma Cinematografica
FotografiaLuciano Tovoli
MontaggioFranco Fraticelli
Effetti specialiGiovanni Corridori
MusicheMassimo Morante, Fabio Pignatelli, Claudio Simonetti (Goblin)
ScenografiaGiuseppe Bassan
CostumiPierangelo Cicoletti, Carlo Palazzi, Franco Tomei
TruccoPierantonio Mecacci, Piero Mecacci
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Tenebre è un film del 1982 diretto da Dario Argento. La pellicola rappresenta il ritorno di Argento al genere thriller che lo ha reso famoso, dopo i primi due episodi della "Trilogia delle tre madri", caratterizzati da un orrore soprannaturale. Argento nella regia è assistito da Lamberto Bava e Michele Soavi, futuri registi di pellicole del terrore e presenti nel film anche in brevi cameo (Bava nel ruolo di un addetto alla riparazione di un guasto e Soavi nel doppio ruolo di fidanzato di Lara Wendel e corteggiatore di Eva Robin's in un flashback).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

«L'impulso era diventato irresistibile. C'era una sola risposta alla furia che lo torturava. E così commise il suo primo assassinio. [...] Aveva infranto il più profondo tabù e non si sentiva colpevole, né provava ansia o paura, ma libertà. [...] ogni ostacolo umano, ogni umiliazione che gli sbarrava la strada poteva essere spazzato via da questo semplice atto di annientamento: l'OMICIDIO»

(Dario Argento nei titoli di testa legge un passo del romanzo Tenebrae)

New York. Peter Neal, scrittore di romanzi gialli, si reca in bicicletta a prendere un volo per Roma. Il suo autista si fa trovare al'aeroporto con la valigia e una borsa pronte per la partenza. Dopo essersi cambiato nel bagno dell'aeroporto, Peter viene chiamato al desk, dove lascia momentaneamente la sua borsa in terra, per una telefonata dell'ex fidanzata Jane, che però lo sta chiamando dall'aeroporto stesso. Infatti proprio lei, accanto a un'altra donna complice, lo guarda partire in aereo.

Intanto in un centro commerciale di Roma una giovane, Elsa Manni, viene attirata dall'ultimo libro di Peter, Tenebrae, e decide di rubarne una copia, ma viene scoperta dal titolare che si rende conto che la ragazza è cleptomane e perciò non nuova del mestiere; decide di lasciarla andare quando lei gli scrive il suo indirizzo per incontrarsi dopo il lavoro. Mentre si reca a casa, Elsa viene importunata da un clochard ubriaco che tenta di saltarle addosso, ma la ragazza lo aggredisce e fugge rientrando in casa; il clochard la vede dalla finestra mentre viene aggredita alle spalle da qualcuno che la minaccia e poi la uccide tagliandole la gola con un rasoio dopo averle messo delle pagine del libro rubato in bocca. Il clochard, testimone dell'omicidio, fugge mentre l'assassino scatta delle foto al cadavere e successivamente lascia una lettera indirizzata a Peter sotto la porta del suo appartamento romano.

Arrivato a Roma, Peter viene accolto da alcuni giornalisti tra cui una sua vecchia amica di università, Tilde, la quale durante la conferenza stampa lo accusa di misoginia per la violenza che lo scrittore infligge ai personaggi femminili dei suoi libri, soprattutto nell'ultimo romanzo. In seguito Peter e il suo agente Bullmer vengono raggiunti dall'assistente personale, Anne, e dal tirocinante tuttofare Gianni, i quali lo accompagnano al suo appartamento dove scopriranno che i vestiti nella borsa di Peter sono stati rovinati. Dentro l'appartamento trovano il capitano Germani (con la collega l'ispettrice Altieri) che dice di aver trovato la porta aperta e informa Peter dell'omicidio di Elsa e delle atroci modalità, soffermandosi sul particolare delle pagine del libro. Inoltre gli mostra la lettera che l'assassino ha lasciato e aprendola Peter legge una frase del suo libro scritta con lettere di giornale. Squilla il telefono ed è proprio l'assassino che informa lo scrittore che è solo l'inizio di tutto e che un giorno si incontreranno. Il killer è probabilmente in una cabina telefonica appena fuori dall'appartamento e i due poliziotti cercano di trovarlo ma senza successo. Intanto il killer ha una sorta di incubo in cui una ragazza flirta con tre uomini su una spiaggia; quando arriva un quarto uomo che la schiaffeggia facendola sanguinare, gli altri tre lo inseguono, lo buttano per terra e lei gli ficca in gola il tacco della sua scarpa rossa.

Nel frattempo Tilde è in un locale gay con la sua compagna la quale è in procinto di mettere in atto l'ennesimo tradimento con un tizio che ha appena conosciuto e informa la giornalista che lo ospiterà nella loro casa. Quando Tilde torna a casa trova la sua compagna ubriaca e le due hanno un alterco; l'amica sale in camere e mette un disco a tutto volume. Poco dopo, l'assassino rompe una finestra e uccide Tilde con lo stesso rasoio utilizzato per il precedente omicidio; nella colluttazione si rompe un vaso che allarma la compagna che spegne la musica e scende al piano inferiore dove vede Tilde sgozzata. Tenta di fuggire ma l'assassino la raggiunge e uccide anche lei allo stesso modo. Prima di andarsene scatta delle foto alle vittime che poi conserva in una sorta di cantina dove lava il rasoio insanguinato.

Il giorno dopo Peter conosce Maria, la figlia quattordicenne del portiere del palazzo, che va da lui per accendergli lo scaldabagno. Il killer lascia un'altra lettera mentre sia Peter che Anne sono in casa e quando la vedono escono per intercettarlo, ma anche stavolta non ci riescono. La lettera contiene una frase in latino che lascia presagire che il killer abbia colpito ancora. Peter va in televisione per un'intervista, ma viene avvicinato dal conduttore, Cristiano Berti, il quale sembra molto interessato al fatto che Peter nei suoi romanzi dia molto spazio e importanza alla perversione umana e ai suoi effetti sulla società. Secondo Berti il killer del libro ritiene che tutto ciò che può essere definito "diverso" è corrotto e aberrante e perciò da eliminare. Dopo l'intervista Peter è con Anne e vede dalla finestra una macchina alla cui guida c'è Jane, la sua ex. Anne suggerisce a Peter che possa essere stata proprio Jane a rovinargli la valigia prima che lui partisse ed esce. Il killer nel frattempo ha preso di mira un'altra potenziale vittima, una prostituta, ma nel momento di avvicinarla si rende conto di aver dimenticato la chiave della cantina attaccata alla porta.

La scena si sposta all'Eur dove Maria, la figlia del portiere, litiga col fidanzato che la fa scendere dalla moto e la lascia sola di notte. Mentre si incammina per tornare a casa, un grosso dobermann l'attacca ferendola; la ragazza con un ramo riesce ad allontanare il cane che però continua a inseguirla, fino a quando la ragazza si rifugia nella cantina della villa che poi si scoprirà essere l'abitazione dell'assassino. Qui trova le foto dei cadaveri e i ritagli di giornale che il killer usava per mandare le lettere a Peter; ne prende qualcuna da portare alla polizia come prova e sale nella lussuosa casa per chiedere aiuto. Quando prende il telefono arriva l'assassino che cerca di ucciderla con il rasoio, ma Maria riesce a disarmarlo e a fuggire. L'assassino allora prende un'ascia e raggiunta Maria in un vicolo cieco la uccide. Il giorno dopo viene rinvenuto il cadavere e Peter riceve l'ennesima lettera nella quale il killer si scusa per aver ucciso l'innocente Maria, aggiungendo che alla fine di tutto a morire sarà proprio lui, il "grande corruttore".

Peter, con l'aiuto di Anne e Gianni, decide di mettersi seriamente sulle tracce del killer: lo scrittore ripensa alla conversazione avuta con Cristiano Berti, trovando strano il morboso interesse che il giornalista ha per Tenebrae e i temi trattati nel romanzo. Decide così di appostarsi fuori dalla casa di Berti (la stessa della cantina dell'assassino) seguito da Gianni; mentre quest'ultimo si avvicina per vedere meglio, improvvisamente va via la luce e una voce urla "Le ho uccise tutte io!". Berti viene ucciso con un colpo d'ascia alla testa davanti agli occhi terrorizzati di Gianni che fugge dopo che il killer ha rotto una vetrata con un oggetto metallico, mentre Peter si ritrova incosciente a terra con una ferita alla testa senza sapere chi gliel'abbia procurata. Anne rimane a dormire da Peter e i due passano la notte insieme. Il killer ha un altro dei suoi incubi in cui la stessa ragazza della spiaggia viene aggredita da lui e uccisa a coltellate accanto a una piscina. Peter comunica a un incredulo Bullmer la sua decisione di andarsene prima che sia troppo tardi e quest'ultimo lo fa desistere dicendogli che lo farà nascondere in un posto sicuro che solo lui conosce facendo credere a tutti che sia andato via dall'Italia. Quando Peter esce, Bullmer apre una porta del suo ufficio da cui esce Jane, con il quale l'agente letterario ha una storia clandestina. Peter e Gianni vanno alla casa del killer, ora scena del crimine, dove Germani interroga nuovamente Peter su Berti. Lo scrittore racconta al capitano la sua impressione che Berti nutrisse un'ossessione per i suoi libri e la violenza in essi contenuta. Nel dialogo con Germani, Peter cita Conan Doyle dicendo che in un'indagine, eliminato l'impossibile, quello che rimane, per quanto improbabile, deve essere la verità. Il detective rimane sorpreso da questa affermazione, mentre Peter gli comunica la sua decisione di lasciare la città. Nel frattempo Jane trova davanti alla porta di casa un pacco contenente un paio di scarpe rosse, mentre Bullmer la sta aspettando per pranzare insieme; viene accoltellato e una folla di persone tenta di soccorrerlo mentre Jane, con le scarpe rosse, arriva e alla vista del cadavere scappa.

Peter è in procinto di partire per Parigi e Gianni, prima di salutarlo, gli rivela di avere intenzione di tornare alla casa di Berti per cercare di capire bene quello che era successo. Il ragazzo, arrivato davanti alla vetrata dove ha assistito alla scena dell'omicidio, si rende conto che la frase che aveva sentito sugli omicidi era stata pronunciata da Berti stesso e che quindi il killer era proprio lui, chiedendosi a questo punto chi potesse essere stato ad ammazzarlo. Torna in macchina ma viene strangolato a morte con una corda da qualcuno che poi prende una grossa ascia nascosta in un albero lì vicino. Jane chiama casa di Peter e trova Anne, a cui chiede aiuto per delle cose che dice di aver fatto e Anne decide di raggiungerla. Intanto Germani e l'ispettrice Altieri interrogano la donna di servizio di Bullmer la quale rivela loro che l'agente aveva una relazione. Jane, armata di pistola, viene aggredita dal killer che le taglia una mano e poi la fa a pezzi con l'ascia. Il killer ha nuovamente la visione della ragazza che ha ucciso e dopo averla accoltellata le ruba le scarpe rosse. Nel frattempo anche l'ispettrice Altieri, che aveva saputo della relazione di Jane con Bullmer e voleva indagare, viene uccisa con un colpo d'ascia: l'assassino è Peter. Germani arriva in quel momento con Anne e svela che Berti, ossessionato da Peter e dal suo lavoro, aveva commesso i primi omicidi e Peter, dopo aver capito che il killer era lui e dopo averlo ucciso, l'ha fatto "vivere" abbastanza a lungo per vendicarsi del suo agente e della sua ex fidanzata. Germani era stato aiutato proprio da Peter a capire il mistero grazie alla sua citazione di Conan Doyle. Lo scrittore tira fuori improvvisamente un rasoio e si sgozza davanti agli occhi increduli di Germani e Anne. I due tornano alla macchina sotto la pioggia incessante e Germani, dopo aver chiamato i rinforzi, rivela ad Anne di aver capito che il killer era Peter perché da giovane era stato accusato dell'omicidio della famosa ragazza con le scarpe rosse ma per assenza di prove era stato assolto. Germani spiega che in Tenebrae Peter aveva fatto una sorta di confessione, mettendo a nudo come quell'atto di porre fine alla vita di una persona che gli aveva fatto del male lo aveva inebriato e gli aveva regalato un senso di assoluta libertà e riscatto. L'ispettore rientra in casa e vede che il cadavere di Peter non c'è più; infatti il rasoio usato dallo scrittore era finto, ma non fa in tempo ad accorgersene che Peter lo aggredisce alle spalle uccidendolo con l'ascia; il cadavere fa cadere contro la porta a vetri della casa una scultura di metallo composta da vari aculei di metallo. Anne, insospettita dal rumore, esce dalla macchina e si dirige all'ingresso della villa, ma non riesce a entrare per la porta bloccata dalla scultura; Peter si avvicina alla porta per uccidere anche Anne, ma lei riesce ad aprire e la scultura trafigge Peter. Lo scrittore muore sotto gli occhi della donna, mentre lei, sotto shock, urla disperata.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Argento ha rivelato che la genesi di Tenebre è stata influenzata da uno spiacevole incidente accadutogli nel 1980 quando venne molestato da un fan ossessivo. Secondo quanto dichiarato da Argento, l'ammiratore lo perseguitava telefonandogli di continuo, giorno dopo giorno, fino a quando gli confessò di volerlo uccidere. Anche se la minaccia si dimostrò infondata e il tutto si risolse in una bolla di sapone, Argento trovò l'esperienza che gli era capitata terrificante e scrisse Tenebre come risultato delle sue paure.[2]

