Telenor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Telenor
Logo
StatoNorvegia Norvegia
Forma societariasocietà per azioni
Borse valoriBorsa di Oslo: TEL
Fondazione1855
Sede principaleFornebu
Persone chiaveSigve Brekke, CEO
Jørgen C. Arentz Rostrup, vice-presidente di società e CFO
Settoretelecomunicazioni
Prodottitelefonia fissa, telefonia cellulare, Internet, televisione via cavo
Fatturato94.84 miliardi di NOK (2010)
Dipendenti33220 (2010)
Sito web

Telenor ASA è la più grande azienda norvegese di telecomunicazioni, quotata nell'Indice OBX della Borsa di Oslo.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

La sede centrale di Telenor a Fornebu.

Telenor è il leader nel mercato norvegese delle telecomunicazioni. L'azienda conta 2,4 milioni di clienti di telefonia mobile in Norvegia e possiede partecipazioni in 12 paesi al di fuori del paese, per un totale di 189 milioni di clienti nel mondo (2015). Possiede inoltre il 35,7% di VimpelCom, attiva in 29 paesi.

Mappa dei paesi dove Telenor ha attività nel mondo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda è stata fondata nel 1855 col nome di Telegrafverket, cambiò nome nel 1969 in Televerket e si ribattezzò nel 1994 col nome attuale quando venne ristrutturata come azienda pubblica. Dal dicembre 1998 è quotata in borsa.

Il browser internet Opera è nato nel 1994 come progetto di ricerca all'interno di Telenor. Nel 1995 fu fondata la Opera Software ASA, che si dedica da allora al suo sviluppo.[1]

Il Telenor Research Centre è rimasto a Kjeller fino al 2001, quando la maggioranza dei dipendenti è stata trasferita a Fornebu.

Dal 2004 al 2007 ha fatto parte dell'alleanza Starmap Mobile Alliance tra compagnie internazionali di telecomunicazioni (ne faceva parte anche l'italiana Wind).

Il 3 aprile 2009, Telenor è condannata in appello a pagare 1,7 miliardi di dollari di riparazione all'azionista di minoranza russo Farimex Products, per aver ritardato l'entrata dell'operatore russo VimpelCom nel mercato ucraino.

Mercati internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Presenza internazionale di Telenor nel 2009.
Sede Telenor di Stoccolma.

Operatori locali[modifica | modifica wikitesto]

Nazione Operatore Nome nativo Website
Norvegia Norvegia Telenor Norway Telenor [telenor.no telenor.no].
Svezia Svezia Telenor Sweden Telenor [telenor.se telenor.se].
Danimarca Danimarca Telenor Denmark Telenor [telenor.dk telenor.dk].
Serbia Serbia Telenor Serbia Теленор [telenor.rs telenor.rs].
Montenegro Montenegro Telenor Montenegro Теленор [telenor.me telenor.me].
Ungheria Ungheria Telenor Hungary Telenor [telenor.hu telenor.hu].
Bulgaria Bulgaria Telenor Bulgaria Теленор [telenor.bg telenor.bg].
India India Telenor India Telenor [telenor.in telenor.in].
Thailandia Thailandia dtac ดีแทค [dtac.co.th dtac.co.th].
Malaysia Malaysia DiGi digi [digi.com.my digi.com.my].
Bangladesh Bangladesh Grameenphone গ্রামীণফোন [grameenphone.com grameenphone.com].
Pakistan Pakistan Telenor Pakistan ٹیلی نار [telenor.pk telenor.pk].
Birmania Birmania Telenor Myanmar တယ်လီနော [telenor.com.mm telenor.com.mm].

Finlandia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Canal Digital.

Malesia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Digi Telecommunications.

Serbia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Telenor Serbia.

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Bredbandsbolaget, Net4Mobility e Canal Digital.

Thailandia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: DTAC.

Ucraina, Russia, Italia e altri paesi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 Telenor ha aumentato la sua quota azionaria di VimpelCom Ltd. (Marchi: Beeline, WIND, Kyivstar, Orascom Telecom) al 35,7% (con il 42.95% dei diritti di voto).[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ About Opera, Opera Software. URL consultato il 10 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2007).
  2. ^ Telenor uses option to buy 3.5% of Vimpelcom from Sawiris, Interfax, 1º ottobre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 0401 8398