Tabula Capuana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La tavola capuana o tabula capuana, impropriamente detta anche tegola di Capua, è una tavoletta in terracotta di 60 × 50 cm risalente alla prima metà del V secolo a.C. e mostrante il più lungo testo conosciuto scritto in lingua etrusca dopo quello della Mummia di Zagabria. Scoperta nel 1898 sotto il suolo di Santa Maria Capua Vetere, l'antica Capua, oggi è conservata presso il Staatliche Museen di Berlino.

Il testo, composto di circa 390 parole leggibili e suddiviso in 10 sezioni da linee orizzontali incise, è molto simile a quello usato in Campania a metà del secolo V a.C., sebbene il testo trascritto sia molto più vecchio.

L'interpretazione sembrerebbe propendere per un calendario rituale, con anno suddiviso in 10 mesi a cominciare dal mese di Marzo (in Etrusco Velxitna), aprile (Apiras(a)) ecc. Tentativi di decifrazione[1] sono basati sulla supposizione che il calendario prescriva certi riti in certi giorni dell'anno, in certi luoghi e per certi dei.

Il testo stesso è stato pubblicato da Francesco Roncalli, in Scrivere etrusco 1985.

Note

  1. ^ Cristofani, 1995, vedi bibliografia

Bibliografia

  • Mauro Cristofani, Tabula Capuana: un calendario festivo di età arcaica, Firenze, 1995.

Voci correlate

Altri manufatti etruschi

Collegamenti esterni

  Portale Archeologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Archeologia