A dispetto del suo titolo, Argento diede disposizione al suo operatore Luciano Tovoli di girare le scene del film con la maggiore luce possibile. Girato principalmente a Roma, molte delle scene del film sono ambientate di giorno, o in interni fortemente illuminati. Il regista spiegò che stava adottando: "... uno stile di fotografia moderno, discostandomi deliberatamente dalle atmosfere scure e cupe della tradizione del cinema espressionista tedesco a cui l'horror si era sempre rifatto".[3] A tal proposito, è emblematica la scena dell'omicidio del personaggio interpretato da John Saxon, girata in pieno giorno in una piazza assolata e affollata di passanti.[4] Il regista disse anche che la visione del film di Andrzej Żuławski Possession (1981) aveva fortemente influenzato la sua decisione di girare Tenebre con un'illuminazione forte.

Nonostante la produzione italiana, quasi tutti gli attori del film recitarono in inglese per incrementare le possibilità di successo internazionale negli Stati Uniti. Solo successivamente il film venne doppiato in italiano per il mercato nazionale.[5]

Tagli e censure[modifica | modifica wikitesto]

La scena dell'uccisione di Jane, interpretata da Veronica Lario futura moglie di Silvio Berlusconi, fu pesantemente tagliata per la prima visione televisiva, avvenuta nel marzo 1986 su rete Fininvest, come ultimo appuntamento di una rassegna del cinema argentiano. A onor del vero, la sequenza fu censurata per poter abbassare il divieto di visione dai minori di 18 anni ai minori di 14 e consentire la messa in onda del film.[6] Fu poi lo stesso Argento a mostrare la scena nella trasmissione Giallo, su Rai 2, nell'autunno 1987.

Nella versione trasmessa in televisione nel 1986 furono ridotte altre scene violente: la sequenza finale in cui il killer viene trafitto dalle punte della scultura è resa molto meno cruenta (non si vede mai la punta che passa il corpo da parte a parte, né il sangue che cola subito dopo); la scena in cui la ragazza viene uccisa a colpi di accetta in casa dell'assassino ha inquadrature in cui non si vede mai l'arma colpire la vittima.

A causa dell'estrema violenza di alcune scene, e di alcune tematiche per l'epoca scabrose, Tenebre uscì nelle sale con il divieto ai minori di 18 anni.

Le location del film[modifica | modifica wikitesto]

Molte location esterne del film appartengono al quartiere romano dell'Eur e sono a pochi passi da un isolato nel quale, undici anni prima, Dario Argento aveva filmato alcuni esterni di 4 mosche di velluto grigio. In particolare per Tenebre le zone dell'Eur più rintracciabili sono quelle di Cesare Pavese, Palasport e Basilica dei SS Pietro e Paolo.[7]

La scena dell'omicidio di Bullmer è stata invece girata al centro commerciale "Le Terrazze" di Casal Palocco[8].

