Televisione digitale terrestre in Svizzera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Televisione svizzera di lingua italiana ha eseguito la conversione in digitale il giorno 24 luglio 2006, seguita da tutte le altre televisioni SRG SSR. Nella seconda metà del 2007 è stato lanciato il canale in alta definizione HD Suisse, chiuso il 30 gennaio 2012. La conversione al formato digitale è stata completata nel gennaio 2008. Il 29 febbraio 2012 sono nate le versioni in alta definizione di SRF 1, SRF zwei, RTS Un, RTS Deux, RSI LA1 e RSI LA2.

Il passaggio al digitale in Ticino[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 luglio 2006, esattamente alle ore 12.45, la SRG SSR aveva disattivato i propri ponti ripetitori analogici del Canton Ticino.

Il Ticino è diventato in questa maniera il primo cantone svizzero a ricevere il segnale televisivo soltanto in formato digitale terrestre (DTT).

L'interruzione definitiva delle trasmissioni analogiche era stata preceduta da una vasta e pervasiva campagna di informazione volta a rendere noto a tutta la popolazione l'imminente passaggio alla nuova tecnologia.

In seguito allo spegnimento dei ripetitori analogici, è divenuto così obbligatorio dotarsi di un decoder, grazie al quale comunque la quantità e la qualità delle emissioni risulta immediatamente migliore.
Oggigiorno la quasi totalità delle marche di televisori integrano, al sintonizzatore classico il decodificatore, rendendo superfluo l'impiego del decoder esterno.

Il segnale analogico, fino a quel giorno ripetuto anche nel nord Italia, è stato così del tutto disattivato. Tuttavia, grazie al digitale terrestre, alcune zone settentrionali possono ancora vedere i due canali seppur si tratti di zone estremamente limitate e solo lungo il confine in quanto le principali frequenze utilizzate sono occupate da decenni in modo del tutto legittimo, da emittenti italiane.[1]

Il 19 giugno 2008 il Consiglio federale aveva concesso alla SRG SSR l'autorizzazione a spegnere il trasmettitore in onde medie del Monte Ceneri. Il Consiglio federale ha accolto con favore la chiusura dell'impianto del Monte Ceneri, dal momento che rinunciando a una tecnologia ritenuta obsoleta come le onde medie l'emittente pubblica ha ridotto notevolmente le spese. Il Consiglio federale non ha nemmeno trascurato la possibilità, offerta da una migliore tecnologia, di diffondere un quinto programma sul digitale terrestre DVB-T (Digital Video Broadcasting - Terrestrial).

Canali televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Proprietario Nome Anno di lancio Note Lingua
Schweizer Radio und Fernsehen SRF 1 1950 a volte trasmette programmi in Romancio tedesco
Schweizer Radio und Fernsehen SRF zwei 1997 tedesco
Schweizer Radio und Fernsehen SRF 1 HD 2012 tedesco
Schweizer Radio und Fernsehen SRF zwei HD 2012 tedesco
Schweizer Radio und Fernsehen SRF info 1999 a volte trasmette programmi in Romancio tedesco
Radio Télévision Suisse RTS Un 1954 francese
Radio Télévision Suisse RTS Deux 1997 francese
Radio Télévision Suisse RTS Un HD 2012 francese
Radio Télévision Suisse RTS Deux HD 2012 francese
Radiotelevisione svizzera RSI LA1 1961 italiano
Radiotelevisione svizzera RSI LA2 1997 a volte trasmette programmi in Romancio italiano
Radiotelevisione svizzera RSI LA1 HD 2012 italiano
Radiotelevisione svizzera RSI LA2 HD 2012 italiano

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione