Tatiana Zorri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tatiana Zorri
Nazionalità Italia Italia
Altezza 165 cm
Peso 57 kg
Calcio a 5 Futsal pictogram.svg
Squadra 600px Blu Royal con fascette Bianche e bordo Giallo.svg Bassotti
Carriera
Squadre di club
2017-600px Blu Royal con fascette Bianche e bordo Giallo.svg Bassotti? (?)
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Ex centrocampista
Ritirata 2014 - giocatrice
Carriera
Giovanili
Black and White Striped.png Sora
600px Blu Savoia e Giallo Ombreggiato-Flag.svg Frosinone
Squadre di club1
1993-2004Lazio CF? (?)
2004-2008Torino? (?)
2008-2010Tavagnacco42 (4)
2011Lazio CF3 (0)
2012Torino19 (5)
2012-2013Bardolino Verona29 (4)
2013-2014Luserna19 (3)
Nazionale
1993-2010Italia Italia155 (22)
Carriera da allenatore
2013-2017Luserna
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al gennaio 2018

Tatiana Zorri (Sora, 19 ottobre 1977) è una giocatrice di calcio a 5, allenatrice di calcio ed ex calciatrice italiana, nel calcio a 11 di ruolo centrocampista, atleta de I Bassotti.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Tatiana Zorri si appassiona al gioco del calcio fin da giovanissima, tesserandosi prima con il Sora per passare in seguito al Frosinone e giocando con i maschietti nelle loro formazioni giovanili miste fino al raggiungimento dell'età massima prevista dalla federazione.

Nel 1993 si trasferisce alla Lazio CF, società che le offre l'opportunità di continuare l'attività agonistica in una formazione interamente femminile per la stagione 1993-1994, venendo inserita in rosa con la prima squadra che partecipa al campionato di Serie A. Veste i colori della società laziale per undici stagioni consecutive, periodo in cui vince la sua prima Coppa Italia, al termine dell'edizione 1998-1999 gioca, perdendola, la Supercoppa 1999, e con la squadra sponsorizzata Ruco Line si laurea campione d'Italia al termine della stagione 2001-2002. Zorri ha così occasione di fare il suo debutto in una competizione UEFA la stagione seguente, nell'incontro del 25 settembre 2002 dove, con la denominazione Enterprise Lazio, nell'ambito della fase a gironi della UEFA Women's Cup 2002-2003, gruppo 2, superano le israeliane del Maccabi Haifa per 5-0.[1] La stagione termina con la conquista della seconda Coppa Italia, quella dell'edizione 2002-2003.

Durante il calciomercato estivo 2004 decide di trasferirsi al Torino, società con la quale gioca le successive quattro stagioni, migliore posizione il secondo posto dietro al Bardolino Verona al termine del campionato di Serie A 2006-2007, per accasarsi dalla stagione 2008-2009 al Tavagnacco, rimanendo con la nuova società fino al termine della successiva e collezionando due terzi posti in Serie A.

Nella stagione 2010-2011 è tornata a vestire la maglia della Lazio, sempre nella Serie A femminile italiana, rimanendo anche per la prima parte della stagione successiva, per poi tornare nel calciomercato invernale a vestire la maglia del Torino, città in cui vive.

Nel mercato estivo della stagione 2012-2013 ritorna al Bardolino Verona[2].

Al termine della stagione decise di ritirarsi dal calcio giocato[3] dedicandosi all'allenamento, tuttavia la dirigenza del Luserna, squadra alla quale affida la guida tecnica dalla stagione di Serie B 2013-2014, la convince a tornare in organico finendo la seconda parte del campionato nel doppio ruolo di giocatrice e allenatrice.[4]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Zorri ha fatto il suo esordio in azzurro nel 1993. Ha esordito a solo 15 anni e mezzo quando il ct Sergio Guenza l'ha chiamata in nazionale. Fa il suo debutto in una competizione UEFA il 29 ottobre 1994, in occasione della partita di ritorno dei quarti di finale delle qualificazioni al campionato europeo di calcio femminile 1995, nell'incontro dove la Norvegia batte l'Italia 4-2 precludendole l'accesso alla fase finale del torneo.[1]

Allenatrice[modifica | modifica wikitesto]

Sotto la sua guida come responsabile tecnico della prima squadra del Luserna, al suo primo anno di allenamento, la 2013-2014, riesce a far raggiungere la seconda posizione, mentre l'anno successivo ottiene la storica promozione della società conquistando la prima posizione del Girone A al termine della stagione di Serie B 2014-2015.

Calcio a 5[modifica | modifica wikitesto]

Conclusa l'esperienza in panchina con il Luserna, a quasi 40 anni raggiunti Zorri decide di iniziare una nuova avventura agonistica cambiando disciplina sportiva, il calcio a 5 femminile, tesserandosi per I Bassotti, società iscritta al campionato italiano di Serie A2, girone A, 2017-2018.[5]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatrice[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Lazio: 2001-2002
Lazio: 1998-1999, 2002-2003

Allenatrice[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Luserna: 2014-2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b UEFA, Tatiana Zorri.
  2. ^ Calciomercato, il punto: bene Bardolino, Brescia e Napoli. Siena, incognita iscrizione[collegamento interrotto]
  3. ^ Tatiana Zorri saluta il calcio «E lo faccio con il sorriso» « L'altro Giornale Verona Archiviato il 2 ottobre 2013 in Internet Archive.
  4. ^ Football.it, Tatiana Zorri.
  5. ^ Grazia Tomassetti, Tatiana Zorri da tris, quando la classe non ha età, su tiroliberoweb.it, 10 ottobre 2017. URL consultato il 15 gennaio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Carboni e Gabriele Cecchi, Annuario del calcio femminile 2002-2003, Agnano Pisano (PI), Etruria Football Club - Stamperia Editoriale Pisana S.r.l., luglio 2003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]