Tecnam P2012 Traveller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tecnam P2012 Traveller
Cape Air Tecnam 288.jpg
Descrizione
Tipoaereo da trasporto
Equipaggio2[1] (1 minimo)
ProgettistaLuigi Pascale
CostruttoreItalia Tecnam
Data primo volo21 luglio 2016[1]
Dimensioni e pesi
Lunghezza11,40 m
Apertura alare13,56 m
Altezza4,06 m
Superficie alare22,00
Carico alare136 kg/ m²
Peso a vuoto2 250 kg
Peso max al decollo3 600 kg[2]
Passeggeri9[1]
Capacità combustibile620 l
Propulsione
Motoredue Lycoming TEO-540-C1A da 375 hp ciascuno
Prestazioni
Velocità max445 km/h
Velocità di stallo110 km/h
Velocità di crociera333 km/h
Velocità di salita8,1 m/sec (2 m/sec con un solo motore)
Autonomia1 730 km
Raggio di azione1500 Km[1]

dati tratti da Tecnam P2012 Traveller[3]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Tecnam P2012 Traveller è un aereo da trasporto passeggeri, monoplano, bimotore, sviluppato dall'azienda italiana Tecnam.[4][5]

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto del velivolo da trasporto passeggeri a 11 posti P2012 Traveller fu realizzato dall’ingegnere Luigi Pascale, come sviluppo del precedente quadriposto P2006T, nel corso del 2015. Il nuovo velivolo, equipaggiato con motori destinati ad operare principalmente nella categoria FAR part 23/EASA CS 23,[3] è concepito anche per impieghi multiruolo come idrovolante, trasporto VIP, trasporto paracadutisti, cargo e aeroambulanza.

Il primo prototipo del P2012 Traveller, matricola I-PTFC, è stato realizzato negli stabilimenti della Tecnam a Capua, in Campania, ed ha effettuato il roll out il 21 aprile 2016,[6][7] andando in volo per la prima volta il 21 luglio[8] dello stesso anno nelle mani del capo collaudatore Lorenzo De Stefano.[3]

Il 19 dicembre 2018 l'aereo ottiene la certificazione EASA[9], utilizzando due prototipi per completare il programma di certificazione[10]. L'11 luglio 2019 il velivolo ha ottenuto la certificazione anche da parte della FAA, l'ente statunitense dell'aviazione civile.[11]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il velivolo è un bimotore leggero, ad ala alta e carrello d'atterraggio triciclo anteriore fisso per poter operare da piste non asfaltate. La propulsione è affidata a due motori a pistoni dotati di turbocompressore Lycoming TEO-540-C1A a 6 cilindri, raffreddati ad aria, eroganti la potenza di 375 hp ciascuno.[3] I propulsori azionano due eliche tripala a giri costanti.[3]

La cabina passeggeri, della capacità di 9-10 posti, è dotata di ampi vetri panoramici, e dispone di quattro porte di accesso di cui una scorrimento laterale e una porta per il carico merci.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

P2012 Traveller
  • Versione da trasporto dotata di 9-10 posti;
P2012 Sentinel SMP (Special Misson Platform)
  • Versione da sorveglianza con peso massimo di 3.680 kg ed un equipaggio di 6 persone, con autonomia di 9 ore.[12] Sviluppata in collaborazione con L3 Harris per l'integrazione di un sensore optronico Wescam MX, per l'impiego nel settore "law enforcement", oppure un radar SAR (ad apertura sintetica).[12]
P-Volt
  • Versione a propulsione elettrica derivata dal P2012, in corso di sviluppo tra Tecnam e Rolls-Royce plc per la compagnia area regionale norvegese Widerøe, prevista l'entrata in servizio nel 2026.[13]

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Cliente di lancio del velivolo è stata la compagnia statunitense Cape Air, con sede nel Massachusetts, che ha ordinato cento esemplari di P2012 con cui sostituire l’intera flotta aerea in uso.[3] Tale azienda ha collaborato con i propri tecnici anche nella progettazione del velivolo.[14] Il 15 novembre 2016 il prototipo è stato testato in volo da una delegazione della Cape Air guidata dal CEO, e fondatore della compagnia, Dan Wolf. Nell’ottobre del 2019 sono stati consegnati i primi 3 esemplari.[3]

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Seychelles Seychelles
3 P2012 ordinati nel 2018, il primo consegnato a novembre 2019.[15]
Stati Uniti Stati Uniti
Mou per 100 velivoli (da confermare a lotti di 20).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e "Successo Tecnam in America" - "Aeronautica & Difesa" N. 395 - 09/2019 pag. 18
  2. ^ Tecnam and Cape Air discuss P2012 delivery timeline, in Flight Global, 15 novembre 2016.
  3. ^ a b c d e f g VFR Aviation n.18, dicembre 2016, p. 55.
  4. ^ Payloads, su p2012.tecnam.org, Tecnam (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2015).
  5. ^ Competitors Comparison, su p2012.tecnam.org, Tecnam. URL consultato il 29 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2017).
  6. ^ Tecnam Rolls Out Twin Piston Short-Haul Aircraft, Aviation Week & Space Technology, 1 Aprile 2016
  7. ^ Traveller takes shape as Tecnam sticks to timeline, su flightglobal.com, flightglobal, 4 novembre 2015.
  8. ^ Tecnam P2012 Traveller takes flight, su Flight Global, 25 luglio 2016.
  9. ^ (EN) TYPE-CERTIFICATE DATA SHEET NO. EASA.A.637 for P2012 (PDF), su easa.europa.eu, Agenzia europea per la sicurezza aerea, 29 maggio 2019. URL consultato il 3 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2019).
  10. ^ Certificato EASA il P2012 Traveller, in VFR Aviation, n. 43, Aero Media Press TV, gennaio 2019, p. 15, ISSN 2465-096X (WC · ACNP).
  11. ^ Jon Hemmerdinger, FAA approval brings first P2012 delivery to Cape Air closer, su Flight Global, 16 agosto 2019.
  12. ^ a b "Tecnam presenta il P2012 Sentinel SMP" - "Aeronautica & Difesa" N. 408 - 10/2020 pag. 22
  13. ^ David Kaminski-Morrow, Wideroe and Rolls-Royce pursue all-electric aircraft based on Tecnam design, in Flight International, 11 marzo 2021.
  14. ^ AERO11: Tecnam unveils three new aircraft, su flightglobal.com, flightglobal, 13 aprile 2011.
  15. ^ "TECNAM DELIVERS P2012 TRAVELLER TO ZIL AIR", su flightglobal.com, 3 dicembre 2019, URL consultato il 12 dicembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Periodici[modifica | modifica wikitesto]

  • Tecnam P2012 Traveller, in VFR Aviation, n. 18, Grottaferrata, Aero Media Press TV, dicembre 2016, p. 55.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]