Teen drama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il teen drama (drammatico a tema adolescenziale) è un genere di serie televisiva.

Il teen drama trova le sue origini nelle situation comedy in onda negli USA principalmente negli anni ottanta, i cui protagonisti erano i componenti della famiglia borghese: mamma, papà e figli (bambini ed adolescenti). Tuttavia, nel genere della commedia, il tema dell'adolescenza è sempre stato trattato, per ovvie ragioni, marginalmente.

I teen drama, spesso, hanno elementi di soap opera, con episodi che hanno una storia continuativa. Le serie drammatiche con giovani attori narrano di relazioni e amori tipicamente adolescenziali. Successivamente sono nati sottogeneri fantasy, d'azione o musicali, e alcune anche sul comedy.

Le differenze fra teen drama "puro" e i sottogeneri[modifica | modifica wikitesto]

Occorre fare una completa distinzione tra le serie del teen drama detto "puro" e delle serie che hanno generi medical, fantasy o horror e hanno protagonisti adolescenti dette "sottogeneri". Le prime serie furono quelle nate negli anni novanta come Beverly Hills 90210, Party of five, Dawson's Creek e My So-Called Life e che poi ebbero successo anche negli anni duemila come The O.C., One Tree Hill, Una mamma per amica e la più recente Gossip Girl. Le altre invece nacquero negli anni duemila e furono teen drama miste principalmente al genere fantasy come Buffy l'ammazzavampiri, Roswell, Smallville, The Vampire Diaries e The Secret Circle.

La differenza è che le prime si concentrano su temi esclusivamente adolescenziali e delicati come droga, AIDS, sessualità, alcool e omosessualità che alcune volte tendono ad assomigliare alle tradizionali soap opera con però protagonisti più giovani. Le altre invece affrontano in parte o non affrontano proprio le tematiche adolescenziali, ma anzi preferiscono basare la storia sul fantasy.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Il genere è originario degli Stati Uniti d'America. I primi programmi tv a genere drammatico che parlassero di adolescenti furono le soap opera. La prima soap opera era appunto Never Too Young, in onda dal 1965 al 1966. Tra gli anni sessanta e settanta, nacquero numerose soap, tra le quali vi erano due che si incentrassero in modo particolare sull'argomento: La valle dei pini nel 1970 e Febbre d'amore nel 1973.

Da questo momento incominciarono numerosi programmi serali a tema famigliare, con almeno un personaggio adolescente, incentrando molti episodi sulle problematiche legate alla sua età; sono da citare, ad esempio, La famiglia Bradford, La casa nella prateria, Una famiglia americana, o la breve James'.

Il genere negli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Il teen drama "puro"[modifica | modifica wikitesto]

I primi teen drama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 nacque la prima vera e propria serie incentrata solamente su adolescenti, Degrassi Junior High, trasmessa sulla rete canadese CBC dal 1987 al 1989, ed il suo diretto spin off, Degrassi High (in onda dal 1989 al 1991 sempre sulla stessa rete); dieci anni dopo nascerà la seconda generazione della serie, in onda fino al 2015, seguita poi dalla terza generazione netflix dal 2016.

Nel 1990, il noto produttore televisivo statunitense Aaron Spelling iniziò ad accarezzare l'idea di una nuova forma di soap opera con protagonisti adolescenti. Grazie a questa intuizione (e ad una sceneggiatura dell'autore Darren Star) partì il 4 ottobre 1990 su Fox la serie Beverly Hills, 90210. Sebbene fu inizialmente accolta tiepidamente dal pubblico giovanile, quando la Fox spostò i nuovi episodi della seconda stagione in piena estate, il successo fu immediato. Per la prima volta venivano affrontati i temi di alcol, sessualità, aids e droga tra i liceali in maniera naturale e non paternalistica: questo nuovo genere televisivo venne seguito da decine di milioni di telespettatori in tutto il mondo e divenne una vera e propria icona televisiva mondiale degli anni novanta.

In seguito, sempre su Fox inizia, nel 1994, un'altra serie con protagonisti adolescenti, Party of five, che presenta per la prima volta in tv un nucleo familiare composto interamente da ragazzi, poiché la serie tratta di un gruppo di fratelli e sorelle che hanno perso i genitori e vengono quindi accuditi dal fratello maggiore; il telefilm ebbe un grande successo negli Stati Uniti, vincendo persino un Golden Globe nel 1996, come miglior serie drammatica dell'anno, e generando anche uno spin off di scarso successo intitolato Cenerentola a New York che trattava di una ragazza ventenne trasferitasi a New York per realizzare le sue aspirazioni. Sempre nel 1994 debutta sulla ABC la serie My So-Called Life nella quale recitarono Claire Danes e Jared Leto, e che si fece notare per lo stile più crudo con cui trattava argomenti importanti come la pedofilia o l'omosessualità fra gli adolescenti; pur avendo ottenuto all'epoca uno scarso successo tanto da venire cancellato dopo una sola stagione, negli anni il telefilm è assurto a titolo di culto ed è tutt'oggi considerato una pietra miliare del genere del dramma adolescenziale.

Nel 1998 iniziò su The WB, un canale nato qualche anno prima, Dawson's Creek: partorita dalla geniale e sensibile mente di Kevin Williamson, la serie è considerata diretta erede generazionale di Beverly Hills, ma, essendo ambientata in un'anonima cittadina di provincia, ha come protagonisti ragazzi più semplici e non privilegiati, che rappresentarono una parte più ampia del pubblico in cui gli adolescenti riuscirono a riconoscersi. Il telefilm ha un suo tratto preciso e distante da quello di Beverly Hills e, pur rientrando nello stesso genere, ne cambia lo stile: si abbandona quello soap della California e si assume quello più intimista, cervellotico e machiavellico trattando di "primi baci", "prime volte" e droga in maniera più sensibile; la serie è inoltre un buon successo e, nonostante l'abbandono del creatore Kevin Williamson dopo la seconda stagione, la serie dura per quattro ulteriori anni fino al 2003.

Una menzione la merita anche la serie Freaks and Geeks, ideata da Paul Feig e prodotta da Judd Apatow che trattava la vita di un gruppo di liceali nel 1980; il telefilm venne trasmesso dalla NBC per una sola stagione tra il 1999 e il 2000 e, pur essendo cancellata dopo 18 episodi, è stata in seguito rivalutata come uno dei migliori esempi del dramma adolescenziale.

Ultima serie degna di nota di quegli anni è la serie Grosse Pointe, trasmessa dalla The WB per soli 17 episodi tra il 2000 e il 2001; il telefilm era stato ideato da Darren Star che, basandosi sulla sua esperienza sul set di "Beverly Hills, 90210", aveva ideato la storia di un dietro le quinte di una serie adolescenziale dove i giovani attori litigavano con autori e produttori in merito allo spazio e alle sceneggiatura che ciascuno di loro voleva ottenere o che non gli andavano a genio. "Grosse Pointe" è considerata praticamente l'unica serie parodistica del genere.

Lo stile del nuovo millennio[modifica | modifica wikitesto]

In seguito debuttano, nel mese di settembre 2003, due serie su due canali differenti: The OC sulla Fox (orfana da tre anni di Beverly Hills) e One Tree Hill prende il posto di Dawson's Creek nel palinsesto sulla The WB.

The OC segue lo stile soap di Beverly Hills, ma aggiungendo una forte dose di autoironia che farà della serie un vero e proprio fenomeno di costume in tutto il mondo; One Tree Hill parte invece seguendo la strada di Dawson's Creek, ma cambia in seguito stile, assomigliando sempre di più alla piega da soap opera intrapresa nelle ultime stagioni da Beverly Hills e The OC: pur rimanendo moltissimo incentrato sulla vita degli adolescenti, tratta nuovi argomenti come il lavoro, lo sport agonistico e la paternità (tant'è che la serie, dopo quattro stagioni su due anni di liceo, tornerà l'anno successivo con una stagione ambientata direttamente dopo gli anni del college e con l'inserimento di diversi suddetti elementi soap).

Negli anni tra il 1998 e 2005 il genere vive il suo periodo di massimo splendore, le serie erano molte in produzione e anche molto seguite.

Gli ultimi teen drama "puri"[modifica | modifica wikitesto]

Con la fusione dell'emittente teen per eccellenza The WB con la UPN nel nuovo canale televisivo The CW, anch'esso dedicato interamente ai giovani, molte serie televisive vennero cancellate per mancanza di budget e bassi ascolti.

Con il fallimento di The OC nel 2007, nessuna delle quattro maggiori emittenti americane (ABC, NBC, CBS e FOX) produsse più serie televisive a carattere adolescenziale. Solo la Fox dal 2009 al 2015 produsse una serie adolescenziale con una forte dose di musical ovvero Glee che, soprattutto durante le prime tre stagioni, si rivela un grande successo di pubblico, ma non di critica che reputò le storie d'amore trattate nella serie troppo confusionarie e poco curate. Il genere tuttavia continuò a crescere andando in onda su altri canali.