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Per Tenebre, come per la maggior parte dei suoi thriller, Dario Argento scrive soggetto e sceneggiatura. Il film presenta ancora una volta l'opera di un assassino seriale mosso da un trauma; Dario Argento, con la "Trilogia degli animali" e Profondo rosso, fu tra i primi a introdurre questi elementi nel cinema italiano, facendo anche coincidere il punto di vista dello spettatore con quello dell'assassino, mediante l'impiego di soggettive e altre determinate visuali (tecnica già usata in Il gatto a nove code). Non mancano alcuni spunti innovativi nell'opera, in particolare, l'ambientazione è caratterizzata da una ricerca del bianco e della luce (il film si svolge nel moderno quartiere dell'Eur), che fa risaltare il rosso del sangue, ma, soprattutto, rileva il divario tra la luminosità del mondo esterno e l'oscurità di un'interiorità sfregiata. La trattazione del trauma che muove l'assassino è, in questo film, molto più approfondita rispetto alle altre opere del cineasta; nell'opera, l'omicidio, volto a colpire la devianza, scatena un perverso piacere liberatorio, quasi sessuale. È l'assassino il giustiziere delle perversioni e del degrado umano mostrato nel film. In tal senso è importante la scelta dell'ambigua Eva Robin's come interprete dell'oggetto del desiderio dell'omicida nel flashback sull'origine del trauma scatenante la sua follia. La ragazza, offesa dalla gelosia del giovane, lo fa immobilizzare da tre suoi amanti e, simbolicamente, lo aggredisce conficcandogli con forza un tacco a spillo (evidente simbolo fallico) in bocca.

Come rilevano alcuni critici, nel film si ha una sperimentazione sui modelli della detective story: mediante l'emulazione, l'arte diventa vita, rivelando la sua natura di vita sublimata.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film andò bene al botteghino italiano, piazzandosi al 16º posto degli incassi della stagione cinematografica 1982-83.
  • Circola in Italia, seppure stampata in un numero limitatissimo di copie, un'edizione non autorizzata in super 8. Tra tutti i titoli di Argento esistenti su questo formato (ed escludendo Il gatto a nove code, i cui diritti per la stampa in super 8, vennero ufficialmente acquistati dalla Sil.ma) è l'unico ad essere accettabile per qualità[9].
  • Nella sequenza del bar, ad un certo punto si sente in sottofondo la colonna sonora di Zombi di George A. Romero, composta dai Goblin.
  • Alcune scene di Tenebre (e di altri film di Dario Argento) sono presenti nel videoclip della canzone Worlock (1989) della band canadese Skinny Puppy, in particolare la sanguinosa scena dell'amputazione della mano di Veronica Lario.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Accreditato come Eva Robins.
  2. ^ Maiello, Fabio. Dario Argento - confessioni di un maestro dell'horror, Alacran Edizioni, 2007, Milano, pag. 143-144, ISBN 978-88-89603-75-8
  3. ^ Gans, Christophe. Starfix Magazine, Issue # 1, January 1983, interview with Argento (reprinted in McDonagh's Broken Mirrors/Broken Minds: The Dark Dreams of Dario Argento)
  4. ^ Maiello, Fabio. Dario Argento - confessioni di un maestro dell'horror, Alacran Edizioni, 2007, Milano, pag. 145, ISBN 978-88-89603-75-8
  5. ^ Steve Biodrowski, Tenebrae (1982) Review, Hollywood Gothique. URL consultato il 22 marzo 2006.
  6. ^ Film e Revisione, su www.cinema.beniculturali.it. URL consultato il 7 settembre 2016.
  7. ^ Le location esatte di "Tenebre"
  8. ^ Il centro "Le Terrazze" a Casal Palocco - davinotti.com
  9. ^ Gian Luca Mario Loncrini

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN215280600 · GND (DE7660365-9
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema