Teatro romano di Trieste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teatro Romano
Teatro Romano di Trieste 4.jpg
Il Teatro romano di Trieste visto dall'alto.
Localizzazione
Stato Italia Italia
Provincia Trieste Trieste
Altitudine 17 m m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 2.726
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°38′57.01″N 13°46′18.01″E / 45.64917°N 13.77167°E45.64917; 13.77167

Il Teatro romano di Trieste visto dal basso

Il teatro romano di Trieste si trova a Trieste ai piedi del colle di San Giusto, in pieno centro della città, al limitare della città vecchia, tra via Donota e via del Teatro Romano.

La costruzione del teatro viene datata alla fine del I secolo a.C. e ampliato all'inizio del II secolo d.C. per volere di Quinto Petronio Modesto, un procuratore e flamine di Marco Ulpio Nerva Traiano.

All'epoca della sua costruzione il teatro si trovava fuori dalle mura cittadine ed in riva al mare, che a quel tempo giungeva sino in quella zona. Sulle sue gradinate, costruite anche sfruttando la naturale pendenza del colle, potevano venir ospitati, a seconda delle varie fonti, dai 3.500 ai 6.000 spettatori. Probabilmente fu costruito per volere del triestino Quinto Petronio Modesto, procuratore dell'imperatore Traiano, citato in diverse iscrizioni, che secondo altre fonti ne curò invece solamente degli interventi di rinnovamento.

Nel corso dei secoli il teatro venne poi nascosto dalle case che vi sorsero sopra. Ritenuto perduto, venne individuato nel 1814 dall'architetto Pietro Nobile, ma solo nel 1938 venne riportato alla luce, durante la demolizione di una parte della città vecchia. Le statue e iscrizioni rinvenute negli scavi sono conservate presso il Lapidario Tergestino al Castello di san Giusto al Civico Museo del Castello.

Al giorno d'oggi viene ancora saltuariamente utilizzato per spettacoli estivi all'aperto.

La struttura[modifica | modifica wikitesto]

La cavea, sfrutta la collina su cui si adagia, secondo l'uso greco, la gradinata si sviluppa attorno all'"orchestra", è suddiviso verticalmente in settori da cinque scale e orizzontalmente in due ripiani da corridoi. Un possente muro semicircolare che reggeva la copertura conclude a monte l'edificio del quale rimangono pure la scena rettangolare con pilastri e cinque porte. Il proscenio fisso, ornato di statue e nicchie, s'ergeva probabilmente con grande suggestione sul mare che, in epoca romana, lambiva il teatro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Paola Maggi, Renata Merlatti, Gabriella Petrucci ., SottoTrieste, Trieste, Università degli Studi di Trieste, 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN252245819