L'ABC Family produsse dal 2008 al 2013 un teen drama innovativo che parlasse esclusivamente della gravidanza adolescenziale, La vita segreta di una teenager americana, poi produsse altre serie come Falcon Beach. Wildfire, Lincoln Heights e Pretty Little Liars.

La CW, dopo una falsa partenza con stagioni conclusive disastrose di precedenti successi di WB e UPN (Veronica Mars, Gilmore Girls, Settimo cielo) e serie poco ispirate come Runaway - In fuga e L'Africa nel cuore, ha realizzato la sua prima hit nel 2007 grazie alla serie Gossip Girl. Procedendo quindi sulla scia del teen drama glamour e prevalentemente diretto ad un pubblico femminile, il canale ha in seguito realizzato 90210 e poi ulteriori serie che ebbero però scarso successo, come Melrose Place, Privileged, The Beautiful Life e Hidden Palms.

La scomparsa dei teen drama "puri"[modifica | modifica wikitesto]

Il genere rimase ancora molto vivo fino al 2012, quando cancellarono One Tree Hill (dopo 9 anni) e Gossip Girl (dopo 6), che erano state serie che, come Beverly Hills, avevano portato una vera e propria influenza su costumi, tendenze e usi dell'epoca, avendo accompagnato una intera generazione di adolescenti.

Nel 2013, dopo un tentativo mal riuscito di creare una nuova serie sulle storie di adolescenti, questa volta come prequel di una serie di successo degli anni novanta, con The Carrie Diaries, vennero cancellate anche La vita segreta di una teenager americana e 90210.

Oggi infatti queste serie non sembrano più attirare un pubblico numeroso, i teen drama puri, sembrano aver stancato il pubblico statunitense.

Lo sviluppo dei sottogeneri del teen drama[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni 2000 iniziano a nascere delle declinazioni particolari che mescolano l'elemento teen a diversi altri generi come il fantasy (Buffy), il fantascientifico (Roswell), il fumettistico (Smallville), il giallo (Veronica Mars), o il dramma familiare (Settimo Cielo, Everwood e Una mamma per amica).

Negli ultimi anni, grazie all'esplosione al cinema del sottogenere misto al fantasy di pellicole tratte da fenomeni letterari come Twilight, Hunger Games, Divergent e Shadowhunters, sembra aver contagiato anche la televisione. I canali televisivi hanno cercato di trasformare il genere del dramma adolescenziale, attingendo anche da saghe letterarie grazie a serie come The Vampire Diaries, The Secret Circle, Pretty Little Liars, Teen Wolf, Star-Crossed e The 100, le quali cercano di trattare argomenti adolescenziali in contesti di fantasia e meno realistici rispetto al passato.

Nel 2014 viene anche proposto Red Band Society, un adattamento americano della serie Polseres Vermelles, ideata da Albert Espinosa e segue le vicende di un gruppo di adolescenti che vivono insieme come pazienti nel reparto infantile di un ospedale. In questa serie si affrontano più in particolare temi come il cancro, il coma, la bulimia e altre malattie. La serie è anche prodotta in Italia, conosciuta come Braccialetti rossi.

Nessun teen drama "puro" è attualmente in produzione negli USA, ma un discreto riscontro del pubblico sembra ancora esserci in queste nuove tipologie di serie in produzione negli ultimi anni.

Il genere in altri paesi[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il genere sia diventato famoso negli Stati Uniti, il primo teen drama di grande successo fu inglese, Grange Hill, trasmesso per 30 anni, dal 1978 al 2008, per un totale di 601 episodi.

Negli ultimi anni invece sono stati prodotte serie come Skins, Misfits (a carattere fantasy) e la longeva Waterloo Road.

Canada[modifica | modifica wikitesto]

Il Canada fu il secondo paese, dopo il Regno Unito, ad adottare il genere. Tra il 1979 e il 1992 andarono in onda quattro serie televisive, tutti teen drama dello stesso franchise, The Kids of Degrassi Street, Degrassi Junior High, Degrassi High e Degrassi Talk. Le storie della prima generazione della Degrassi si conclusero nel 1992, ma nel 2001 ritornò in tv una nuova serie del franchise, intitolata Degrassi: The Next Generation che vide un totale cambio di cast, anche se rimasero alcuni membri delle serie iniziali. La serie è divenuto il secondo teen drama più lungo di sempre, dopo Grange Hill, andata in onda per 14 stagioni dal 2001 al 2015.

