Teatro di Asmara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Teatro Asmara)
Jump to navigation Jump to search
Teatro di Asmara
Asmara, teatro d'opera, 02.JPG
Facciata del teatro
Ubicazione
StatoEritrea Eritrea
LocalitàAsmara
Realizzazione
Costruzione1920
ProprietarioGoverno eritreo

Coordinate: 15°20′08.96″N 38°56′06.81″E / 15.335822°N 38.935225°E15.335822; 38.935225

Il Teatro di Asmara[1][2] è un teatro che si trova ad Asmara, la capitale dell'Eritrea. È uno degli edifici più significativi del periodo italiano della città.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il soffitto dipinto

Il Teatro fu progettato dall'architetto di Busalla Odoardo Cavagnari nel 1918[1][2] e realizzato nel 1920 per la allora capitale della Colonia eritrea. Nel 1936 fu ingrandito[2][3].

Interno della sala

L'edificio si affaccia sulla principale arteria della città, allora chiamata Corso Italia e ora viale Harnet, all'angolo con Via Beleza. Il teatro è leggermente rialzato rispetto alla strada, e davanti vi è una fontana a forma di conchiglia in stile rinascimentale, circondata a due scaloni che salgono fino all'entrata. Questa è posta sotto un porticato in stile romanico con colonne corinzie.

Dalla cancellata si accede al foyer, che a sua volta dà accesso alla sala. Questa ha tre ordini di palchi e può ospitare un totale di 750 spettatori. Il soffitto della sala è dipinto in stile Art Nouveau da Francesco Saverio Fresa e raffigura dodici danzatrici[4].

La sala si chiamò Teatro di Asmara fino a quando i proprietari italiani lo vendettero allo stato etiope nel 1952.

Nel teatro venivano rappresentate sia opere di prosa, come i drammi di Pirandello, sia opere liriche, in particolare quelle di Puccini e di Verdi, interpretate da cantanti italiani[5].

Fino al colpo di stato di Mengistu Haile Mariam nel teatro di Asmara si esibivano artisti italiani come Renato Rascel e Renato Carosone.

Dopo l'indipendenza dell'Eritrea, nel 1993 il teatro passò nella proprietà del nuovo Stato[6]. Nel foyer ora c'è un caffè; il teatro è oggi usato occasionalmente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bertarelli, p. 623.
  2. ^ a b c aoi, p. 201.
  3. ^ Odoardo Cavagnari's Opera of Asmara (in Italian)
  4. ^ blog Tripwolf, su blog.tripwolf.com. URL consultato il 21 agosto 2015 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).
  5. ^ Teatro Asmara: prosa & musica on 08/23/1951
  6. ^ Haile Gebre Bocresion Mussie: The Collusion on Eritrea. 2nd ed. Asmara 2007; p. 174

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L.V. Bertarelli, Possedimenti e Colonie, in Guida d'Italia, vol. 17, Milano, Consociazione Turistica Italiana, 1929.
  • Africa Orientale Italiana, in Guida d'Italia, vol. 24, Milano, Consociazione Turistica Italiana, 1938.
  • Jean-Bernard Carillet, Ethiopia & Eritrea, 2009.
  • Leonardo Oriolo, Asmara Style, Asmara 1998, p. 149.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]