Tauro (console 361)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Flavio Tauro (latino: Flavius Taurus; floruit 355-361; ... – ...) fu un politico e un militare dell'Impero romano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Suo padre era di umili origini; ebbe tre figli, Armonio, morto nel 391 circa, Eutichiano, prefetto del pretorio d'Oriente e console nel 398, e Aureliano, prefetto del pretorio d'Oriente e console del 400.

Tauro fu prefetto del pretorio d'Italia e d'Africa, nonché patricius, dal 355 al 361, e console nel 361. Nell'anno del suo consolato, il cesare Giuliano, di stanza in Gallia, venne proclamato augusto dalle truppe e si mosse con l'esercito contro l'augusto Costanzo II, che si trovava in Oriente. Quando la notizia che Giuliano aveva valicato le Alpi giunse a Roma, i consoli Tauro e Flavio Florenzio, sostenitori di Costanzo, abbandonarono la città; allora Giuliano li fece indicare nei documenti come consoli fuggitivi.[1] In seguito venne condannato per questa fuga al processo che si tenne a Calcedonia e inviato in esilio a Vercelli.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Zosimo, iii.10.4.
  2. ^ Ammiano Marcellino, xxii.3.4.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie
Predecessore
Imperatore Cesare Flavio Giulio Costanzo Augusto X,
Flavio Claudio Giuliano Cesare III
Console romano
361
con Flavio Florenzio
Successore
Claudio Mamertino,
Flavio Nevitta