Dal 2002 anche il canale via cavo The N, di proprietà Viacom (MTV), indirizzato a giovani adolescenti, inizia a produrre e trasmettere vari teen drama: Instant Star, Whistler, Degrassi: The Next Generation, Beyond the Break, About a Girl, A sud del Paradiso, The Best Years. Ad eccezione di Degrassi (la serie più longeva del canale), gli altri telefilm hanno avuto vita breve e scarso riscontro internazionale (unica eccezione è stata la serie Instant Star che, grazie al connubio con la musica, è riuscita a ritagliarsi una discreta fama). Le serie sono per lo più prodotte in Canada e lamentano, purtroppo, una scarsa cura nella realizzazione e nella sceneggiatura pur puntando ad argomenti sociali molto importanti.

Nel 2016 il canale Family in co-produzione con Netflix inizia la produzione della sesta serie del franchise di Degrassi, ovvero la terza generazione, intitolata Degrassi: Next Class[1].

Australia[modifica | modifica wikitesto]

Anche l'Australia si è mostrata interessata alla produzione di serie teen come Ship to Shore, The Sleepover Club, Summer Heights High, Lockie Leonard, Blue Water High e la serie con sottogenere fantasy H2O.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il genere ha trovato il successo grazie ai prodotti di importazione trasmessi principalmente su Italia 1. La rete trasmise in orari strategici per catturare il pubblico adolescente dapprima Beverly Hills, 90210 e, in seguito, Dawson's Creek e The OC, le quali si rivelarono tutte dei grandi successi e probabilmente i prodotti più conosciuti del genere nel nostro Paese. Anche Gossip Girl è una serie che trovò il suo successo grazie alla Mediaset che però decise di trasmetterla su una rete a pagamento e che, grazie alle innovazioni di internet, risentì del pubblico adolescente che vedeva il prodotto sottotitolato in italiano poche ore dopo la trasmissione statunitense snobbando poi la trasmissione italiana. Rai 2 ha provato in seguito a bissare il successo di Italia 1 programmando serie come Roswell, Popular, 90210 e One Tree Hill, ma il genere del dramma adolescenziale resta legato principalmente a Mediaset.

Sulle reti italiane, incredibilmente ben prima dell'ideazione di "Beverly Hills, 90210", Italia 1 trasmise la serie I ragazzi della 3ª C, in onda dal 1987 al 1989, la quale raccontava, in una chiave prevalentemente di commedia, le storie di un gruppo di ragazzi liceali. Rai 2 trasmise invece, nel 1991, la serie I ragazzi del muretto che trattava anch'essa di un gruppo di adolescenti liceali, questa volta con un tono più drammatico delle vicende.

Altre serie italiane del genere degne di nota sono state Compagni di scuola trasmessa su Rai 2 nel 2001, Grandi domani (Italia 1, 2005) ed infine I liceali (trasmessa per tre stagioni dal 2008 al 2011 su Canale 5, dopo un primo passaggio a pagamento sul canale Joi: unico esempio di fiction italiana trasmessa in questo modo).

Arrivò in seguito anche la declinazione del genere in serie con tematiche familiari come Un medico in famiglia (in onda dal 1998 su Rai 1), Provaci ancora prof (dal 2005 su Rai 1), I Cesaroni (Canale 5, 2006-2014) e Fuoriclasse (Rai 1, 2011-2015).

La vita dei ragazzi universitari è stata affrontata in due serie particolarmente degne di nota: Via Zanardi, 33 (Italia 1, 2001) e Stiamo bene insieme (Rai 2, 2002)

Un esempio più recente di serie televisiva italiana classificabile in questo genere è Braccialetti rossi (Rai 1, dal 2014), che consiste in un adattamento di una serie televisiva spagnola e che narra le vicende di un gruppo di ragazzi (alcuni bambini, altri adolescenti) che vivono le loro vite fra i corridoi di un ospedale in quanto pazienti ricoverati per varie ragioni cliniche.

Paesi latini[modifica | modifica wikitesto]

In questi paesi il genere si sviluppò principalmente sotto forma di telenovela per ragazzi. Si ricordano programmi come Flor, Il mondo di Patty, Teen Angels e la longeva telenovela Chiquititas.

In Oriente[modifica | modifica wikitesto]

Molti dorama e serie televisive giapponesi si sono orientate sempre più, almeno a partire dalla fine degli anni novanta, al genere teen drama: tratti da manga e anime di successo, evidenziano difficoltà ed ostacoli da superare da parte del o dei protagonisti adolescenti.

Generalmente interpretate da giovani idol e cantanti popolari J-pop, ottengono spesso un buon riscontro di pubblico, dovuto anche al fatto che le tematiche scolastiche adolescenziali sono tra le più appassionanti per i telespettatori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione