Taylor Hickson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Taylor Delaney Hickson

Taylor Delaney Hickson (Kelowna, 11 dicembre 1997) è un'attrice e cantautrice canadese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Taylor Hickson è nata a Kelowna, nella Columbia Britannica, ed è la maggiore di quattro fratelli. All'età di 11 anni, ha iniziato a cantare melodie folk insieme a suo padre nei talent show, e ben presto ha sviluppato una predilezione per chitarra e pianoforte.

Nel dicembre 2016, durante le riprese di Ghostland, per esigenze sceniche le venne richiesto di sbattere i pugni contro una finestra di vetro. La finestra si frantumò e lei cadde sul vetro, tagliandosi il lato sinistro del viso. La ferita ha richiesto 70 punti, che le hanno lasciato cicatrici permanenti.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una parte minore nel film Blackway, ha avuto un'altra parte minore nel film Deadpool. È stata successivamente scelta per la serie TV Deadly Class, ideata da Rick Remender e Miles Orion Feldsott e basata sull'omonimo fumetto creato da Remender e Wesley Craig. Dal 2020 interpreta Raelle Collar, protagonista della serie televisiva Motherland - Fort Salem.[2]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano delle opere in cui ha recitato, Taylor Hickson è stata doppiata da:

  • Giulia Catania in Deadpool
  • Sara Labidi in Noi siamo tutto
  • Mattea Serpelloni in Deadly Class
  • Margherita De Risi in La casa delle bambole - Ghostland
  • Veronica Puccio in Motherland - Fort Salem

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Travis M. Andrews, Taylor Hickson, an up-and-coming actress, was disfigured on a movie set. Now she’s suing, in The Washington Post, 9 marzo 2018. URL consultato il 15 marzo 2018.
  2. ^ (EN) Denise Petski, 'Motherland: Fort Salem' Gets Freeform Premiere Date & New Trailer – TCA, su Deadline, 17 gennaio 2020. URL consultato il 24 novembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3871156565723223500003 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019113580