Taureana di Palmi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'antica città brettia, vedi Tauriana.
Taureana di Palmi
Taureana di Palmi.jpg
Panorama di Taureana di Palmi e del Lido di Palmi.
Stato Italia Italia
Regione Calabria Calabria
Provincia Reggio Calabria Reggio Calabria
Città Palmi-Stemma.png Palmi
Codice postale 89015
Patrono San Fantino
Maria Santissima dell'Alto Mare
Giorno festivo 24 luglio
ultima domenica di luglio
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 38°23′20″N 15°52′01″E / 38.388889°N 15.866944°E38.388889; 15.866944

Taureana di Palmi è un quartiere[1] di Palmi. Sorge sullo stesso pianoro dove, fino al 951 d.C., era ubicata l'antica città di Tauriana o Taurianum, dalla quale prende il nome.

Il territorio di Taureana ha dato i natali a san Fantino il Vecchio, santo più antico della Calabria.[2] Il quartiere è oggi un importante centro archeologico della Calabria, ospitando il Parco archeologico dei Tauriani, una torre saracena del XVI secolo ed il tempio di San Fantino.

Sotto quest'ultimo edificio vi è la cripta di San Fantino, luogo di culto cristiano più antico della Calabria.[3]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere di Taureana di Palmi sorge su di un terrazzamento[4] posto a nord del centro cittadino, coltivato ad oliveti e vigne,[5] che sovrasta un tratto di Costa Viola.[6] Il centro abitato, situato ad un'altezza di circa 70-80 metri s.l.m., si eleva tramite un sistema di falesie[6] sulla pianura e sulle spiagge sottostanti, che costituiscono il Lido di Palmi. Una parte del territorio di Taureana rientra nell'elenco dei siti di interesse nazionale della Regione Calabria, con il nome di «Torre di Taureana».[7]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del nome

Il nome del quartiere deriva, ovviamente, da quello della vecchia città di Tauriana (Taurianum in latino e Ταυρανία in greco) che sorgeva nella zona. Il toponimo antico invece deriva da quello del populus italico che fondò la città brettia, i "tauriani".

Inoltre si evidenzia come la zona, nei secoli passati, fosse denominata anche san Fantino e Pietrenere[4] (o "Le Pietre Negre"[8] dal nome della marina sottostante che, a tutt'oggi, porta tale denominazione).

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Tauriana.

Dopo la devastazione dell'antica città di Tauriana, avvenuta nel 951, le prime notizie sul territorio risalgono all'anno 1086, quando il conte di Calabria Ruggero I di Sicilia soppresse la diocesi di Tauriana aggregandola alla nuova diocesi di Mileto.[9]

La torre saracena.

Nell'XI secolo i monaci basiliani ricostruirono un'abbazia, dedicata a san Fantino,[10] che cadde in abbandono durante il XV secolo.[11] Il titolo della chiesa passò a quella di San Giovanni teologo,[12] che fu perciò chiamata dei "SS. Fantino e Giovanni Teologo".[12] Anche questa chiesa fu, a sua volta, distrutta dai saraceni e lasciata in stato d'abbandono.[12]

Nel 1552 la chiesa di San Fantino venne riedificata dedicandola a SS. Maria dell'Alto Mare[12] e poco tempo dopo, nel 1565, venne edificata la Torre costiera di Pietrenere, nell'ambito della ricostruzione di Palmi, a seguito della distruzione del 1549 operata dal corsaro turco Dragut.[13]

Taureana subì il violento terremoto del 1783[3] e la sua chiesa, distrutta, venne ricostruita nel 1857.[3]

Verso la fine del XIX secolo avvennero i primi rinvenimenti archeologici fortuiti nell'area dell'antica Tauriana. Tutto ciò portò all'inizio di un interesse storico-archeologico verso quel pianoro dove sorgeva l'antica città bruzia e poi romana di Tauriana.[14] Pertanto, nel 1952, iniziarono a Taureana degli scavi che portarono a scoprire, nella zona del Tempio di San Fantino, la cripta di San Fantino, nella quale un tempo fu probabilmente sepolto il santo.[15]

Nel 1953 venne inaugurata la nuova chiesa parrocchiale.

Sul finire del XX secolo aumentarono gli scavi archeologici nelle aree attorno al tempio di San Fantino e alla Torre Saracena[16] e, nel 2011, venne inaugurato il Parco Archeologico dei Tauriani "Antonio De Salvo".[17]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

I resti dell'edificio per spettacoli, localizzato all'interno del Parco Archeologico dei Tauriani.

