Tempia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tempia
Temple (anatomy) with no text.svg
La zona tratteggiata è ascrivibile alla regione del capo intesa come "tempia"
Nome latinoTempora
Arteriaarteria temporale superficiale
Venavena temporale superficiale
Identificatori
TAA01.1.00.004
FMA46450

Col termine tempie (dal latino: tĕmpŏra[1], da tempŭs, tempo[2]), in anatomia, si intendono due regioni simmetriche della testa, situate ai lati della fronte. Non corrispondono a regioni anatomiche ben definite, ed a seconda del significato che gli si vuole attribuire, il termine "tempia" può indicare solo lo strato cutaneo esterno o strutture anatomiche più interne. A livello del cranio, la regione della tempia comprende la porzione laterale dell'osso sfenoide e parte dell'osso temporale, mentre a livello nervoso periferico è definita dal ganglio del Gasser, da cui origina il nervo trigemino[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b tèmpia, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  2. ^ Luigi Castiglioni e Scevola Mariotti, IL - Vocabolario della lingua latina, a cura di Piergiorgio Parroni, 4ª ed., Torino, Loescher, 2007 [1966], p. 1392, ISBN 978-88-201-6660-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia