Ted Chiang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ted Chiang alla World Fantasy Convention del 2007.

Ted Chiang (Port Jefferson, 1967) è uno scrittore statunitense di racconti fantastici.

Nato a Port Jefferson nello stato di New York, si è diplomato alla Brown University con una laurea in informatica. Attualmente risiede a Bellevue, vicino Seattle, Washington, dove lavora come scrittore tecnico per l’industria del software.

Pur non essendo un autore prolifico, fino ad ora ha pubblicato solo 11 racconti e un romanzo breve, Chiang ha vinto una quantità di premi non indifferenti, tra i quali: un Premio Nebula per Torre di Babilonia (Tower of Babylon) nel 1990, il Premio John W. Campbell per miglior nuovo scrittore nel 1992, un Premio Nebula e un Theodore Sturgeon Memorial Award per Storia della tua Vita (Story of Your Life) nel 1998, un Premio Sidewise per Settantadue Lettere (Seventy-Two Letters) nel 2000, un Premio Nebula, un Premio Locus e un Premio Hugo per la sua novella L’Inferno è l’Assenza di Dio (Hell Is the Absence of God) nel 2002, un Premio Nebula e un Premio Hugo per The Merchant and the Alchemist’s Gate (2007).

Chiang nel 2003 ha rinunciato alla candidatura ad un Premio Hugo del suo racconto breve Il piacere di ciò che vedi: un documentario (Liking What You See: A Documentary), in quanto non pienamente soddisfatto del risultato finale che non riteneva conforme agli standard qualitativi del Premio.[1]

Nel numero di luglio 2005 la rivista scientifica Nature ha pubblicato un suo breve racconto intitolato What’s expected of us nella rubrica Futures.[2]

Stories of Your Life, and Others, libro del 2002 che raccoglie i suoi primi 8 racconti, è stato pubblicato nel 2008 in Italia con il titolo Storie della tua vita per le edizioni "Stampa Alternativa & Graffiti".

Ted Chiang ha pubblicato nel settembre del 2007 un racconto breve dal titolo Il mercante e il portale dell'alchimista che si è aggiudicato i premi Nebula e Hugo per qull'anno. Nel 2009 arriva il suo racconto successivo, Respiro, che il 27 giugno dello stesso anno si è aggiudicato il Premio Locus per la sua categoria, seguito il 10 agosto dal Premio Hugo. Entrambi questi racconti sono stati pubblicati in Italia dalla rivista Robot edita dalla "Delos Books".

Nel luglio 2010 ha pubblicato per la casa editrice Subterranean Press un romanzo breve dal titolo Il ciclo di vita degli oggetti software che dopo essersi aggiudicato il Premio Locus per la categoria gli è valso il suo quarto Premio Hugo. Ad ottobre 2011 il libro è stato pubblicato in Italia nella collana "Odissea Fantascienza" sempre per le edizioni "Delos Books".


Ted Chiang alla libreria 'Estudio en Escarlata' di Madrid, Spagna (scatto di Arturo Villarrubia, 24/02/2011)
Ted Chiang alla libreria 'Estudio en Escarlata' di Madrid, Spagna (scatto di Arturo Villarrubia, 24/02/2011)

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Ted Chiang è mancino[1]. Si dichiara ateo[1]. Il suo nome cinese è Chiang Feng-nan (姜峯楠).


Opere[modifica | modifica sorgente]

Racconti[modifica | modifica sorgente]

  • Torre di Babilonia (Tower of Babylon) (1990)
  • Capire (Understand) (1991)
  • Divisione per zero (Division by Zero) (1991)
  • Storia della tua vita (Story of Your Life) (1998)
  • Settantadue lettere (Seventy-two Letters) (2000)
  • L'evoluzione della scienza umana (The Evolution of Human Science) (2000)
  • L'inferno è l'assenza di Dio (Hell is the Absence of God) (2001)
  • Il piacere di ciò che vedi: un documentario (Liking What You See: a Documentary) (2002)
  • Cosa ci si aspetta da noi (What's Expected Of Us) (2006)
  • Il mercante e il portale dell'alchimista (The Merchant and the Alchemist's Gate) (2007)
  • Respiro (Exhalation) (2008)

Romanzi brevi[modifica | modifica sorgente]

  • Il ciclo di vita degli oggetti software (The Lifecycle of Software Objects) (2010)

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Intervista di Rani Graff a Ted Chiang: www.fantasticmetropolis.com
  2. ^ Racconto breve sulla rivista Nature: http://www.concatenation.org/futures/whatsexpected.pdf

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 85807457 LCCN: n2001156449