Società[modifica | modifica wikitesto]

La statua di Maria Santissima dell'Alto Mare, venerata a Taureana.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Diocesi di Tauriana.

Il quartiere fa parte della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi e del vicariato di Palmi. L'antica Tauriana era sede vescovile[20] e, ad oggi, sopravvive come sede vescovile titolare. L'attuale vescovo titolare è Alessandro Staccioli.

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Festa di Maria Santissima dell'Alto Mare (Taureana).

Tra le antiche tradizioni che si conservano e si tramandano a Palmi nei secoli,[21] quella che si svolge a Taureana è la festa della Madonna dell'Alto Mare,[22] celebrata l'ultima domenica di luglio con una processione a mare[23] e per le vie del quartiere, una piccola fiera, le luminarie per le strade e spettacoli pirotecnici.

L'altro avvenimento è la festa di San Fantino, con celebrazioni che conservano ancora oggi i caratteri della tradizione bizantina (divina liturgia in lingua greca) e con la benedizione di cavalli e cavalieri in costumi d'epoca, che precede una processione a cavallo dell'icona del santo dalla chiesa parrocchiale all'antico tempio.[24]

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

A Taureana sono presenti pochi enti pubblici o istituzioni. Tra questi vi sono una scuola d'infanzia, una scuola primaria ed un ufficio postale.[25]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

All'interno dell'Estate Palmese vi sono alcuni eventi svolti del quartiere di Taureana. L'evento principale del quartiere è la festa della Madonna dell'Alto Mare (fine luglio) la quale, al di la dell'aspetto religioso, offre alcuni appuntamenti civili come spettacoli musicali, una piccola fiera ambulante e spettacoli pirotecnici. Nei giorni della festa, che comprende il 24 luglio la festa di san Fantino, le vie principali del quartiere risultano addobbate di luminarie. Un altro evento annuale è la festa della corporazione dei bovari, nel mese di agosto. La corporazione dei bovari, che dal 2008 ha sede nel quartiere, è una delle cinque corporazioni della Varia di Palmi, festa inserita dal 2013 nel Patrimonio orale e immateriale dell'umanità dell'UNESCO. Inoltre, in vari periodi dell'anno, nel Parco archeologico dei Tauriani vengono organizzati alcuni eventi di carattere storico, artistico e musicale.

Persone legate a Taureana di Palmi[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Il quartiere di Taureana è costituito dal nucleo storico che sorge attorno alla chiesa parrocchiale, e da alcuni rioni e contrade esterni. I più vicini portano i nomi di Traviano, San Fantino, Cupola, Pirara e Casa Cantoniera. Inoltre, risalendo la collina, lungo la Strada statale 18 Tirrena Inferiore sorgono le contrade denominate Monte Terzo e Cisterne.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il turismo è l'attività economica principale del quartiere. La località risulta, turisticamente, abbastanza attrezzata in quanto vi sorgono nelle vicinanze alcuni alberghi, ristoranti, pizzerie e campeggi.[26]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade e autostrade[modifica | modifica wikitesto]

La principale arteria stradale che passa vicino al centro di Taureana è la strada statale 18 Tirrena Inferiore, che attraversa le contrade di Cisterne-Monte Terzo. Le altre arterie stradali del territorio, di importanza sovra-comunale, sono le ex strade provinciali che collegano Taureana con la suddetta S.S. 18, con il centro storico di Palmi e con il Lido di Palmi.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del quartiere è attraversato da due linee ferroviarie: la Ferrovia Tirrenica Meridionale Battipaglia-Reggio Calabria, gestita dalla RFI SpA, e la Ferrovia Gioia Tauro-Palmi gestita dalle Ferrovie della Calabria. Le due stazioni del quartiere, la stazione di Taureana per la RFI e la stazione di San Fantino per la FdC, risultano attualmente dismesse.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda i trasporti urbani il quartiere è collegato al centro cittadino di Palmi dall'azienda municipale di trasporti, denominata Piana Palmi Multiservizi. Percorre le strade di Taureana la linea Palmi-Scinà, che collega il quartiere anche con il Lido di Palmi.[27] Nel periodo estivo Taureana è servita inoltre dalle linee di trasporto su gomma delle Ferrovie della Calabria, con la linea 1107 Lido di Palmi-Seminara-Melicuccà che collega la zona marittima di Palmi con suddetti comuni.[28]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Nell'XXI secolo venne fondata la società calcistica ASD Taureana, i cui colori sociali erano il giallo ed il verde. Nel logo ufficiale del club era rappresentata la Torre saracena ed il suo campo da gioco era lo stadio San Giorgio di Palmi. Nel giro di pochi anni la società, che partì dalla Terza categoria, arrivò a disputare il campionato di Promozione nella stagione 2013-2014. Nella stessa stagione, oltre alla salvezza in campionato conquistata vincendo i play-out, il club partecipò anche alla Coppa Italia Dilettanti. In questo torneo l'ASD Taureana disputò l'incontro più importante della sua storia, affrontando al primo turno il derby contro l'Unione Sportiva Palmese 1912, perso per 0-2 allo stadio San Giorgio.[29] Nel 2014 la società non venne iscritta a nessun campionato FIGC.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati Istat 2001. Taureana rientra, secondo l'Istat, all'interno della perimetrazione del centro abitato principale della città, costituito dal capoluogo comunale. La continuità fisica tra il capoluogo comunale e Taureana è data dalle abitazioni che sorgono lungo la Strada Statale 18. Inoltre lo statuto comunale non prevede nessuna frazione ufficiale, dawinci.istat.it. URL consultato il 18 giugno 2013.
  2. ^ bios di Fantino il Vecchio, santiebeati.it. URL consultato il 16 febbraio 2013.
  3. ^ a b c d Il Tempio Di San Fantino, arteculturafotoin.it. URL consultato il 6 maggio 2013.
  4. ^ a b Guida Touring, pag. 629
  5. ^ Guida Touring 2003, pag. 155
  6. ^ a b Descrizione della Costa Viola, webgis.concorsionweb.com. URL consultato il 5 aprile 2013.
  7. ^ Scheda del S.I.N. "Torre di Taureana", webgis.concorsionweb.com. URL consultato il 25 aprile 2013.
  8. ^ De Salvo, p. 160
  9. ^ De Salvo, p. 24
  10. ^ De Salvo, pagg. 25 e 26
  11. ^ Periodico "Madre Terra News" n. 24 - Dicembre 2011 Pagg. 12-13
  12. ^ a b c d De Salvo, pagg. 148-149
  13. ^ De Salvo, pag. 150
  14. ^ Pannello esplicativo all’interno del Parco Archeologico dei Tauriani, ilgiornaledellapianadigioiatauro.it. URL consultato il 6 maggio 2013.
  15. ^ Scheda sul Tempio di San Fantino, campingsanfantinopalmi.it. URL consultato il 14 aprile 2013.
  16. ^ Pannello esplicativo all'interno del Parco Archeologico dei Tauriani, ilgiornaledellapianadigioiatauro.it. URL consultato il 2 maggio 2013.
  17. ^ Parco Archeologico dei Tauriani, scheda di Italia Nostra (PDF), italianostra.org. URL consultato il 14 aprile 2013.
  18. ^ La Torre Saracena: TAUREANUM: origini e zona archeologica, latorresaracena.it. URL consultato l'11 febbraio 2013.
  19. ^ Inaugurazione del parco, pianainforma.it. URL consultato il 10 febbraio 2013.
  20. ^ Vincenzo Saletta La Diocesi di Tauriana. Origini della Diocesi Vescovile, Roma, 1979, Biblioteca Comunale di Polistena
  21. ^ Lovecchio, p. 11
  22. ^ Lovecchio, p. 12
  23. ^ "Tempo religioso e tempo storico - Saggi e note di storia sociale e religiosa dal Medioevo all'età contemporanea, vol. III" di Gabriele De Rosa, edizioni di Storia e letteratura, pagg. 200-201
  24. ^ Festa di San fantino 2012, ilgiornaledellapianadigioiatauro.it. URL consultato il 1º maggio 2013.
  25. ^ Ufficio postale di Taureana, palmi.paginegialle.it. URL consultato il 1º maggio 2013.
  26. ^ Guide d'Italia Touring Club - "Calabria e Basilicata", books.google.it. URL consultato il 29 aprile 2013.
  27. ^ orari e linee di trasporti dell'Azienda di trasporti municipale PPM (PDF), ppmspa.it. URL consultato il 14 maggio 2013.
  28. ^ Orario autolinea 1107 delle ferrovie della Calabria Lido di Palmi-Seminara-Melicuccà (PDF), ferroviedellacalabria.it. URL consultato il 14 maggio 2013.
  29. ^ Coppa Italia Eccellenza: Longo-Rizzo, Va Alla Palmese La Stracittadina

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]