Telescopi Gemini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Osservatorio Gemini
Gemini Observatory at sunset.jpg
Telescopio Gemini North al tramonto
(apre le coperture per equilibrare la temperatura)
OsservatorioOsservatorio Gemini
EnteGemini Consortium e AURA
StatoCile Cile
LocalizzazioneStati Uniti Mauna Kea, isole Hawaii (Nord)
Cile Cerro Pachón (Sud)
Coordinate19°49′26.26″N 155°28′11.42″W / 19.82396°N 155.46984°W19.82396; -155.46984Coordinate: 19°49′26.26″N 155°28′11.42″W / 19.82396°N 155.46984°W19.82396; -155.46984
AltitudineGemini Nord: 4 213 m
Gemini Sud: 2 722[1] m s.l.m.
Clima350 notti con cielo chiaro.
Prima luce nel1999 (North);
2000 (South)
Caratteristiche tecniche
TipoRiflettore Cassegrain
Lunghezza d'ondaInfrarosso e visibile.
Diametro primario8,1 m (ciascuno, attivi)
Diametro secondario1 m (ciascuno, attivi)
Risoluzione angolare1,610 arcsec/mm
Distanza focale128,12 m (f/16)
SpecchioMonolitico a spicchi rivestito di argento (22,2 t). Unici nel mondo con rivestimento in Ag, eccellenti per l'infrarosso, non per l'ultravioletto
MontaturaMontatura altazimutale
CupolaSferica (apertura anche equatoriale)
184 milioni di $ (entrambi)
Sito ufficiale

I Telescopi Gemini sono due telescopi ottici gemelli del diametro di 8 m situati uno nell'emisfero nord (Gemini North) e l'altro nell'emisfero sud (Gemini South). Insieme formano l'Osservatorio Gemini.

Gestione[modifica | modifica wikitesto]

Gemini South al Cerro Pachón in Cile.

I Telescopi Gemini sono stati costruiti e vengono ora gestiti da un consorzio composto da Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Cile, Brasile, Argentina, e Australia. Questa cooperazione è gestita dall'Association of Universities for Research in Astronomy (AURA). Il centro operativo per l'osservatorio boreale è presso Hilo nelle Hawaii presso il parco universitario dell'University of Hawaii, per l'osservatorio australe è presso La Serena, nel Cile.

È stato stimato che i due telescopi sono costati circa 184 milioni di dollari, e che il costo di gestione sia pari a circa 40 000 dollari giornalieri per ognuno dei telescopi.

Nel novembre 2007 il consiglio delle ricerche del Regno Unito (STFC) ha proposto che, per risparmiare 4 milioni di sterline, potrebbe uscire del consorzio della gestione operativa.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Un telescopio (Gemini North), detto anche telescopio Frederick C. Gillett telescope) si trova sul vulcano dormiente Mauna Kea nelle Hawaii (19°49′N 155°28′W / 19.816667°N 155.466667°W19.816667; -155.466667). Le eccellenti condizioni atmosferiche e l'elevata altitudine oltre i 4200 m (13,800 ft) forniscono condizioni visuali ideali per le osservazioni astronomiche. Il telescopio ha visto la prima luce nel 1999, e ha iniziato l'attività osservativa nel 2000.

L'altro telescopio (Gemini South) si trova ad oltre 2700 m (9000 ft) di altitudine sulle Ande del Cile, presso il monte Cerro Pachón (30°13′S 70°43′W / 30.216667°S 70.716667°W-30.216667; -70.716667). L'aria molto secca e la scarsa presenza di nuvole rendono questo sito un scelta molto valida per grandi telescopi, tra i quali il Southern Astrophysical Research (SOAR) e il Cerro Tololo Inter-American Observatory, CTIO. Gemini South ha visto la prima luce nel 2000.[2]

La combinazione dei due telescopi gemelli fornisce una copertura completa di entrambi gli emisferi celesti. Attualmente questi sono tra i più avanzati telescopi nelle bande ottica e infrarossa e utilizzano le più avanzate tecnologie di osservazione, tra cui la guida laser, l'ottica adattiva e la spettroscopia multi-oggetto. Inoltre un sofisticato sistema di ventilazione ed il rivestimento dello specchio in argento consentono di ottenere ottime osservazioni nell'infrarosso. Grazie all'elevata automazione i due telescopi possono essere utilizzati in modalità remota riducendo i problemi connessi alla necessità della presenza del personale.

Ricerca e risultati scientifici[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Aprile 2018 il Gemini North ha dato le prove della presenza del gas idrogeno solforato nell'atmosfera di Urano. Questo grazie agli studi sullo spettro della luce solare riflessa dall'atmosfera del pianeta, compiuti con lo spettrografo NIFS (Near-Infrared Integral Field Spectrometer),[3] che ne ha individuato le firme.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gemini telescopes introduction
  2. ^ (EN) The Gemini North and South Observatory, su astro-canada.ca. URL consultato il 26 aprile 2018.
  3. ^ Odore di uova marce su Urano, su ansa.it, 25 aprile 2018.
  4. ^ (EN) Patrick G. J. Irwin et al., Detection of hydrogen sulfide above the clouds in Uranus’s atmosphere, in Nature Astronomy, vol. 4, 23 aprile 2018, pp. 420-427, DOI:10.1038/s41550-018-0432-1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN156260827 · ISNI (EN0000 0001 0444 8310 · LCCN (ENno99044507