Telefono giallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Telefono giallo
Telefono giallo.jpg
Paese Italia
Anno 1987-1992
Genere docu-drama, criminologia
Lingua originale italiano
Crediti
Conduttore Corrado Augias
Donatella Raffai (solo la 1ª edizione)
Ideatore Lio Beghin
Regia Adriana Borgonovo
Casa di produzione Rai
Rete televisiva Rai 3

Telefono giallo è stato un programma televisivo andato in onda su Rai 3 dal settembre del 1987 al dicembre del 1992, condotto da Corrado Augias. Solo per la prima edizione del programma, quella del 1987, Corrado Augias fu affiancato, nella conduzione, dalla collega Donatella Raffai.

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

Il programma affrontava casi di cronaca nera e misteri ancora aperti; dopo la ricostruzione del caso fatta mediante delle mini-fiction, il programma apriva il dibattito con gli ospiti in studio e ascoltava in diretta le telefonate dei telespettatori in grado di fornire nuovi stimoli per le indagini.

Andava in onda il martedì sera alle 20:30 e ogni puntata durava mediamente tre ore. Tra gli autori e collaboratori del programma anche le giornaliste Donatella Raffai (che fu co-conduttrice del programma nella prima edizione) e Franca Leosini.

Il programma aveva anche un numero telefonico attraverso il quale i telespettatori potevano intervenire per poter dare informazioni sul fatto trattato in puntata; tale numero telefonico era lo 06/8262 (lo stesso utilizzato anche da Chi l'ha visto?).

Tra i casi più celebri affrontati: la strage di via Caravaggio (Napoli); l'assassinio del giornalista Giancarlo Siani; l'assassinio dell'ex sindaco di Palermo Giuseppe Insalaco; la tragedia delle due minorenni uccise a Ponticelli (Napoli) nel 1983; la strage di Ustica (maggio 1988), in cui la telefonata di un radarista fece riaprire l'inchiesta[1]; il delitto di Roberta Lanzino (gennaio 1989); il delitto di Francesca Alinovi (novembre 1989); il delitto della cantante Lolita (dicembre 1989); il delitto di via Poma (4 dicembre 1990); il delitto dell'Olgiata (6 ottobre 1992); il delitto di Gisella Orrù (13 ottobre 1992); le stragi mafiose di Capaci e Via D'Amelio in cui morirono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino assieme alle loro scorte (novembre 1992), il caso della mantide di Cairo Montenotte (8 dicembre 1992).

Nonostante il grande successo d'ascolti, il programma fu improvvisamente cancellato e non confermato per la stagione 1993-94, e ciò causò parecchie polemiche tra il direttore di Raitre dell'epoca, Angelo Guglielmi e l'allora dirigenza RAI; in particolare, Guglielmi disse che la trasmissione era stata chiusa perché ritenuta scomoda da molti (soprattutto in seguito alla famosa puntata sul caso di Ustica ed a quella sulle stragi di Capaci e Via D'Amelio).

A seguito della sua repentina chiusura, il testimone di Telefono giallo passò alla trasmissione-sorella Chi l'ha visto?, la quale, a partire dal 1993, allargò il proprio campo d'inchiesta dai soli casi di scomparsa anche a quelli di cronaca nera.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

1987[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 29 settembre al 3 novembre - 6 puntate trasmesse di martedì

Temi trattati:

  • Il delitto della baronessa De Magistris
  • Il caso del mostro di Firenze
  • La scomparsa dell'avvocato Manuella
  • Il caso De Rothschild
  • Il caso Orlandi e Gregori
  • Il controverso caso Carlotto

1988[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 14 aprile al 16 giugno - 10 puntate, otto trasmesse di venerdì e due di giovedì. Dal 25 novembre al 30 dicembre - 6 puntate trasmesse di venerdì

Temi trattati:

  • Il caso Pecorelli (truffa petroli-SIFAR)
  • Il caso Cristian Lorandi
  • Il caso Aprile
  • L'assassino di Mary D'Amerio
  • Gli omicidi Lusenti e Linguanotto
  • L'omicidio di Montesacro
  • Il caso Ustica
  • Il terzo uomo di Ludwig
  • Il caso Semerari
  • L'omicidio di Pordenone (setta Telsensao)
  • Il caso Calvi
  • Il delitto di Parma
  • L'assassinio di Ida Pischedda
  • Il giallo di Gambettola
  • Il delitto Grimaldi
  • La strage di via Caravaggio
  • Il delitto delle bambine di Marsala

1989[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 10 gennaio al 10 marzo - 8 puntate trasmesse di venerdì. Dal 13 ottobre al 22 dicembre - 13 puntate trasmesse di venerdì

Temi trattati:

  • Il caso Martinelli
  • L'ultimo viaggio di Roberta
  • La tragica morte di Palmina
  • Il delitto Chicchiarelli
  • Il delitto del prof. Montanari
  • Il caffè Sindona
  • Il delitto di Veio
  • Il mistero di Argo 16
  • Il dirottamento dell'Achille Lauro
  • Il caso Siani
  • Il mago di Galatina
  • Il delitto di Palazzo Dario
  • Il caso Renata Forte
  • Il delitto Mauro Rostagno
  • Il delitto di Claudio Domino
  • Bologna: il delitto del Dams
  • L'omicidio di Paolo Di Nella
  • Il delitto di via Tacito
  • Il caso Alceste Campanile
  • Il delitto di Crotone
  • Chi ha ucciso Lolita?
  • Tragico appuntamento per due bambine

1990[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 16 gennaio al 20 febbraio - 6 puntate trasmesse di martedì

Temi trattati:

  • Delitti all'ombra del Vesuvio
  • Il delitto Greco
  • L'uccisione di Giuseppe Fava
  • L'incredibile caso di Daniel Giner
  • Il caso Maria Negri
  • L'ultima canzone di Luigi Tenco

1990-1991[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 4 dicembre 1990 all'11 marzo 1991 - 11 puntate trasmesse di martedì

Temi trattati:

  • Il delitto di via Poma
  • Gli omicidi di Modena
  • L'omicidio Insalaco
  • L'imprenditore e la maestra
  • Anna Sillitti, una donna da eliminare
  • Faide sarde
  • Lo scandalo della BNL
  • Rocco Chinnici, una strage annunciata
  • Un mistero in fondo alla scala
  • Il delitto della Versilia
  • Il delitto Ammaturo
  • Un delitto quasi perfetto (puntata sulla morte di un medico napoletano, Gennaro Falco, da parte della camorra, che non andò in onda su richiesta della magistratura)

- Telefono Giallo "Speciale Ustica" (10 ottobre 1991)

1992[modifica | modifica wikitesto]

  • Dal 6 ottobre all'8 dicembre 1992 - 10 puntate trasmesse di martedì

Temi trattati:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione